mercoledì 24 luglio 2019

mercoledì 24 luglio 2019

MENU

Nell'almanacco dei poeti contemporanei c'è un po' di Sicilia

Poesia e racconti

LietoColle pubblica "Quadernario- Almanacco di poesia contemporanea 2016" che raccoglie le sillogi di sette poeti polacchi e di ventuno poeti italiani, tra questi la palermitana Franca Alaimo


di Redazione SicilyMag

Trecentonovantaquattro pagine, 21 poeti italiani, sette poeti polacchi, questo è in pratica il Quadernario – Almanacco di poesia contemporanea 2016 edito da LietoColle e curato quest’anno da Maurizio Cucchi, per un’operazione editoriale interamente dedicata alla poesia italiana ed europea contemporanea. La pubblicazione, a cadenza annuale, nel prossimo anno presenterà alcune novità importanti. In pratica nel 2017 il Quadernario uscirà i due volumi e non più in un volume unico: il primo sarà dedicato alla poesia italiana; il secondo, alla poesia di altri paesi (nel 2017 sarà dato ampio spazio alla poesia portoghese del nostro tempo.) Ma occupiamoci dell’edizione 2016. La prima parte del Quadernario 2016, è dedicata ai poeti polacchi tradotti con grande competenza da Marco Bruno, Francesca Fornari, Elżbieta Reginiak, Marcello Piacentini e Leonardo Masi. I poeti sono Adam Zagajewski, Ryszard Krynicki, Julian Kornhhauser, Stanislaw Barańczak, Ewa Lipska, Stanislaw Raginiak e Krystyna Dabrowska.

La seconda parte raccoglie brevi sillogi di poeti italiani più o meno noti: Giampiero Neri, Elia Malagò, Angelo Pini, Mario Santagostini, Maurizio Brusa, Anna Maria Farabbi, Leo Bollettini, Alessandro Niero, Gaia Danese, Italo Testa, Giovanni Turra, Anna Belozorovitch, Greta Rosso, Alessandro Pancotti, Marco Bini, Matteo Bianchi, Maddalena Bergamin, Damiano Scaramella e Davide M. Quarracino. E la poetessa Franca Alaimo di Palermo, unica autrice siciliana inserita.

Franca Alaimo è nata a Palermo dove vive. Esordisce nella scrittura poetica nel 1989 con la silloge Impossibile luna, a cui seguiranno altre 14 raccolte, molte delle quali premiate. Ha collaborato con P. Terminelli nella redazione della rivista L‘involucro, con T. Romano per la rivista Spiritualità & Letteratura, ed attualmente fa parte della redazione della rivista on-line La recherche, diretta da Maggiani e Brenna. Ha tradotto due brevi sillogi di Peter Russell, poeta irlandese morto nel 2003. Ha pubblicato diversi libri di poesia e numerosi saggi.

La poetessa Franca Alaimo

Ecco una poesia di Franca Alaimo tratta dalla silloge “Bilanci” inserita nel Quadernario 2016:
C‘è che in certi momenti mi sento/ cadere in un sentimento strano, come quando ci si desta in una stanza d‘albergo o d‘altra casa /e più non si riconoscono le cose/ e come e perché ci sia una finestra/ che prima faceva luce a destra/ e ora si apre su un pezzo di mondo sconosciuto./ E per qualche secondo/ ci si sente smarriti, senza nessun appiglio./ C‘è che questa cosa mi scompiglia/ che mi fa venire voglia di pianto. /Ma perché proprio adesso che invecchio/ non voglio dire sì e più non mi rispecchio/ in niente, nemmeno nella mia faccia?/Una cosa so: che non mi piaccio, /che mi sto aspettando e non c‘è più tempo./ Ma poi mi dico: e adesso cosa faccio?/ Questa qui che viene, io come la vesto,/ con quali pensieri, con quali gesti, /e soprattutto con quali versi?” (Cambio di passo)

Particolarmente da apprezzare il saggio del Quadernario di Renzo Franzini che quest’anno è stato dedicato al grande poeta calabrese Lorenzo Calogero (Lorenzo Calogero: alcune osservazioni sul poetico)


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 06 luglio 2016





TI POTREBBE INTERESSARE

Francesca Corrao: «La poesia è stata l'anima delle Primavere arabe»

La docente di Lingua e cultura araba, figlia del Senatore Ludovico Corrao, ha presentato a Gibellina, in occasione della rassegna Scirocco Wine Fest, "In guerra non mi cercate - Poesia araba delle rivoluzioni ed oltre", volume edito da Le Monnier che raccoglie i lavori di 46 giovani poeti arabi, di cui è curatrice insieme a Oriana Capezio, Elena Chiti e Simone Sibilio

Vivinetto: «La vera Giovanna, la poetessa, è venuta fuori grazie alla transizione»

Con la prefazione di Dacia Maraini, "Dolore minimo" è un romanzo in versi, un'epica di sè con cui la 24enne poetessa siracusana affronta il viaggio della vita, dall'infelicità alla felicità dell'essere femmina in un corpo di maschio: «E' la razionalizzazione pacata (e resa letteraria) del dolore del mutare corpo e di rimparare la vita attraverso nuove forme»

Una donna per Liborio

Tradizioni può far rima con superstizioni. Non è vero, ma... crederci può far vivere più sereni. Per gentile concessione dello scrittore Domenico Cacopardo, pubblichiamo, in anteprima assoluta, dopo "L'omonimo", un secondo racconto inedito che farà parte di "Annilieti", raccolta di quindici racconti che saranno pubblicati prossimamente da Marsilio

"L'omonimo". Un racconto inedito di Domenico Cacopardo

Che fa fare l'omonimia. Soprattutto se fai il carabiniere in Sicilia e ti chiami Andrea Camilleri. Già, come il papà di Montalbano. Per gentile concessione dello scrittore Domenico Cacopardo, pubblichiamo, in anteprima assoluta, un racconto inedito che farà parte di "Annilieti", raccolta di quindici racconti che saranno pubblicati nel 2018

La lingua "animale"
di Giuseppe Condorelli

Pubblicata in siciliano, con traduzioni in inglese, "N’zuppilu n’zuppilu Wet through", è la nuova raccolta di versi del poeta etneo Giuseppe Condorelli: «Per me il dialetto è la “lingua animale” come perfettamente l'ha definita Manlio Sgalambro, i suoi suoni, le sue formule si condensano in micro isole di suoni e di parole nella larga foce della favella»

Elvira Siringo: «Ecco il sonetto nascosto di Shakespeare»

A 400 anni dalla morte del drammaturgo e poeta inglese, una poesia cifrata del Bardo è scoperta dalla docente siracusana Elvira Siringo tra le righe e i punti del Sonetto Dedica: «E' strabiliante che l’indicazione cifrata fornita dalla serie di lettere e punti in frontespizio indichi esattamente un nuovo sonetto intrigante da giustificarne l’occultamento»