venerdì 22 marzo 2019

venerdì 22 marzo 2019

MENU

Sull'onda emotiva dei Carmina Burana l'arte salva l'arte

Recensioni

Nella Basilica di San Sebastiano di Acireale, gremita all'inverosimile, il M° Giovanni Ferrauto ha diretto lo scorso 9 marzo un concerto magico


di Silvana La Porta

Può l’arte avere la magica forza di salvare l’arte? Ebbene sì: questo piccolo grande miracolo è avvenuto lo scorso 9 marzo, nella suggestiva Basilica di San Sebastiano ad Acireale dove, dinanzi a una chiesa gremita all’inverosimile di spettatori, le note dei Carmina Burana di Orff, nella suggestiva versione con due pianoforti e percussioni, hanno riempito, in un’atmosfera di religiosa sospensione, le volte e le navate, aleggiando tra i preziosi affreschi di Pietro Paolo Vasta. E tutto con un benefico ed edificante scopo: contribuire con parte del ricavato alla tutela della preziosa chiesa, dichiarata Monumento Nazionale, che si appresta a divenire sede di una tra le più blasonate stagioni musicali e concertistiche grazie alla sinergia tra il Coro Lirico Siciliano, l'Accademia Scarlatti, il direttore artistico degli eventi culturali della Basilica acese, Nino Di Blasi, e la Camerata Polifonica Siciliana.

Dopo lo struggente inizio con l'Ave Verum Corpus di Mozart eseguito in omaggio a Margherita Quattrocchi, Enrico Cordella e Lorenzo D'Agata, i tre ragazzi inghiottiti dal mare a Santa Maria la Scala, durante l’esecuzione del caposaldo della musica corale moderna, fondata sul Codex buranus del tredicesimo secolo, la sapiente bacchetta del M° Giovanni Ferrauto, direttore artistico della Camerata Polifonica Siciliana, ha impresso il giusto afflato a voci e strumenti, con una direzione agile, elegante, efficace e brillante, in particolare nella più nota delle cantiones profanae, “O Fortuna”.
Il Coro Lirico Siciliano, istruito con la solita cura e precisione dal M° Francesco Costa, è diventato davvero “voce dell’umanità”, confermandosi un’ensemble affiatato, capace di passare agevolmente dai passi più prettamente melodici a quelli ritmici con la massima disinvoltura.

Commosso e incisivo il tocco dei pianisti Maria Pia Tricoli e Roberto Carnevale, cui ha fatto da degno contraltare l’orchestra di percussioni Percussio Mundi, capace di valorizzare al meglio la scansione fortemente ritmica del linguaggio musicale di Orff. Ottima la prova del soprano Ann Marie Alexis, che ha regalato al pubblico momenti di grande emozione, affiancata dal baritono Salvatore Todaro e dal tenore Massimiliano Giusto, che si sono distinti per una tecnica sicura e un’adeguata emissione vocale.

Un plauso a parte va al Coro di voci bianche acese preparato a dovere da Giusy Nicotra, che ha offerto il momento più tenero dell’esecuzione. Un po’ inusuali gli applausi del pubblico tra un brano e l’altro, ma una serata sull’onda emotiva non poteva che rifuggire dalle regole. Amor volat undique, recitano i Carmina Burana. E Acireale ha davvero vissuto un concerto magico, che si è risolto in un grande inno all’amore per l’Arte.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 14 marzo 2019





Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

Il Sangiorgi si accende con la notte dello swing

Spumeggiante concerto a Catania dell'HJO Jazz Orchestra, ospite alla voce Rosalba Bentivoglio. Diretta da Sebastiano Benvenuto Ramaci, l'orchestra ha suonato nell'ambito della rassegna "Un palcoscenico per la città". La manifestazione è stata promossa da “Non solo classica” sotto la direzione artistica del Maestro Giovanni Cultrera, in coproduzione col Teatro Massimo Vincenzo Bellini

Come in un film, non si trova quella verità straziante di "Fronte del porto"

C'è una Napoli misera e sconsolata, piena di personaggi vivi e palpitanti, nella trasposizione teatrale - testo di Enrico Ianniello e regia di Alessandro Gassman, prodotto dal Bellini di Napoli e dallo Stabile di Catania che lo ha in scena fino al 3 marzo -, della storia di sopruso mafioso ispirata al romanzo di Budd Schulberg poi diventato il cult movie di Elia Kazan con Marlon Brando

Musicinema, quel connubio felice tra Sicilia e grande schermo

Per la stagione della Società catanese amici della musica all'Hotel Nettuno di Catania, i Camera Ensemble, cinque affiatatissimi concertisti alla ricerca della massima versatilità e eleganza, hanno eseguito musiche di film celeberrimi e tutti diversi

Quando la musica dà il potere alla parola il palco diventa agorà

Riuscita la commistione di linguaggi che la Camerata Polifonica Siciliana ha messo in scena al Sangiorgi di Catania con "Voci", melologo dall'Encomio di Elena di Gorgia da Leontini. La coreutica di Donatella Capraro ha reso multidimensionale la composizione di Giovanni Ferrauto, sorretta dal Coro Lirico Siciliano e dalla recitazione acuta di Emanuele Puglia

Nicola, Peppino e il gusto dolce della tenerezza

Nel dolore di due vite travagliate - uno rimasto vedovo, l'altro succube di un a madre padrona - i due protagonisti di "Cucù" (incarnati da Gabriele Zummo e Nicola Notaro) di Francesco Romengo, che ne ha curato anche la regia (andato in scena all'Istrione di Catania), scopriranno un sentimento profondo che va ben al di là dell’amicizia

Sacro e profano, contraddizione tragica della devozione agatina

Bello e commovente il nuovo allestimento di "A. Semu tutti devoti tutti?" della Compagnia Zappalà Danza che, come in un cerchio simmetrico, mette insieme la vera devozione per Sant'Agata e i giochi sporchi della criminalità organizzata. Un linguaggio scenico forte sin dall'inizio, che si è conclusa con l'apparizione del coreografo Roberto Zappalà per un'esortazione semplice sincera