mercoledì 24 ottobre 2018

mercoledì 24 ottobre 2018

MENU

Blog

Sulle ali di Lucilia

Nei luoghi dell’espiazione, tempo e spazio diventavano inversamente proporzionali. L’avere scritto una storia autobiografica gli aveva fatto guadagnare il consenso che ora rivendicava lo scotto della curiosità: la tv lo voleva intervistare. La giornalista chiese: “Angelo perché ha sparato di nuovo?”. Lui si strinse nelle spalle e disse: “L’amore è una configurazione dell’anima che esige cura, nutrimento costante"

Ultima modifica 18 ottobre 2018 22:43

Il regalo

Carmela era arrivata al Policlinico di Palermo perché straziata dai dolori, come me, per una pancreatite. Solo al momento delle sue dimissioni ho colto fino a che punto il nostro era diventato un rapporto speciale. Le emozioni non hanno sempre bisogno di essere vissute nel pieno dell'evidenza della luce

Ultima modifica 12 ottobre 2018 20:18

Tre ore di pura meraviglia sul treno della libertà

Affrontare da sola il breve viaggio su rotaia tra Palermo e Messina per la giovane ragazza, poco più che adolescente, voleva dire "sono grande, posso fare quello che voglio". Nessuno doveva salire in quello scompartimento. Il treno, che sferragliava veloce, era magico e permetteva confidenze fatte ad un paesaggio impressionista. Finché...

Ultima modifica 04 ottobre 2018 17:30

Tulipani siciliani

Sarà l'acqua, sarà l'humus di coltivazione che ha impresso quell'insopprimibile pulsione alla vita ma i bulbi provenienti da Amsterdam in Sicilia hanno generato fiori grandi, esageratamente incontentuti. Come le donne che hanno premura di perdere il loro sapore acerbo erano diventati subito maturi

Ultima modifica 27 settembre 2018 14:36

DuemilaDiciotti, odissea nel Mare Nostrum

Lo stallo della nave Diciotti, pagina buia di un'Italia ostaggio delle deriva populista che al grido di “non sbarca lo straniero” ha trasformato il Mare Mediterraneo nella nuova linea del Piave, ha sancito che l'Europa comunità di progresso, di cui l'Italia è Stato fondatore, non esiste più

Ultima modifica 27 agosto 2018 23:38

Restare o andarsene? Nel nome di Empedocle noi rimaniamo

Perché abbandonare un gruppo WhatsApp nato per una rimpatriata fra gli ex giovani di via Empedocle? Perché qualcuno si oppone al blocco della nave Diciotti al porto di Catania e lo scrive? Nel nome del filosofo che duemila e cinquecento anni fa combattè la tirannia, dovremmo rimanere. Siamo stati, siamo e solo così saremo persone aperte. Rimanendo

Ultima modifica 24 agosto 2018 18:58
  12345678910111213...