Scenario Pubblico, ad aprile audizioni in tutta Europa per MoDem PROfessional

Il Centro di Produzione della Danza Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza ha indetto le audizioni per accedere a MoDem PROfessional, percorso di approfondimento del linguaggio della Compagnia Zappalà Danza.
25 il numero massimo di danzatori che potranno essere ammessi, di età minima 20 anni.

Le audizioni si terranno nel mese di aprile in diversi centri europei, secondo il seguente calendario: il 2 aprile allo IALS a ROMA, il 6 aprile presso il Théatre Le Croiseur di LIONE, l’8 aprile a MILANO al Dancehaus più, il 10 BARCELLONA presso l’Institut del Teatre, l’11 aprile a KORZO all’AIA e il 22 aprile a CATANIA presso Scenario Pubblico.
MoDem PROfessional è rivolto a quei danzatori professionisti o che abbiano concluso il percorso formativo, ritenuti idonei a sviluppare il linguaggio della Compagnia Zappalà Danza e ad assimilarne il repertorio. È richiesta un’ottima base di classico e contemporaneo.
MoDem PRO si svolgerà a Catania presso la sede della stessa compagnia tra settembre e dicembre 2017 e per un gruppo ulteriormente selezionato sono previsti altri due mesi di lavoro a gennaio e febbraio 2018 con due coreografi ospiti, per la realizzazione di nuove creazioni che debutteranno il 10 e 11 marzo 2018 nel cartellone ufficiale della stagione di Scenario Pubblico, ed eventualmente in altre piazze.
Per l’edizione 2018 del Collettivo MoDem le creazioni saranno realizzate dal coreografo slovacco Milan Tomášik, e da Maud de la Purification, già danzatrice storica della Compagnia Zappalà Danza. Il collettivo avrà inoltre modo di lavorare con Roberto Zappalà su una sua coreografia di repertorio, che sarà proposta nell’ambito della stessa serata a marzo.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.