lunedì 20 agosto 2018

lunedì 20 agosto 2018

MENU

1

Rosso Alcantara, luna vermiglia e fiamme infernali rileggono Dante

Recensioni

Con la regia di Giovanni Anfuso, alle Gole ha debuttato (sotto l'eccezionale luce della luna rossa pre-eclissi) la messinscena dell'Inferno dantesco nel suggestivo scenario naturale delle rocce scoscese e dei dirupi attraversati dai vorticosi corsi d'acqua del fiume condiviso da Mojo e Castiglione. Per tre week end consecutivi la "selva oscura" rivive in uno dei più suggestivi angoli di Sicilia


di Silvana La Porta

Come ci siamo sempre immaginati, grazie alla potenza evocativa dei versi del nostro Sommo Poeta, l’Inferno di Dante? Certamente sullo sfondo di uno scenario naturale di rocce scoscese e dirupi immensi levigati dai secoli e attraversati da vorticosi corsi d’acqua. Come le Gole dell’Alcantara, dove ha debuttato il 27 luglio uno spettacolo davvero singolare, adatto a tutti, l’Inferno di Dante per la drammaturgia e regia di Giovanni Anfuso con repliche per tre week end consecutivi fino al 2 settembre, in tre diversi orari, alle ore 21, alle ore 22 e alle ore 23.

le Gole dell'Alcantara come l'Inferno dantesco

Giovanni Santangelo è Dante, Angelo Dagosta è Virgilio

Il palcoscenico naturale (e complice la straordinaria "luna rossa" che si preparava all'eclissi) ha davvero coinvolto gli spettatori, immergendoli da subito direttamente nel vivo dello smarrimento nella selva oscura, con il primo canto recitato per intero, che ha avuto un sapore molto poetico, a dispetto della famosa definizione crociana riguardo alla sua presunta impoeticità. L’effetto (merito degli attori, tutti bravissimi, e della voce narrante di Liliana Randi) è stato poi molto efficace durante tutta la rappresentazione, grazie a una declamazione dei versi danteschi molto attenta appunto all’aspetto fonico della parola e all’incessante ritmo della terzina.

Effetto fonico dirompente, ma non da meno è stato quello visivo, merito di una azzeccata scelta registica, con danzatori, suonatori di timpani e artisti del fuoco, che, grazie al sapiente gioco di luci, hanno restituito l’anima più profonda dell’atmosfera infernale: basti pensare all’icastica scena dell’ingresso di Dante e Virgilio nella Città di Dite, quando, all’improvviso, un fragore di uragano ha annunciato l’arrivo di un angelo meraviglioso (Vittoria Vaccaro) che, avanzando serenamente sulle fredde acque del nostro Alcantara, ha schiuso ai pellegrini la via.

Da sinistra Ulisse-Camillo Sanguedolce e il Conte Ugolino-Davide Sbrogiò

Giovanna Mangiù è Francesca da Rimini

Poi i grandi personaggi della Commedia, lì, tutti interi, con il loro dramma immutabile e il loro lacerante dolore (anche se ci è mancato forse un po’ Farinata degli Uberti): oltre ai protagonisti, Dante (un Giovanni Santangelo convincente) e Virgilio (sempre bravo Angelo D’Agosta a dare il giusto accento di toccante malinconia al personaggio), Francesca da Rimini (una dolce e fiera Giovanna Mangiù), Ulisse (un riflessivo Camillo Sanguedolce) e il Conte Ugolino (un sofferto Davide Sbrogiò). Grande chiusa con l’apparizione di Lucifero, l’angelo più bello divenuto demonio, interpretato dalla brava Martina Magnano.

Luciano Fioretto è Caronte

E quindi uscirono a riveder le stelle. E di stelle, tra le meravigliose rocce delle Gole dell’Alcantara, ne brilleranno ancora tante nelle prossime notti d’estate, tra diavoli, dannati e Caronte dagli occhi di bragia col suo remo minaccioso…

Liliana Randi e Davide Sbrogiò


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 30 luglio 2018
Aggiornato il 16 agosto 2018 alle 12:52




Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

Gli accenti di inquietudine romantica del violino di Girshenko

Sotto un cielo estivo che ha regalato una inconsueta eclissi lunare, il Maestro russo, accompagnato dalla pianista kazaka Sholpan Barlykova, ha incantato il pubblico siracusano di "Ortigia classica", cartellone ideato dal violista Gaetano Adorno per conto della Camerata Polifonica Siciliana, suonando Mozart, Beethoven, Brahms, Dvorak e Sibelius

Il garbato equilibrio classico di Bruno Canino ha aperto "Ortigia Classica"

Il pianista napoletano, dall'alto delle sue 83 primavere, ha dato il la al festival organizzato a Siracusa dalla Camerata Polifonica Siciliana, eseguenhdo con ammirevole agilità i concerti per pianoforte e orchestra KV 414 e KV 415 di Mozart in un piacevolissimo dialogo con l’orchestra, pronta ai rilievi tematici sotto la bacchetta incisiva di Gaetano Adorno

Rigoletto, luci e ombre sulla corte di un poco deforme buffone

Ha convinto la messinscena dell'opera di Verdi a Taormina per il Sesto Senso Opera Festival, con la discreta ma efficace regia di Bruno Torrisi e la dominante voce di Raffaele Abete (Il Duca di mantova). Non ha eccelso Desirée Rancatore, una Gilda non ai suoi soliti livelli, e Giovanni Meoni, Rigoletto,corretto ma poco incisivo come la direzione di Angelo Gabrielli. Replica il 15 luglio

Due millenni e mezzo dopo, a Siracusa fa ancora male il riso amaro de "I Cavalieri"

Grazie a un cast di grandi attori, da Antonio Catania a Gigio Alberti a Francesco Pannofino, superata da parte del regista Giampiero Solari la sfida della commedia che chiude il cerchio del 54° festival del Teatro greco dell'Inda. Sbeffeggiare con forza i potenti, e il popolo facilmente raggirabile nella scelta dei suoi rappresentanti, fa sì ridere ma anche incazzarsi

Camilleri, Tiresia e l'eternità. Appuntamento a Siracusa fra cent'anni

Tra storia e futuro, quello che si è vissuto sul palco del Teatro Greco per il Festival dell'Istituto nazionale del dramma antico è stato un evento unico, rapiti per 90 minuti dalla forza roca della voce unica dello scrittore empedoclino nel suo racconto ironico, cinico e poetico allo stesso tempo sull'indovino cieco del mito. Con un arrivederci, nello stesso posto, fra un secolo

Edipo a Colono di Yannis Kokkos, la democrazia logora chi non ce l'ha

Si può perdere il potere se non si è degni. Il cosmopolita regista greco-parigino rilegge Sofocle per il 54° Festival del teatro greco di Siracusa, non rinunciando alla centralità dell'attore, a danno di ritmo e scena. Dalla sua, però, ha Massimo De Francovich, l'Attore, che dell'ex re, cieco vagabondo verso il suo destino di morte, ne incarna la sacralità