sabato 20 ottobre 2018

sabato 20 ottobre 2018

MENU

Una Marina di Libri all'insegna dell'oralità

Libri e fumetti

Dal 7 al 10 giugno a Palermo il festival dell'editoria con tanti ospiti tra cui Mimmo Cuticchio e Stefano Benni


di Redazione SicilyMag

L’importanza della parola, scritta o pronunziata. La nona edizione di Una marina di libri, firmata da Piero Melati, promossa dal CCN Piazza Marina & Dintorni in collaborazione con le case editrici Navarra e Sellerio e la Libreria Dudi, si svolgerà all’Orto Botanico di Palermo da giovedì 7 a domenica 10 giugno. Il tema scelto è l’oralità: non a caso l’edizione verrà aperta e chiusa da due “cantori” d’eccezione: Mimmo Cuticchio e Stefano Benni.
Cucitor di canti è un verso di Pindaro, l’antico aedo che narrava oralmente le storie a stretto contatto con il pubblico, da qui nacque la scrittura – spiega Piero Melati - Abbiamo scelto questo tema perché rappresenti un inizio, un tentativo di ricominciamento, nel contatto diretto, per ridare espressione e importanza alla parola, scritta e orale”.

Stefano Benni

All'interno della suggestione dell'oralità ci saranno quattro direzioni tematiche, con vari appuntamenti riuniti da un identico titolo e da un colore e di cui alcuni autorevoli personaggi si faranno portavoce: il noir (“Le forme del giallo”, colore giallo) narrato da Alicia Giménez Bartlett, il gotico (“Gotica”, colore nero) con Pupi Avati, i grandi maestri del sapere (“Maestri e ribellioni”, colore rosso) raccontati da Enrico Deaglio, Adriano Sofri e Giuseppe Tornatore, i segreti dell’Orto botanico (“Il cammino verde”, colore verde) svelati dai suoi esperti.

Le direzioni non saranno monolitiche, ma articolate in vari aspetti: il noir francese del Quais du Polar, festival lionese con cui Una marina di libri è gemellata grazie alla collaborazione con l’Institut Français Palermo, (tra gli autori presenti Dominique Manotti, vincitrice del Prix Mystère de la critique e il Grand Prix de la Littérature Policière; Gilles Del Pappas, vincitore del Grand Prix Littéraire de Provence e del Prix du polar lycéen d'Aubusson, Laurent Binet, vincitrice del Prix Interallié e il Prix du Roman Fnac) insieme agli autori della “scuola siciliana”, capitanata da Sellerio, (Gian Mauro Costa, Santo Piazzese, Piergiorgio Di Cara, Antonio Pagliaro); la letteratura gotica dei grandi scrittori siciliani – da Pirandello a Verga – che sconfina nel fantastico raccontato da Fabio Camilletti; le ribellioni giovanili nelle università, i grandi maestri amati o contestati dell’Ateneo palermitano, da Theodor Adorno a Cesare Brandi, da Furio Jesi a Emilio Segrè, Premio Nobel per la Fisica nel 1959, fino ad arrivare ai giorni nostri con la presenza di John Freeman, critico e editore della rivista Granta; infine un percorso dedicato alla natura e la sostenibilità che ci porterà a scoprire il fantastico e finora sconosciuto “viaggio” delle piante.

Una Marina di Libri all'Orto Botanico di Palermo

Immancabile l’appuntamento con l’amata rassegna “Gli scrittori che ci mancano”: Alessandro Leogrande raccontato da Evelina Santangelo, David Foster Wallace raccontato da Francesco Pacifico, Giorgio Manganelli raccontato da Andrea Cortellessa e Salvatore Silvano Nigro, Natalia Ginzburg raccontata da Sandra Petrignani, a cui si affianca quest’anno la nuova rassegna “Women in love” su Emily Brontë, Mary Shelley e Virginia Woolf, ideata da Sara Scarafia con Ginevra Bompiani, Chiara Valerio, Giorgio Vasta e Tommaso Ragno.

E ancora, “Cucitor di parole altrui” un palinsesto di incontri sulle traduzioni curato dai sindacati AITI, ANITI e StradeLab. Infine il gruppo Billy - Il vizio di leggere terrà il proprio raduno nazionale durante il festival proponendo una rassegna di incontri con Javier Arguello, Orazio Labbate e un dibattito su “Il sale” di Jean-Baptiste Del Amo, vincitore dell’edizione 2018 di Modus Legendi.
Grande attenzione anche per l’attualità e, nell’anno di Palermo Capitale italiana della cultura 2018, alla nostra città e ai suoi personaggi del passato. Da Raimondo Lanza, l’ultimo gattopardo, all’epistolario di Lia Pasqualino Noto presentato da Dacia Maraini; da Fiammetta Borsellino che parlerà ai giovani della città di giustizia e ricerca della verità, dagli autori in divisa proposti dalla Questura in dialogo con GiuseppinaTorregrossa e Daniele Billitteri fino ad arrivare al 40esimo anniversario della morte di Peppino Impastato ricordato con un omaggio speciale curato da Navarra Editore. Spazio ai giovani liceali del Galileo Galilei vincitori dell’ultima kermesse di Per un pugno di libri.

Dacia Maraini

Oralità è anche musica con Olivia Sellerio, The Brass Group, gli artisti di Almendra, Roberto Soldatini animeranno le serate di Una marina di libri 2018; teatro con Peppe Servillo che leggerà la saga de I bastardi di Pizzofalcone di Maurizio de Giovanni, l’Antigone di Gianpaolo Bellanca e Miriam Leone; arte grazie al fitto calendario di eventi promossi dalla Accademia delle Belle Arti di Palermo e solidarietà grazie al contributo di Medici senza frontiere, Amnesty, Sos Mediterranèe.
“Siamo molto lieti di poter sostenere un evento di così alto livello culturale sia per gli editori coinvolti che per gli importanti scrittori e artisti presenti” ha detto Francesco Martina, Responsabile Private Banking Palermo di UniCredit, intervenuto oggi alla presentazione di Una marina di Libri. “La nostra partecipazione vuole anche essere un segnale concreto nei confronti del territorio e della comunità in cui la banca opera. UniCredit oggi è una primaria banca in Italia e in Europa non solo per la sua capacità di essere fortemente innovativa nell’offerta di prodotti e servizi per la clientela, ma anche per un costante impegno volto allo sviluppo dei territori dove opera, al dialogo con le istituzioni e all’ascolto delle comunità locali. Il mondo che viviamo è oggi caratterizzato da profondi cambiamenti - quello bancario, ad esempio, sta vivendo una radicale trasformazione legata alla cosiddetta “digitalizzazione” - e si rende necessario quindi per UniCredit essere fortemente presente nel territorio e potersi costantemente confrontare con quanti, nel territorio, intendono portare avanti nuovi percorsi e nuovi progetti”.

Miriam Leone

La libreria Dudi curerà, per il quarto anno consecutivo, un ricco programma dedicato ai bambini e alle bambine, alle famiglie e agli operatori culturali con la presenza dei maggiori illustratori, autori e esperti di letteratura per l'infanzia. Tra i tanti ospiti, gli illustratori Valerio Vidali, Violeta Lopiz e Massimo Caccia, il gruppo di designer Studio Fludd, che presenterà un progetto sugli orti botanici europei, e Francesca Archinto, fondatrice della storica casa editrice Babalibri.
97 gli editori presenti quest’anno che contribuiranno con le loro ultime pubblicazioni e numerose presentazioni in anteprima nazionale a un programma di oltre 300 eventi per 4 giorni tra libri, letture e musica.

Anche quest’anno Una marina di libri conferma il suo impegno per l’accessibilità e inclusività, grazie al supporto per le persone con disabilità motoria garantito dagli operatori alla mobilità di Aism – Associazione italiana sclerosi multipla, A.O.P.C.S. – Attività Operativa Protezione Civile e Sociale e Associazione San Marco; al servizio di interpretariato Lis degli eventi principali per le persone sorde; alla partnership con l’Uici – Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti che metterà a disposizione un dispositivo elettronico per la lettura e decodifica della pagina scritta e un pullman che ospiterà un laboratorio per la creazione di testi in Braille e un “bar al buio” in cui tutti possano provare l’esperienza della mancanza della vista.

Tutti gli eventi sono gratuiti ma l’ingresso alla manifestazione è soggetto a un contributo che andrà all’Università degli Studi di Palermo per il sostegno e la tutela dell’Orto botanico che ospita il festival. Il biglietto giornaliero avrà un costo di 3 €; il ridotto (12-18 anni, over 65, studenti Universitari muniti di Unipa card) avrà un costo di 2 €. Il cumulativo, che prevede ingressi illimitati per le 4 giornate, costerà 6 €. Potranno accedere alla manifestazione senza pagare alcun contributo i bambini (da 0 a 12 anni), gli espositori presenti in fiera, relatori e autori, i membri dell’organizzazione.

La giornata inaugurale del 7 giugno sarà ad accesso libero.
Il festival verrà inaugurato giovedì 7 giugno alle 17. La manifestazione termina ogni giorno alle 24, con chiusura dei cancelli e ultimo ingresso alle 23:30.
Venerdì 8 giugno, la manifestazione chiuderà a pranzo dalle 14 alle 16:30; sabato 9 e domenica 10 giugno l’ingresso sarà continuato dalle 10 alle 24.

Guarda il programma completo di Una Marina di Libri 2018


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 28 maggio 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Dentro gli abissi dell'animo umano con Anna Giurickovich Dato

"La figlia femmina", edito da Fazi, il romanzo che ha fatto conoscere la giovane scrittrice catanese, tocca un tema molto delicato e lo fa in maniera provocatoria, il rapporto inquietante tra un padre ed una figlia: «Sono una provocatrice. Ho studiato la psicoanalisi e l'ho fatta per dieci anni. La psicoanalisi è uno dei nodi cruciali della mia attività letteraria»

Federica Raccuglia: «Di padre Pino Puglisi ho privilegiato la comunicazione»

La giornalista palermitana ha pubblicato per i tipi di Edizioni La Zisa "L'uomo del dialogo contro la mafia. La storia di Padre Pino Puglisi" in cui ripercorre le tappe fondamentali della vita del parroco ucciso a Brancaccio attraverso lettere, appunti, inedite registrazioni di incontri e le testimonianze di chi lo ha conosciuto. Giovedì 13 settembre la presentazione a Palermo

Maurizio Molinari: «L'identità nazionale in Sicilia è granitica come lo sguardo di Mattarella»

Per il direttore de La Stampa, autore del saggio Il ritorno delle tribù, sulla frammentazione dei gruppi di potere nel mondo islamico e in Occidente, l'Isola, strategica già militarmente ed ora commercialmente, deve alla componente antimafiosa del suo popolo il dna dello Stato: «L'esperienza nella lotta alla mafia è servita anche nella difesa contro il terrorismo islamico»

Quell'ottica siciliana che ci fa capire cosa è successo in Italia

La Sicilia ha avuto un ruolo importante in diversi passaggi storici nazionali ed europei, come ben evidenziato in “Storia della Repubblica” dello storico Guido Crainz, un racconto critico, multidisciplinare e ben strutturato di settant'anni di storia italiana

«La Sicilia è battistrada nel dialogo fra Cristianesimo e Islam»

Il delicato tema del rapporto fra le due religioni monoteistiche viene approfondito dal giornalista nel libro "Noi fratelli", scritto con Stefano Girotti Zirotti e che vanta l'introduzione di Papa Francesco. Ed uno spazio importante lo ha avuto - da Federico II in poi - la Sicilia. Mazzuca: «Avanguardia di dialogo, crogiolo di civiltà e culture, è tutt'ora luogo di incontro»

"Visioni", in un libro il viaggio ventennale della Scuola superiore di Catania

Il giornalista etneo Giorgio Romeo ha realizzato per conto dell'istituto di alta formazione dell'Università di Catania un libro che racconta le fasi cruciali della storia di una istituzione culturale di notevole rilievo. Romeo: «Ho incluso la molteplicità di visioni che fa comprendere come questo progetto sia un’opportunità per ripensare la Sicilia, i giovani, il futuro»