sabato 25 maggio 2019

sabato 25 maggio 2019

MENU

Una festa celebra l'universo femminile del vino

Calici & Boccali

Da sabato 2 marzo e per una settimana in tutta Italia si celebra “La Festa delle Donne del Vino”. In Sicilia si parte con due diverse iniziative a Marsala e a Noto, e si prosegue l'8 e il 9 marzo a Palermo e Catania


di Redazione SicilyMag

Il mondo del vino diventa fashion con “La Festa delle Donne del Vino” dal Nord al Sud del Belpaese. Cantine d’autore, etichette, accessori da vino, packaging e linguaggi alternativi: questo e altro negli eventi dedicati al tema «Donne Vino e Design» che si svolgeranno in tutta Italia a partire da sabato 2 marzo per tutta la settimana successiva. Visite in cantina, performance, conferenze, piccole mostre, spettacoli organizzati dall’Associazione Nazionale Le Donne del Vino. Un modo per mettere sotto i riflettori l’apporto di creatività, rinnovamento e qualificazione fornito del “gentil sesso” al proprio comparto produttivo. Un modo orgoglioso ma anche costruttivo per dire che il vino sta cambiando look e questa rivoluzione è rosa.
Anche la Sicilia, la Delegazione Donne del Vino presieduta da Roberta Urso, festeggia sabato 2 marzo con due diverse iniziative a Marsala, in provincia di Trapani e a Noto, in provincia di Siracusa.

Roberta Urso, delegata regionale de Le Donne del Vino

«Sabato 2 marzo noi Donne del vino di Sicilia racconteremo il nostro universo, fatto di vino, vigna, territori e tanto entusiasmo- dice Roberta Urso, delegata regionale dell’associazione-. Lo faremo aprendoci al pubblico all’interno di due splendide location, luoghi di divulgazione della cultura del vino, quali le Enoteche della Strada del Vino di Marsala e del Val di Noto. Insieme alle vice delegate Stefania Busa’ e Flora Mondello, ed alle socie tutte della delegazione Sicilia vogliamo fortemente fare squadra tra di noi nella filiera, ponendo evidenza sulla centralità del vino per l’economia della nostra isola. Il nostro debutto ufficiale sarà proprio la festa nazionale delle Donne del vino: la chiave di lettura delle nostre etichette del cuore diventa spunto per comunicare esperienze uniche, fatte di passione ed energia pura, unita alle voci di designer & architetti siciliani la cui missione è produrre ed esprimere bellezza»
Partecipano anche graphic designer, stilisti ed architettiperaccendere la discussione sulle nuova estetica del vino coniugata al femminile. La bottiglia e gli accessori da vino si trasformano in arredi civettuoli della casa e della tavola e non sono più solo strumenti di un servizio ben fatto. Persino il colore di etichette, packaging, luoghi e accessori del vino viene influenzato dalla femminilizzazione: meno blu, nero e grigio, più rosso e pastelli. Anche il linguaggio che viene utilizzato è spesso fuori dagli schemi, quando non di rottura rispetto alla tradizione, portando ad accendere la discussione sulle nuove forme di comunicazione.

A Marsala, le Donne del Vino si raccontano attraverso le etichette più significative della loro produzione, sabato 2 marzo alle 17,30 nella suggestiva cornice di Palazzo Fici,- luogo eletto simbolo di Marsala, Città del Vino- che ospita l’enoteca delle Strade del Vino di Marsala, Terre d’Occidente (via XI Maggio, 32). L’apertura dell’incontro è affidata al Presidente dell’Associazione Strada del Vino di Marsala- Terre d’Occidente- il notaio Salvatore Lombardo. Partecipano: Rosanna Caruso di Caruso e Minini, Lilly Ferro della Fazio Wines, Federica Fina di Cantine Fina, Marisa Leo di Colomba Bianca, Samantha Di Laura di Scirocco, Flora Mondello di Gaglio Vignaioli, Vinzia Novara Di Gaetano di Firriato, Jose’ Rallo di Donnafugata, Annamaria Sala di Gorghi Tondi, Roberta Urso di Cantine Settesoli. Intervengono, le graphic designer, Stefania Bonura e Maricetta Gianfalla. Modera, Giusy Messina, giornalista. A seguire le degustazioni di vini delle etichette presentate.

Stefania Busà, vice delegata de Le Donne del Vino

In contemporanea, a Noto, sabato 2 marzo, alle 16,30 le Donne del Vino parlano di vino, design e bellezza in una delle splendide sale di Palazzo Nicolaci di Villadorata, fulgido esempio dell’esuberanza del Barocco siciliano tra arredi originali e soffitti affrescati, con Samuele Mazza, interior design, Cori Amenta, stilista e Lucia Papa, architetto. L’’apertura dell’incontro è affidata all’Assessore al Turismo della Città di Noto, Giusy Solerte. Partecipano: Antonietta Azzaro di Amantò, Stefania Busà di Feudo Rudinì, Mariangela Cambria di Cottanera, Francesca Curto di Curto, Valentina Nicodemo di Judeka, Viviana Pitino di Planeta, Silvana Raniolo di Bastonaca, Arianna Vitale di Tenute Mannino, Giovanni Carbone di Valle dell’Acate e Antonino Ruggirello di Firriato. Modera, Maria Antonietta Pioppo, giornalista. A seguire le degustazioni di vini delle etichette presentate nell’adiacente Enoteca Strada del Vino del Val di Noto (Via R. Pirri snc). Partner delle iniziative per la “Festa delle Donne del Vino” a Marsala, l’ Associazione della Strada del Vino di Marsala, Terre d’Occidente, l’Enoteca della Strada del Vino di Marsala-Terre d’Occidente, il Cavaliere Bontà siciliane,Partner a Noto, la Città di Noto, l’enoteca della Strada del Vino del Val di Noto, il Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica, Campisi conserve, Neromonte confetture e l’azienda casearia Food Custode dei Sensi.

La Festa delle Donne del Vino è un evento diffuso che si svolge in tutte le regioni italiane con eventi collettivi e individuali, nelle cantine, nei ristoranti e nelle enoteche delle socie. «L’immagine del vino del terzo millennio appare decisamente femminilizzata grazie al nuovo ruolo delle donne nella produzione, nel commercio e soprattutto nei consumi – dice Donatella Cinelli Colombini, presidente nazionale dell’Associazione - Per 8.000 anni il vino è stato un ambito quasi solo maschile, ma ormai non è più così. Oggi le donne guidano un terzo delle cantine italiane e il 24% delle imprese commerciali al dettaglio del vino (dati Cribis- Crif). A livello mondiale sono loro a comprare la maggior parte delle bottiglie, il 40% dei corsisti wine expert Wset sono donne e in Asia, le giovani con gli occhi a mandorla stanno assumendo un ruolo protagonista del mercato. Ecco che la bellezza del vino diventa più importante che nel passato, proprio a seguito del maggior peso del giudizio femminile. Per loro infatti l’immagine conta, anzi conta molto».
Le Donne del Vino della Sicilia saranno protagoniste a “Donne, vino e …” nelle giornate dell’8 e 9 marzo con due diversi appuntamenti a Palermo e Catania.
Produttrici, sommelier, giornaliste, responsabili marketing e p.r, per un “racconto” dalle mille sfaccettature, tra esperienze ed opportunità in un mondo dinamico ed affascinante, qual è quello del vino.

CHI SONO LE DONNE DEL VINO
Le Donne del vino è un’associazione senza scopo di lucro che promuove la cultura del vino e il ruolo delle donne nella filiera produttiva del vino. Nata nel 1988, conta oggi oltre 800 associate tra produttrici, ristoratrici, enotecarie, sommelier e giornaliste. Le Donne del vino sono in tutte le regioni italiane coordinate in delegazioni. Altre info sul sito e sul blog: www.ledonnedelvino.com




© Riproduzione riservata
Pubblicato il 27 febbraio 2019
Aggiornato il 04 marzo 2019 alle 12:04





TI POTREBBE INTERESSARE

Gabriella Anca Rallo: «Un vino deve
essere accattivante già dall'etichetta»

La signora Donnafugata è stata l'anima rivoluzionaria dell'azienda vitivinicola che ha creato con il marito Giacomo. E l'artefice, in particolare, di quelle etichette (pluripremiate) con le quali ha dato volto e carattere al design in bottiglia che veicola arte, cultura, sostenibilità ambientale, ma anche profumi, sapori e colori di un'affascinante Sicilia

Catania si prepara per tre giorni "a tutta Birra"

Dal 24 al 26 maggio torna l'appuntamento con BeerCatania Spring, l'evento dedicato alle birre artigianali

Federica Fina detta Kiké, la prima "Sbarbatella" di Sicilia

La giovane rappresentante della Cantina Fina di Marsala domenica 12 maggio rappresenterà per la prima volta la Sicilia alla terza edizione di “Sbarbatelle”, l'evento organizzato dall'Associazione italiana sommelier di Asti sulle colline ai confini del Monferrato, che riunisce le produttrici italiane di vino under 30

Il Metodo classico Extra Brut di Funaro: «In 237 bottiglie i profumi del Belice»

Grazie all'impegno dei fratelli Giacomo, Tiziana e Clemente, la piccola realtà vitinicola di Santa Ninfa è un'eccellenza siciliana, grazie anche al successo dello spumante Metodo classico Extra Brut prodotto in tiratura limitata, premiato con 5 stelle al Vinitaly. Giacomo Funaro: «Vogliamo valorizzare la nostra azienda biologica nella ricerca di un vino di eccellenza»

Nettare di Bacco e siti Unesco, ecco “Sicilia en primeur”

L'importante kermesse enologica promossa ed organizzata da Assovini Sicilia quest'anno si terrà a Siracusa dal 6 al 10 maggio, attese 50 aziende del territorio che faranno degustare, in anteprima, i vini della recente vendemmia

Antonio Benanti: «I vini dell'Etna sono locomotiva dell'eccellenza siciliana»

Il presidente del Consorzio dei vini Etna Doc fa un bilancio del Vinitaly: «Un recente sondaggio di Wine Spectator dimostra come la grande platea conosce solo parzialmente l'Etna, è quindi necessario mappare il territorio approfondendo l'analisi su quello che ogni Contrada apporta ad ogni vino, per evitare che il territorio venga omologato»