lunedì 16 settembre 2019

lunedì 16 settembre 2019

MENU

Una messa in scena poco incisiva l'Orfeo di Mitoff

Recensioni

La piéce che al Castello Ursino di Catania ha aperto la rassegna dedicata al teatro classico, riletta e adattata da Salvatore Guglielmino, prometteva di essere interessante ma non ha convinto del tutto


di Silvana La Porta

Rileggere un mito classico è ormai di moda. Se poi il protagonista è nientemeno che Orfeo, il magico poeta che ammaliava tutti col suo canto, l’operazione si fa difficile e insidiosa.
Così lo scorso 31 agosto nell’imponente corte del Castello Ursino, dinanzi a un folto pubblico si è inaugurata la rassegna dedicata al teatro classico Mitoff, inserita nel cartellone del Summer Fest patrocinata dal Comune di Catania, una produzione MediaManagerEvents, con una piéce che prometteva di essere interessante, l’affascinante storia di Orfeo riletta e adattata per il palcoscenico da Salvatore Guglielmino, che ha rivestito i panni del protagonista.

Il cast di Orfeo - ph Dino Stornello

Affascinante l’incipit con una brava Alice Ferlito, che, nel ruolo della corifea (oltre che successivamente in quello di Persefone), ha narrato l’infelice storia del cantore di Tracia e della sua amata Euridìce (con l’accento sulla penultima, eppure nello spettacolo si è infelicemente ritratto sulla terzultima, dando come esito un orribile Eurìdice!). Poi hanno duettato sulla scena Salvatore Guglielmino e Martina Minissale, che hanno offerto una recitazione adeguata, intermezzando la parti recitate con brani cantati accompagnati dalla musica di un quartetto d’archi arrangiata da Giuseppe Romeo.

Da Virgilio e Ovidio a Cesare Pavese: inquietante ma suggestiva si è rivelata la rilettura di Guglielmino del tragico mito, che forse necessitava di una messa in scena un tantino più incisiva, anche se Martina Minissale ha ben incarnato la complessa psicologia di Euridice, scissa tra amore per il marito e il desiderio di rimanere nel regno dei morti per continuare ad ispirarlo. Non sappiamo se, tra le pieghe della sua rilettura, Guglielmino non abbia tenuto presente Paola Mastrocola e il suo bel libro “L’amore prima di noi” dove Euridice ha voglia di tornare a vivere, ma "chi impara a staccarsi dalle cose non torna": ormai per lei l'amore è lontananza.

Alice Ferlito ha suggellato con una narrazione accorata l’infelice vicenda di Orfeo, preda delle Baccanti, come ci racconta Ovidio, perchè insegnò ai traci ad indirizzare il proprio amore verso i fanciulli (ma la pederastia, si sa, in Grecia era katà physin, secondo natura).
Attendiamo fiduciosi i prossimi appuntamenti della rassegna. Salvatore Guglielmino ha promesso che si tratterà di spettacoli all’insegna della classicità, quello che tutti gli estimatori vorrebbero. Fedra di Seneca il 14 settembre e Agamennone di Eschilo il 28 ben fanno sperare…


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 05 settembre 2019
Aggiornato il 10 settembre 2019 alle 18:22





Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

L'emotiva e fragile Turandot di Elina Ratiani

Bella e convincente l'opera messa in scena al Teatro antico di Taormina lo scorso 3 settembre, a cominciare dalla regia di Enrico Stinchelli, ma la grande rivelazione è stata il soprano georgiano che si è rivelata più di una virtuosa del canto

Il carisma e il tocco cristallino di Marta Argerich incantano Taormina

Al teatro antico la celebre pianista svizzero-argentina ha chiuso il Taormina Opera Stars di Davide Dellisanti eseguendo il sul Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra di Franz Liszt. Con lei il pianista italo-argentino Daniel Rivera che ha eseguito il Concerto in la minore per piano e orchestra op.16 di Edvard Grieg. Il M° Gianna Fratta ha condotto l'orchestra del Taormina Opera Stars

Odissea alle Gole Alcantara: «Uomo in mare si salva sempre…»

Un palcoscenico naturale e magico per il capolavoro di Omero diretto dal regista Giovanni Anfuso. Un'ottima squadra e uno splendido cast per portare in scena gli insegnamenti immortali della letteratura classica. Repliche fino al 25 agosto

Monica Guerritore a Taormina, mattatrice dall’alba al tramonto

Grandi applausi per l'attrice romana protagonista di due spettacoli al Teatro antico, due spettacoli diversi legati dal medesimo fil rouge: il racconto interiore e la discesa nell’anima del mondo

'A Muntagna è viva. Come il teatro a Catania

Repliche a Catania fino all'8 agosto per "ETerNA. A vucca l'amma", testo di Luana Rondinelli e regia di Nicola Alberto Orofino, dove la vera primadonna è stata la bella e terribile Etna di cui un cast di grandi attori narra tutti i sentimenti di una tragedia storica, l’eruzione del 1669 che distrusse Catania

Silvio Laviano fa rivivere Enoch Arden. Pura poesia

L'attore catanese, giunto alla sua maturità artistica, per la rassegna “Il Bellini nel Barocco – Poesia in Musica” ha donato al pubblico nell’incantevole scenario del cortile di Villa San Saverio, una vera e propria chicca