martedì 23 luglio 2019

martedì 23 luglio 2019

MENU

La tragedia dei picciotti della Grande Guerra in Njura cirasa di Muratori

Musica

Concerto speciale il 30 marzo ad Acireale per il cantautore siracusano, ospite dell'evento “L’altra faccia della medaglia - La Sicilia e la grande guerra”


di Gianni Nicola Caracoglia

“Njura cirasa”, dall’incipit di un canto siciliano per gli orfani di guerra, è il nuovo lavoro di ricerca del musicista siracusano Carlo Muratori: la prima guerra mondiale, la Grande Guerra, è lo sfondo narrativo in cui si intrecciano canti popolari e storie dell’epoca. Un lavoro nato ad hoc per prendere parte all’evento “L’altra faccia della medaglia - La Sicilia e la grande guerra” organizzato fino a domenica dal Comune di Acireale e dalla Fondazione Bellini, e che diventerà un concerto, per voce e chitarra, che Muratori terrà stasera, alle ore 20, al Palazzo di Città ad Acireale. «Ho avviato un lavoro di ricerca sulle tradizioni popolari siciliane legate alla Grande Guerra. Un discorso inedito anche per me, sui canti e i modi di dire che narravano quella immane tragedia dei picciotti, i ragazzi dell’epoca i quali, mai usciti di casa prima di allora, si ritrovarono bombardati dalle cannonate sul fronte di Gorizia. Di siciliani solamente ne morirono 50 mila. Ho messo in mezzo anche alcuni brani tratti da “Terramatta” di Vincenzo Rabito che definiva “bottana madre patria” la patria che lo chiamava al fronte».
A partire dall’odio viscerale del popolo siciliano per la leva militare e per ogni forma di guerra, il concerto passerà in rassegna i canti della rivolta dei “cutrara” del 1862 a Castellamare del Golfo, fino ad arrivare alle grandi liriche di Ignazio Buttitta che partecipò personalmente a quel sanguinoso conflitto. Brani di scherno fra maschi e femmine che sfottono i reduci per i loro malanni e la loro lentezza, fino ad arrivare a “Gorizia tu sei maledetta”, brano esemplare del sentimento popolare per quella carneficina. «“Njura cirasa” è destinato a diventare uno spettacolo più organico – annuncia Muratori – cui seguiranno delle registrazioni per una futura produzione discografica».

Carlo Muratori


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 29 marzo 2019





Gianni Nicola Caracoglia

Giornalista, amante della musica, rock soprattutto, e amante delle cose buone. Che di questi tempi sono veramente poche... I suoi articoli su SicilyMag


TI POTREBBE INTERESSARE

Antillo, culla dell'antica tradizione rurale

Con i tradizionali Canti dell'Aia intonati dai Cantori di Galati Mamertino guidati da Antonio Smiriglia si è aperto l'Antillo Folk Fest. Sabato 13 luglio il via al contest con 8 nuove proposte della muisca popolare siciliana

Con Alkantara Fest il mondo
è ai piedi del Vulcano

Mimì Sterrantino e Marco Corrao sabato 13 luglio aprono il festival internazionale di folk e world music: più di 20 concerti, ma anche workshop ed escursioni, fino al 4 agosto

Gabriele Agosta: «Per me la musica è scambio, in libertà»

Il talentuoso pianista siracusano è stato ospite dell'Europafest di Bucarest, un evento internazionale che ogni anno coinvolge centinaia di musicisti da tutto il mondo, e al quale per la prima volta aveva partecipato lo scorso anno, come concorrente, insieme al suo quartetto composto da Daniele Limpido, Santi Romano e Stefano Ruscica

A Enna ritorna il Premio
"Francesco Paolo Neglia"

A distanza di 21 anni dall'ultima edizione riparte dalla 33° edizione il Concorso internazionale per pianisti e cantanti lirici intitolato al grande compositore ennese. Iscrizioni entro il 20 giugno

L'Alkantara Fest porta sull’Etna 30 giovani musicisti da tutto il mondo

Il festival internazionale di folk e world music ospita sull'Etna il primo Ethno Sicily, un campus internazionale riservato a giovani musicisti non professionisti. Iscrizioni entro il 30 giugno

L'Antillo Folk Fest lancia un contest di musica popolare

E' possibile iscriversi fino al 15 giugno al contest folk, riservato agli under 36, organizzato dal comune della Valle d'Agrò nell'ambito della tre giorni di musica (12-14 luglio) diretta artisticamente da Mario Incudine e che vedrà la partecipazione di Ambrogio Sparagna, Peppe Servillo ed Eugenio Bennato