No Ordinary Sunday feat. Qbeta

Musica Dal vivo la solarità mediterranea della band siracusana. Durante la serata presentazione del libro “Come un killer al buio” di Claudio Ferro

Anche per domenica 30 novembre il Ma Musica Arte, il club di via Vela a Catania, è pronto a offrire No Ordinary Sunday, la domenica più originale e “non convenzionale” della città: l’aperitivo dove cultura, arte, musica e vintage si uniscono in un unico format originale. L’ingresso è assolutamente gratuito e senza liste.
Il programma di domenica 30 novembre inizia alle 20.30 nella Graffiti Station, per lo spazio d’arte diretto artisticamente da Francesco Russo, con la presentazione editoriale di “Come un killer al buio” (Inkwell Edizioni) di Claudio Ferro.
A seguire il live dei Qbeta. In Birreria nuovo appuntamento de “Il palco libero show”, cose folli e divertenti, sempre alla ricerca di una voce e di nuovi talenti, di Alessandro Falcione & co. Per lo spazio del gusto, il Ma Ristorante propone la formula già ben e apprezzata del “Japan, Street O Sicilian”, ovvero a prezzi speciali e solo per la domenica le migliori e particolari pietanze dello chef Carlo Borghini. Per lo spazio d’arte, dalle 20 alle 23.30, fino al 6 dicembre si potrà visitare la mostra fotografica “Il Buddha allo specchio” del pittore e fotografo, Giampaolo Raffa.
Claudio Ferro. Il libro: Carlo Fabbri è un avvocato di cinquantasei anni, che dal sud si è trasferito a Padova dopo la morte della moglie. Mentre vive un insolito stato di grazia, per la riconciliazione con la figlia maggiore, gli capita un incidente: una sera, tornando in casa in bicicletta, per evitare una donna che gli ha attraversato improvvisamente la strada, finisce a terra e perde i sensi. Viene soccorso da due passanti che lo portano all’ospedale e poi a casa. Claudio Ferro, catanese di 53 anni, è direttore del personale presso lo stabilimento etneo della STMicroelectronics. Ha pubblicato: “Se il passato uccide” ed. Il Filo, 2007; “Dalla parte sbagliata” ed. Lampi di stampa, 2010; “Nessuno muore per sempre” autoprodotto, 2011; “Il silenzio dei padri” ed. Youcanprint, 2012 e “La luger del capitano Harald” ed. A&B, 2013.

No Ordinary Sunday feat. Qbeta

No Ordinary Sunday feat. Qbeta

Qbeta. La band: Peppe Cubeta, autore di musiche e testi, chitarra acustica e voce solista; Sebastiano Forte chitarra elettrica; Luca Galeano chitarra elettrica; Salvo Cubeta batteria; Eusebio Getulio basso; Pierpaolo Latina piano elettrico; Claudio Alfò trombone; Stefano Ortisi sax; Filippo Alessi percussioni.
«Il mandorlo è in fiore e io che sogno un viaggio nel mondo è la frase che ha in se il senso intero del lavoro dei Qbeta. Il mandorlo è albero che adorna i movimenti irregolari ed aspri della nostra terra. Nelle sue radici scorre la linfa della Sicilia stessa. Ma il mandorlo è anche albero “aperto”, innestabile con altri frutti… ed è ciò che cerchiamo di fare all’interno del nostro percorso creativo. Un mandorlo con le radici ben infisse in Sicilia, ma che si nutre anche di terra ocra d’Africa, di vento meticcio latino/americano, ritmi sanguigni dei Balcani, solarità Mediterranea. Un grande mandorlo vigoroso, ricco di essenze e umori del sud». Parola di Peppe Cubeta, autore e leader della formazione di Solarino, in provincia di Siracusa, nata nel lontano 1992 ad opera dei fratelli Cubeta, dai quali prende il nome e che gli stessi definiscono una «band etno funky mediterranea».
La diversa estrazione musicale dei componenti (jazz, rock, classica) ha portato ad uno stile nato dalla miscelazione di diversi generi: musica etnica, jazz, funk e musica latina, il tutto in chiave world music mediterranea. L’aspetto più evidente di tale “mediterraneità”, però, non riguarda solo gli arrangiamenti, ma anche il tenore dei testi delle loro canzoni cantati spesso in dialetto (tra le tante: “Giuvanni Funky”, “I re”, “Menu mali ca c’è u mari”, “Kuturissi”).
Numerosi gli interventi della band solarinese ad importanti manifestazioni musicali nazionali ed internazionali, come ad esempio: Arezzo Wave, Roxy Bar (trasmissione televisiva condotta da Red Ronnie nella quale presentarono la canzone “Pulifemu”, il cui arrangiatore era Roy Paci) nel 1996, la quinta edizione del Social Forum di Porto Alegre in Brasile nel 2005 (unico gruppo italiano ad essere selezionato per quella manifestazione), il Forum del Mediterraneo di Barcellona sempre nel 2005, l’Austin City Limits Music Festival di Austin (Texas) (unica band italiana) nell’edizione del 2010 ed il Concerto del Primo Maggio in piazza San Giovanni a Roma insieme a Paolo Belli, nel 2011.

Sette i dischi realizzati dalla band: Qbeta (1993); Arrivaru Cuntraventu (1997); Arrakke’ (2000); Indigeno (2004); Viaggio Oltre Oceano (2006); Ognittanto (2008); Vento Meticcio (2012).

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.