giovedì 23 novembre 2017

giovedì 23 novembre 2017

MENU

Blog

Rori era un ragazzo che come noi

Rori Grasso non solo amava i Beatles come fossero familiari, nei 53 anni di musica fatta con i suoi amici-fratelli Crabs, ha scritto la storia della musica rock in Sicilia. Oggi ci restano il ricordo del suo sorriso, il suo immenso patrimonio discografico sui Fab Four e non solo, fatto anche di numerose rarità, che meriterrebbe un museo, e il suo basso in cerca di nuovi amici. E non è poco

Ultima modifica 30 ottobre 2017 21:34

L'estate di chi va e di chi resta

I forestieri ritornavano nella propria terra, che li accoglieva sempre con genuino ed immutato affetto, senza risparmirgli una copiosità di critiche. Solo nell’imminenza della partenza avvertivano il sottile dolore del dover andar via, quello che attanaglia lo stomaco quando ancora si è dove si sta bene, e dove ci sarebbero tutti motivi per restare

Ultima modifica 30 ottobre 2017 13:40

Il gigante verde di Palermo

Non ha bisogno di parole: il ficus magnolioide che dal 1863 "regna" su piazza Marina e il suo Giardino Garibaldi, dall'alto dei suoi 30 metri è testimone delle vita vera che scorre sotto di sè, e ne conosce i suoi segreti (vedi gli assassini di Joe Petrosino). Respirando l'umidità del mare siciliano cerca il suo conforto nel confronto con le stelle

Ultima modifica 06 ottobre 2017 16:04

E' un fatto

Sono i fatti di questi giorni, di assassini di donne con pene ridotte, di stupratori di dottoresse che hanno prestato aiuto, di segregazioni casalinghe di giovani compagne nella stessa nostra città, che hanno mosso la biro di Riccardo La Spina in questa sua nuova tavola “Donna”. Io ho scarabocchiato a parole il mio sentire su questa ferita umana, che dovrebbe essere, nel ventunesimo secolo di una civiltà, solo un brutto ricordo della lontana preistoria

Ultima modifica 05 ottobre 2017 21:00

Non salvate il "soldato" Ryan(air)

Sei milioni in un anno dalla Regione e dai Comuni del Trapanese non sono bastati a proteggere l'aereoporto Florio di Trapani Birgi dalle bizze d'umore di Ryan(air) in piena crisi piloti, che ha cancellato fino a marzo 7 tratte con lo scalo siciliano. E allora questi soldi pubblici perché li paghiamo? E' possibile che non ci siano imprenditori siciliani seri che ne possano beneficiare in vece del vettore irlandese?

Ultima modifica 29 settembre 2017 13:01

Corso di aggiornamento. Non obbligatorio ma consigliato

110 ore tra i banchi, a tentare di fraternizzare con la lingua della perfida Albione, non sono servite a niente. Però come diceva il grande Socrate...

Ultima modifica 15 settembre 2017 13:27
  12345678910111213...