Una messa per la Pace

Eventi Mercoledì 13 dicembre a Monreale l'opera di Karl Jenkins per soli, voce recitante, cori riuniti ed ensemble

Mercoledì 13 dicembre alle 21 al duomo di MonrealeUna messa per la pace di Karl Jenkins (1944) (The Armed Man a Mass for Peace), per soli, voce recitante, cori riuniti e ensemble con l’ensemble dell’Orchestra Giovanile Siciliana diretta da Giovanni Mirabile, il Coro Voci bianche Foss diretto da Fabio Ciulla e i cori “Anthea Juvenes” di Augusta, diretto da Martina Di Gaetano, “I mirabili” di Messina, diretto da Sonia Mangraviti “I piccoli cantori”, di Barcellona Pozzo di Gotto, diretto da Salvina Miano, “Note colorate” di Messina, diretto da Giovanni Mundo, “Ouverture”, di Barcellona Pozzo di Gotto, diretto da Giovanni Mirabile, “Sikelia” di Termini Imerese, diretto da Loredana Russo, “Stesicoro” di Termini Imerse, diretto da Loredana Russo, “Coro Giovanile Siciliano” (Palermo, diretto da Giovanni Mirabile).

The Armed man: a Mass for peace. E’ stata composta da Karl Jenkins nel 2000. E’ una composizione per solisti, coro e orchestra, il cui cd, diretto dallo stesso autore, ha venduto milioni di copie in tutto il mondo. “The armed man” trae il titolo dalla omonima e famosissima chanson medioevale “L’homme armé”.
L’idea di comporre l’opera venne a Jenkins allo scoppio della guerra in Kosovo, e vuole essere un’esortazione a non prendere le armi, a evitare i conflitti. Si tratta di un concerto concepito per non far morire la speranza in un tempo di morte. I testi, di grande valenza simbolica e letteraria, si susseguono secondo uno schema narrativo incalzante. E’ la parola cantata a guidare l’ascoltatore in un percorso ideale dalla guerra alla pace: la chanson, la chiamata del muezzin, i testi immortali dei Salmi, l’antichissimo poema indiano “Mahabharata”, i testi liturgici, l’incitamento devastante dei versi di Kipling, le meditazioni dolenti sulla catastrofe di Hiroshima scritte da Togi Sankichi (poetasimbolo morto proprio in seguito alle radiazioni nucleari). Si tratta di musiche molto coinvolgenti che creano un’atmosfera particolare.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.