domenica 22 ottobre 2017

domenica 22 ottobre 2017

MENU

La piuma bianca

Per l'ultima volta

Blog

Immaginiamo che questa di oggi sia l’ultima sera degli ultimi uomini sulla Terra. Ho immaginato con l'illustratore Riccardo La Spina di esser lì, stasera, al tramonto. Riccardo ha visto un ragazzino, l’ultimo


di Sergio Mangiameli

Immaginiamo che questa di oggi sia l’ultima sera degli ultimi uomini sulla Terra. L’ora legale rimarrà sospesa in un tempo che nessun uomo potrà più cogliere, perché questo pianeta ritornerà a vivere come ha fatto per miliardi di anni, meno l’ultimo milione: cioè senza il genere umano.

Ho immaginato con Riccardo La Spina di esser lì, stasera, al tramonto e di ascoltare la voce fuori campo che direbbe così: “"E' stata un festa, signori. Si chiude. Da domani, senza più musica né disegni, senza più dipinti né forme inventate. Da domani senza più parole né immaginazione. Andiamo via. Tutti. La festa è finita".

Riccardo ha visto un ragazzino, l’ultimo. Così.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 25 marzo 2017




Sergio Mangiameli

Il senso di appartenenza, come ostinato segnavia, con l’ambiente naturale. Sono presente su Facebook


ULTIMI POST

E' un fatto

Sono i fatti di questi giorni, di assassini di donne con pene ridotte, di stupratori di dottoresse che hanno prestato aiuto, di segregazioni casalinghe di giovani compagne nella stessa nostra città, che hanno mosso la biro di Riccardo La Spina in questa sua nuova tavola “Donna”. Io ho scarabocchiato a parole il mio sentire su questa ferita umana, che dovrebbe essere, nel ventunesimo secolo di una civiltà, solo un brutto ricordo della lontana preistoria

Il pezzo della libertà

In India fa notizia (ne parla anche National Geographic) Moolchand che si batte perché cessi l'abitudine di defecare all'aperto e chiede un gabinetto di decenza per tutti. Va bene. Una cosa, però, va detta: nessuno può veramente fermare, a livello mondiale, l’atto più liberatorio dell’uomo

Tac, e si riparte dall’inferno

Sul filo infuocato di Marzamemi, sui pericolosi pendii dei cinquant’anni al femminile, intravedo la salvezza di 4 donne, che hanno preso in affitto per cinque giorni una casa in avanzato affanno di cure, dove la loro energia inesauribile di alzarsi e riprendere la marcia, trova la sua forma più espressiva nell’atto creativo: un tappeto come un romanzo, una calamita come un disegno