Un videomessaggio di Daniele Ciprì chiude Corto di sera

Video Il regista palermitano ha salutttato il festival di corti di Itala (Messina): «I cortometraggi sono il passaporto di un autore. Io nasco con i cortometraggi, insieme a Maresco». I vincitori di Corto di sera: "La viaggiatrice" di Davide Vigore (Visioni isolane), "Ratzinger vuole tornare" di Valerio Vestoso (From Italy to Itala), "Como yo te amo" di Federico Garcia Ruiz (Internazionali).

Le parole di Daniele Ciprì hanno chiuso la sesta edizione di Corto di Sera, il festival di cortometraggi di Itala, nel Messinese. Un’edizione inaugurata lo scorso 7 agosto alla presenza di Aurelio Grimaldi e chiusa sabato 12, da un video messaggio di Daniele Ciprì, due grandi del cinema siciliano che hanno prestato il proprio nome a sostegno del cinema indipendente. Una selezione, quella proposta in questa sesta edizione del festival, che ha spaziato tra vari generi: dal comico al drammatico, dall’animazione al documentario. Svariate anche le tematiche affrontate: dal puro intrattenimeto all’impegno sociale. A prevalere, senz’altro, l’attualissimo tema dell’immigrazione.

Il numeroso pubblico che ha partecipato alle quattro serate del festival è stato, anche quest’anno, il protagonista assoluto di Corto di Sera. Come ogni anno infatti, il voto degli spettatori ha sancito la vittoria dei cortometraggi in concorso nelle rispettive categorie. Il miglior cortometraggio per la sezione “Visioni Isolane” (dedicata a opere girate in Sicilia) è stato La Viaggiatrice di Davide Vigore. Per la categoria “From Italy to Itala” (dedicata a opere provenienti dal resto dell’Italia) ha vinto Ratzinger vuole tornare di Valerio Vestoso. Il corto più votato per la sezione “Internazionali” invece è stato Como yo te amo dello spagnolo Federico Garcìa Ruiz. Novità di questa edizione la sezione “Suoni Visivi”, interamente dedicata al videoclip. L’iniziativa è frutto della collaborazione tra lo staff di Corto di Sera e il Dalek Studios. Il videoclip vincitore di “Suoni Visivi” è stato tedesco Dürerstuben Reanimation di Marcus Hanisch.

Il premio speciale “Giovannello da Itala” è stato assegnato a Vita fuori campo di Alessandro Marinaro con la seguente motivazione: il film viene narrato con un particolare e ben riuscito gioco di inquadrature; le ottime interpretazioni degli attori, diretti magistralmente dal regista e un montaggio ben calibrato rendono il cortometraggio avvincente tenendo lo spettatore con lo sguardo incollato allo schermo fino alla fine della storia.

Il sindaco di Itala Antonino Crisafulli premia Alessandro Marinaro

Il sindaco di Itala Antonino Crisafulli premia Alessandro Marinaro

Al documentario Chiara Zyz Un fiore nel cuore di Palermo di Gaetano Di Lorenzo infine è andato il premio speciale “Cinit” con la seguente motivazione: attraverso le vicende esistenziali ed umane dei protagonisti, il film racconta una storia di integrazione reale lanciando un forte messaggio di speranza; lungo la narrazione si intrecciano storie di donne e di uomini che, grazie alla bravura del regista, argomentano il proprio vissuto interiore con assoluta naturalezza.

Il Presidente del Cinit Massimo Caminiti premia Francesco Torre per Chiara Zyz

Il Festival “Corto di Sera”, organizzato dalla Pro Loco Giovannello da Itala e realizzato nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei Cinema, della Sicilia Film Commission, si è avvalso del sostegno di un nutrito gruppo di partner istituzionali e privati tra cui: il Comune di Itala, il Dipartimento di Scienze Cognitive dell’Università di Messina (COSPECS), la Messina Film Commission, il Cinit (Cineforum Italiano), il Dalek Studio, l’Associazione Culturale Cantina 45, il FabLab Messina, l’Associazione AFI 011, il Coordinamento dei Festival Siciliani, l’Agenzia Nazionale Giovani, la FNC (Federazione Nazionale Cinevideoautori), La Vecchia Soffitta e il collettivo Space Donkeys.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.