Petra

Eventi Debutta martedì 9 giugno a Modica la nuova produzione di Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza creata per il festival I Art. Repliche il 10 e il 13 giugno a Catania

Un paesaggio di muscoli e sensi su cui si imprimono musiche aeree o terree. In arrivo “petra”, produzione esclusiva di Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza per il festival I ART, contenitore di eventi multidisciplinari incluso nell’omonimo progetto comunitario, ideato e diretto da I World e con il Comune di Catania ente capofila. A firmare il concept, la direzione e il montaggio audio di “petra” è Davide Sportelli, mentre in scena i danzatori di MoDem, collettivo giovane della Compagnia Zappalà Danza/International Choreographic Centre Sicily.

Compagnia Zappalà Danza

Debutto in prima assoluta al Teatro Garibaldi di Modica il 9 giugno, si replica a Catania nelle sale di Scenario Pubblico mercoledì 10 giugno e sabato 13

Fondamento tematico di questo progetto coreografico è una fase di scrittura nella quale il coreografo instaurerà un dialogo epistolare con ognuno degli interpreti. Lo scopo sarà il rinvenimento di sensazioni proprie del rapporto dei giovani danzatori con la Sicilia, terra che li ha ospitati durante il loro percorso formativo. Tali campioni di senso e sensi andranno a formare un catalogo di luoghi fisici del sentire e dell’agire.

“Mi è parso che la pietra fosse una metafora perfetta delle diverse accezioni del tempo.È superficie percorribile e scalabile; è solidificarsi dei moti sotterranei e cristallo; è valanga. “petra” è il tentativo di tradurre in musica di corpi gli irriducibili paradossi del tempo. Il tempo che ci vuole, il tempo del silenzio, quello della pazienza e del lento emergere. E il momento dell’improvviso manifestarsi, l’immediatezza del tuffo. I moti opposti della presa di distanza e dell’avvinghiarsi dei desideri, la materia urlante che fonde e s’infonde per poi placarsi in un nuovo inesorabile distacco. Dobbiamo figurarci un paesaggio di muscoli e sensi su cui s’imprimano note aeree o terree, danze accurate o deliranti pervase dalla dialettica di caos e ordine, di formazione e disfacimento. “petra” è il labirinto di immagini che urge a camminare e camminare. È il coinvolgimento pieno che mena alla scoperta. Invitato a creare una partitura coreografica che parlasse anche della Sicilia e alla Sicilia, ho pensato che, come furasteri, la scelta più autentica sarebbe stata offrire il mio ascolto. Parte integrante della nostra fase di ricerca coreografica è stata quindi lasciar parlare il territorio, camminando incontrando interrogando. Per poi immergere il corpo in questo ambiente sonoro. Abbiamo fatto delle voci e della danza una geografia di senso e sensi, luoghi del sentire del pensare e dell’agire”. Davide Sportelli

concept, direzione, montaggio audio Davide Sportelli

danza il collettivo MoDem

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.