mercoledì 16 gennaio 2019

mercoledì 16 gennaio 2019

MENU

Rosso Alcantara, luna vermiglia e fiamme infernali rileggono Dante

Recensioni

Con la regia di Giovanni Anfuso, alle Gole ha debuttato (sotto l'eccezionale luce della luna rossa pre-eclissi) la messinscena dell'Inferno dantesco nel suggestivo scenario naturale delle rocce scoscese e dei dirupi attraversati dai vorticosi corsi d'acqua del fiume condiviso da Mojo e Castiglione. Per tre week end consecutivi la "selva oscura" rivive in uno dei più suggestivi angoli di Sicilia


di Silvana La Porta

Come ci siamo sempre immaginati, grazie alla potenza evocativa dei versi del nostro Sommo Poeta, l’Inferno di Dante? Certamente sullo sfondo di uno scenario naturale di rocce scoscese e dirupi immensi levigati dai secoli e attraversati da vorticosi corsi d’acqua. Come le Gole dell’Alcantara, dove ha debuttato il 27 luglio uno spettacolo davvero singolare, adatto a tutti, l’Inferno di Dante per la drammaturgia e regia di Giovanni Anfuso con repliche per tre week end consecutivi fino al 2 settembre, in tre diversi orari, alle ore 21, alle ore 22 e alle ore 23.

le Gole dell'Alcantara come l'Inferno dantesco

Giovanni Santangelo è Dante, Angelo Dagosta è Virgilio

Il palcoscenico naturale (e complice la straordinaria "luna rossa" che si preparava all'eclissi) ha davvero coinvolto gli spettatori, immergendoli da subito direttamente nel vivo dello smarrimento nella selva oscura, con il primo canto recitato per intero, che ha avuto un sapore molto poetico, a dispetto della famosa definizione crociana riguardo alla sua presunta impoeticità. L’effetto (merito degli attori, tutti bravissimi, e della voce narrante di Liliana Randi) è stato poi molto efficace durante tutta la rappresentazione, grazie a una declamazione dei versi danteschi molto attenta appunto all’aspetto fonico della parola e all’incessante ritmo della terzina.

Effetto fonico dirompente, ma non da meno è stato quello visivo, merito di una azzeccata scelta registica, con danzatori, suonatori di timpani e artisti del fuoco, che, grazie al sapiente gioco di luci, hanno restituito l’anima più profonda dell’atmosfera infernale: basti pensare all’icastica scena dell’ingresso di Dante e Virgilio nella Città di Dite, quando, all’improvviso, un fragore di uragano ha annunciato l’arrivo di un angelo meraviglioso (Vittoria Vaccaro) che, avanzando serenamente sulle fredde acque del nostro Alcantara, ha schiuso ai pellegrini la via.

Da sinistra Ulisse-Camillo Sanguedolce e il Conte Ugolino-Davide Sbrogiò

Giovanna Mangiù è Francesca da Rimini

Poi i grandi personaggi della Commedia, lì, tutti interi, con il loro dramma immutabile e il loro lacerante dolore (anche se ci è mancato forse un po’ Farinata degli Uberti): oltre ai protagonisti, Dante (un Giovanni Santangelo convincente) e Virgilio (sempre bravo Angelo D’Agosta a dare il giusto accento di toccante malinconia al personaggio), Francesca da Rimini (una dolce e fiera Giovanna Mangiù), Ulisse (un riflessivo Camillo Sanguedolce) e il Conte Ugolino (un sofferto Davide Sbrogiò). Grande chiusa con l’apparizione di Lucifero, l’angelo più bello divenuto demonio, interpretato dalla brava Martina Magnano.

Luciano Fioretto è Caronte

E quindi uscirono a riveder le stelle. E di stelle, tra le meravigliose rocce delle Gole dell’Alcantara, ne brilleranno ancora tante nelle prossime notti d’estate, tra diavoli, dannati e Caronte dagli occhi di bragia col suo remo minaccioso…

Liliana Randi e Davide Sbrogiò


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 30 luglio 2018
Aggiornato il 16 agosto 2018 alle 12:52





Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

Nel gioco tra bene e male vince il diabolico Riondino

Ben riuscita la messinscena di Andrea Baracco, su riduzione di Letizia Russo, de "Il Maestro e Margherita" il capolavoro di Mikail Bulgakov, andata in scena di recente allo Stabile di Catania. Ironico e affascinante nei panni del satanico Woland, l'attore pugliese si è abbandonato a una recitazione ricca di ghigni e di risatine sibilanti, ma mai sopra le righe

Soli si muore/Lotus Flower, energia ed eleganza danzano all'unisono

Lunghi e meritati applausi per la coreografa catanese Alessandra Scalambrino che firma lo spettacolo di danza andato in scena al Centro Zo di Catania. Due momenti conseguenziali che affrontano la solitudine: lo strazio della consapevolezza e la forza inspiegabile che ne scaturisce. In scena nove eccellenti e grintosi performer che sono stati corpo, materia ed energia

Spazio/Gesto/Colore/Parola /Suono, i cinque elementi della classica

Al Museo diocesano di Catania, l'ultimo appuntamento di "Chant d'automne", concerto organizzati dalla Camerata Polifonica Siciliana, al top dell’anticonvenzionale, tra righe più o meno ardite di sperimentazione multimediale, con forte impronta di autori siciliani, su tratti poetici di sottofondo, dal repertorio letterario del Cinquecento a oggi

Il Cigno catanese faro e luce dei 50 anni del premio Bellini d'oro

E’ stata una serata davvero piacevole, ospiti il soprano Desirée Rancatore e il baritono Renato Bruson, la premiazione del Bellini d’oro, organizzata dalla Società Catanese Amici della Musica in collaborazione con il Teatro Massimo Bellini, e quest’anno giunta a un compleanno importante, il suo glorioso cinquantesimo

"Pensaci, Giacomino", la tragedia di vivere negli occhi degli altri

Soddisfacente Pirandello allo Stabile di Catania con un ennesimo “Pensaci, Giacomino” (ultime repliche il 10 e l'11 novembre) affidato a Leo Gullotta, più in forma che mai nella sua dolente interpretazione di un personaggio complesso, assurdo e straziante come tutti i più riusciti personaggi pirandelliani

"La cena", quando il pubblico è testimone di un gioco psicologico

Replica fino al 18 novembre al Piccolo Teatro della città di Catania la tragicommedia familiare, vecchio cavallo di battaglia della coppia Giuseppe Manfridi e Walter Manfrè, che vede in scena Andrea Tidona, Chiara Condrò, Stefano Skalkotos e Cristiano Marzio Penna