martedì 12 dicembre 2017

martedì 12 dicembre 2017

MENU

Presentato a Merano il nuovo panettone che celebra gli Iblei

Dolci

In occasione del tour #DolcissimoNatale la Di Stefano Dolciaria ha presentato il panettone 2017 con farina di carrube, cioccolato di Modica, arancia di Sicilia ed olio extravergine di oliva. Ma non è l'unica novità dell'azienda di Raffadali che quest'anno ha sposato i suoi prodotti con le creazioni artistiche di Alice Valenti


di Redazione SicilyMag

E’ un omaggio alla terra iblea il nuovo panettone firmato dalla Di Stefano Dolciaria, la pasticceria nata nel 1986 a Raffadali: una raffinata esaltazione delle materie prime della tradizione della Sicilia Sud orientale, amalgamate insieme per un gusto sofisticato, ma autentico. Farina di carrube, cioccolato di Modica e arancia di Sicilia per la novità del Natale 2017: il panettone “Carrubo, Arancia e Cioccolato di Modica”, dal sapore originale con le sue pungenti note agrumate e la croccante bontà delle pepite di cioccolato. A rendere unica la decima produzione nella famiglia dei panettoni Di Stefano è poi l’impasto senza burro. Le farine utilizzate sono infatti amalgamate con olio extravergine d’oliva, con l’innesto di cubetti di arancia, per un gusto più delicato, leggero e soffice. Esclusivamente lavorato a mano, il nuovo panettone Di Stefano porta così sulle tavole delle feste una Sicilia originalmente genuina, lontana da ogni convenzione, ma amorevolmente vicina alla tradizione.

Panettone Carrubo, Arancia e Cioccolato di Modica della Di Stefano Dolciaria - ph Alessandro Castagna

Il nuovo panettone è stato ufficialmente presentato al Merano Wine Festival ed è protagonista del tour #DolcissimoNatale, un road show che per il terzo anno consecutivo tocca i migliori locali e shop gourmet siciliani proponendo deliziose degustazioni.
«La nostra innovazione? Sposare la tradizione, continuare a far le cose come si facevano una volta, lievitazione lenta, prodotti selezionati e di qualità, e poi l’esperienza del signor Enzo, persona semplice e umile, che ha intrapreso questa scommessa assieme ad un team a cui si è affidato con lungimiranza – spiega Carmelo Zagarrì, da tre anni alla guida della direzione commerciale dell’azienda Di Stefano – Abbiamo scelto di mettere in mostra i valori più importanti della nostra isola, abbandonando ogni stereotipo con un’immagine siciliana fresca e riconoscibile, proprio come il sapore dei nostri dolci».
Panettoni non solo buoni ma anche belli, grazie ad un packaging lineare, riconoscibile, ideato da Industria01 e dedicato all’esaltazione della Sicilia, al punto tale da finire in vetrina insieme a gioielli, regali e perfino nelle boutique di abbigliamento. «Volevamo trasmettere una Sicilia rivisitata e in chiave moderna, ma che partisse dai valori genuini della famiglia Di Stefano – spiega Fabiana Principato, assistente di direzione – Passo dopo passo l’azienda è cresciuta. Fu una sporta di pistacchio di Raffadali, donata in pasticceria da un contadino, a mettere in moto la fantasia. Prima la nascita del panettone con pistacchi interi, poi la nostra crema Pistacchiosa. La richiesta è pian piano aumentata così come le sperimentazioni e i gusti».

Il panettone Di Stefano al pistacchio - ph Alessandro Castagna
«Ho trovato molto stimolante la collaborazione con questa azienda – commenta Alice Valenti, l'artista che richiamandosi ai temi della ruota del carretto siciliano e delle battaglie epiche cavalleresche, ha realizzato due vassoi-oggetti d’arte realizzati in serigrafia su cui servire il “Panettone Magnum – Loro partono dalla tradizione per creare un prodotto di gran qualità e spendibile sul mercato. E’ un po’ quello che, parallelamente, faccio io con la mia arte. Mi piace partire dalla tradizione per elaborare un discorso artistico che poi si evolve verso il moderno. In questo caso ho immaginato delle forme geometriche per questi due vassoi che sono anche oggetti d’arte».
Enzo Di Stefano, che personalmente segue tutte le produzioni dell’azienda, guarda solo alla qualità: «Abbiamo scelto di puntare sulla freschezza dei nostri prodotti, bandendo totalmente conservanti, emulsionanti o olio di palma. Per i nostri impasti utilizziamo burro italiano Alpino, solo acqua oligominerale naturale, uova fresche da galline allevate a terra e altri ingredienti selezionati per la loro qualità, orgogliosamente convinti di poter offrire un panettone a forte carattere siciliano»

L'artista Alice Valenti con uno dei vassoi d'arte - ph Alessandro Castagna

Una ghiotta ed imperdibile occasione per poter gustare anche le altre eccellenze, dal “Semplice Siciliano”, senza uvetta, canditi e glassa, al “Pistacchio Siciliano”, con crema di pistacchi freschi e la glassa di cioccolato al pistacchio, o al “Mandorlato Siciliano” ricoperto di mandorle siciliane intere su ripieno di cubetti di arancia e uva passa. In degustazione pure i nuovissimi formati nella “minibag” da 200g, anche questi novità Natale 2017 e il formato “magnum” da 3 kg e 5 kg nei gusti esclusivi “Classico siciliano” e “Mela”.
Un top di gamma di una produzione di panettoni dai formati classici che racchiudono nel loro cuore le bontà della Sicilia. Dal pistacchio alle mandorle, dall’albicocca alle mele, ed ancora arancia e granuloso cioccolato di Modica, pronto a donare un’esplosione di sapori. Il panettone Di Stefano è un vero e proprio delicatessen interamente siciliano, la più golosa rivisitazione del dolce ormai noto in tutto il mondo. Impasto soffice, ore di lievitazione e una sapiente lavorazione a mano, ne fanno un prodotto straordinariamente unico che si richiama al territorio in cui nasce, Raffadali nell’agrigentino, quel luogo che gli arabi indicavano come il “villaggio delle eccellenze”. E di eccellenze il pasticcere Enzo Di Stefano, che insieme ai suoi fratelli Settimio e Benvenuto, ha festeggiato i 30 anni dell’attività fondata da papà Paolo, ne ha scelte davvero tante. Ingredienti di qualità e materie prime selezionate insieme a quell’arte pasticcera che è una tradizione di famiglia. Tutto ha inizio, come ogni anno di questi tempi, nella “stanza delle sorprese” dove i panettoni vengono coccolati in attesa di portare l’aria di festa sulle tavole imbandite del periodo natalizio.

Le prossime tappe siciliane del tour #DolcissimoNatale sono:

Venerdì 1 Dicembre Enoteca Picone, via Guglielmo Marconi, Palermo
Sabato 2 Dicembre Enoteca F.lli di Falco, Via Alessandro la Marmora, 54 – Palermo
Domenica 3 Dicembre, dalle 16:00 Spremiamo, Via Maqueda, 264 – Palermo
Giovedì 7 Dicembre, dalle 19:00 Gallun, Via S. Euplio 138 – Catania
Venerdì 8 Dicembre I Dolci Sapori, Corso Umberto I, 54 – Acireale
Sabato 9 Dicembre Condorelli, Viale Vittorio Veneto, 41 – Catania
Sabato 9 Dicembre, dalle 19.30 Me Cumpari Turiddu, P.zza Turi Ferro, 36 – Catania
Domenica 10 Dicembre Enotria, Via Atenea, 223 – Agrigento
Venerdì 15 Dicembre Enoteca Corona – Agrigento
Sabato 16 Dicembre Arco Antico Corso Calafimi, 771 – Palermo
Sabato 23 Dicembre Bellavia (moda), Via Roma, 24 – Porto Empedolce.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 04 dicembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Anche i "terroni" fanno panettoni
(e li fanno buonissimi)

Un trionfo di profumi, sapori e colori, da assaporare con gli occhi prima che con il palato. Dall'1 al 3 dicembre Cefalù organizza il "Panettone Festival", una kermesse dedicata al dolce lombardo simbolo dell'alta pasticceria made in Italy, che in Sicilia ha trovato una nuova patria grazie ai maestri pasticceri che lo hanno declinato con i più svariati prodotti tipici dell'Isola

Duciezio, la "paladina" dell’universo dolciario siciliano

L'associazione culturale abbina la dolcezza alla cultura: se da una parte, fa rivivere le secolari tradizioni siciliane attraverso il lavoro dei suoi abili maestri pasticceri, dall'altra porta avanti la ricerca antropologica combattendo le falsità storico-culturali che circolano sul succulento patrimonio regionale. Il presidente Salvatore Farina: «Alcuni dei nostri dolci sono fossili viventi»

A Ragusa la cheese cake parla siciliano

Per festeggiare il primo compleanno della nuova gestione la Pasticceria Di Pasquale propone per tre giorni una speciale torta al formaggio Ragusano Dop, in edizione limitata

Le Dita degli Apostoli per una Pasqua "alternativa"

A Pasqua sulle tavole siciliane non può e non deve mancare la cassata in tutte le sue forme, ma Scorzonera&Cannella ci ricorda di non far cadere nell'oblio eccellenti ricette tradizionali, come questo delizioso dessert che è nato a Bagnara Calabra ma nel Medioevo si è diffuso anche in Sicilia

I Pupi cu’ l’uovu di Scorzonera&Cannella

Nella "diatriba" tra l'uovo di cioccolato e la colomba in Sicilia vince il biscotto pasquale, quello con l'uovo sodo all'interno, una prelibatezza che ho ereditato dalla zia Dora

La pasticceria conventuale di Donna Nuzza: i cannoli

C'è stato un tempo in cui i conventi di clausura erano dei veri e propri scrigni d'arte e di bontà. Attingendo all'antica tradizione artigianale, che nulla ha a che vedere con i semilavorati industriali, Donna Nuzza ci svela la ricetta dei cannoli fatti in casa per gustare, alla vigilia di Carnevale, qualcosa di diverso dal solito