sabato 20 ottobre 2018

sabato 20 ottobre 2018

MENU

Sovraffollamento al canile di Palermo, è possibile adottarne 44


Omnibus

Il sovraffollamento degli spazi dell’ex mattatoio temporaneamente usati come canile comunale di Palermo, determinato dalla deprecabile pratica dell’abbandono dei cani nel periodo estivo da parte dei padroni, si sta riducendo grazie alla collaborazione avviata con la LAV, Lega Anti Vivisezione, che sta trasferendo 44 animali in una struttura di propria fiducia per poter essere quindi adottati. I primi 7 cani sono stati prelevati ieri. Intanto proseguono i lavori di ristrutturazione del canile di via Tiro a segno, con la realizzazione delle strutture a servizio delle future attività medico-veterinarie.

«Grazie alla collaborazione della LAV – afferma il vice sindaco Sergio Marino – siamo attivi per poter garantire agli animali ospitati all’ex mattatoio una situazione vivibile con la creazione di un’area di sgambatura, una presenza riconosciuta e qualificata di bravissimi volontari, l’apporto in termini sanitari e di sterilizzazioni dei medici veterinari dell’Asp, e il supporto dei medici veterinari volontari dell’Ordine dei Veterinari di Palermo, e concorrerà ad esaudire gli obiettivi che la Legge nazionale e quella regionale ci affidano per una effettiva tutela dei cani».
«Purtroppo – prosegue Marino – la triste abitudine, ma sarebbe meglio definirlo un vero vizio, di tanti palermitani di abbandonare i propri animali nel periodo estivo ha determinato un momento di sovraffollamento della nostra struttura, ma confidiamo ora nella buona volontà dei tanti che hanno a cuore la salute e il benessere degli animali»..
Da parte del sindaco Leoluca Orlando viene un invito «a tutti gli amanti degli animali e a coloro che possono offrire spazi e cure adeguate, a contattare la LAV per poter prendere in adozione un cane, permettendo sia a lui sia ai suoi compagni di avere una vita migliore».
Tutte le informazioni su come procedere alle adozioni sono disponibili sul sito internet http://www.lav.it/campagne/progetto-palermo


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 27 luglio 2018