sabato 18 agosto 2018

sabato 18 agosto 2018

MENU

1

Itinerari

Alla scoperta di Scicli guidati dai "seguaci" della dea Tanit

“Tanit Scicli” è la scommessa di un gruppo di giovani con la passione per la storia e l’arte della Sicilia, ma soprattutto con una gran voglia di non mollare e di mettere le radici del proprio futuro in questa terra. Dal 20 luglio al 7 settembre, ogni venerdì, propongono un calendario di visite alla scoperta di percorsi storici, culturali e naturalistici unici della cittadina iblea

Ultima modifica 24 luglio 2018 21:32

Trecastagni, dove la bellezza è un patrimonio da condividere

I cittadini del borgo alle pendici sud-orientali dell’Etna dopo l’azzeramento dell’amministrazione comunale reagiscono all’accusa di "mafiosità" tout court mostando l'aspetto più bello e sorprendente del territorio: una fucina di artisti e un movimento di imprenditori che riempiono le strade di colori, profumi e parole, e aprono le loro antiche case ai visitatori

Ultima modifica 25 giugno 2018 15:45

Il "campanilismo" di Giarre e Riposto che affondò le sorti di Jonia

L'ostentazione dei campanili dei principali templi cristiani - il Duomo di Giarre e la basilica minore di Riposto dedicata a San Pietro -, dei due comuni attigui, tra i principali della costa ionica etnea, plasticamente vogliono quasi ribadire la "necessità" della separazione delle brevi sorti comuni, dal 1939 al 1945, racchiuse nel 1942 nel nome "fascistizzato" di Jonia

Ultima modifica 08 giugno 2018 22:05

Oltre il castello, Mussomeli al di là delle tracce ancora vive di Manfredi Chiaramonte

Gli studenti del Liceo classico e alberghiero Virgilio il 10 giugno organizzeranno una nuova visita guidata dell'antico maniero del paese nisseno, il Nido d’aquila fuso nella rupe, ma chi ha voglia di scoprire per bene (rigorosamente a piedi) lo storico borgo troverà numerosi scorci, piazze e monumenti che ne richiamano i fasti di una volta

Ultima modifica 18 maggio 2018 20:48

Ragalna, trait d'union tra il Simeto e l'Etna

Meno famoso dei centri con i quali il vulcano viene identificato, la ricchezza e la varietà della vegetazione del borgo del Catanese lo rendono uno dei polmoni verdi del mondo etneo. Per il suo legame storico con Paternò, cuore strategico del territorio simetino di cui fu frazione, è punto di congiunzione fra la vasta area del fiume ed il vulcano

Ultima modifica 21 maggio 2018 12:38

Sambuca di Sicilia, la resilienza a passo slow

Nel borgo agrigentino, "il più bello d'Italia" nel 2016, la gentilezza - anche nei confronti del territorio - è una qualità di cui non si può fare a meno. Nonostante le difficoltà del momento economico e la posizione geografica, che certo non li favorisce, i sambucesi tentano una rivoluzione sociale riappropriandosi dei modi e dei tempi del passato ma guardando al futuro

Ultima modifica 12 maggio 2018 20:38
  123456789