mercoledì 20 giugno 2018

mercoledì 20 giugno 2018

MENU

1

Michele Cinque: «Iuventa è la storia di un'esperienza collettiva»

Visioni

Sarà presentato in anteprima mondiale il 17 e 19 giugno al Biografilm Festival (e in anteprima il 10 giugno per “La Repubblica delle Idee”) il documentario "Iuventa" del regista romano che per un anno ha seguito le operazioni della ONG tedesca Jugend Rettet: dalla prima missione nel Mediterraneo al sequestro della nave, lo scorso 2 agosto nel porto di Lampedusa


di Redazione SicilyMag

Sarà presentato il 17 e 19 giugno in prima mondiale in concorso al Biografilm - festival cinematografico internazionale dedicato alle biografie e ai racconti di vita, e in anteprima il 10 giugno per “La Repubblica delle Idee” - Iuventa, il film documentario diretto da Michele Cinque e prodotto da Lazy Film con Rai Cinema, in coproduzione con Sunday Films e ZDF/3Sat, e in associazione con Bright Frame.

Dal documentario  Iuventa - ph Cesar Dezfuli

Il documentario Iuventa segue per oltre un anno i protagonisti della ONG tedesca Jugend Rettet, dalla prima missione nel Mediterraneo al sequestro della nave avvenuto lo scorso 2 agosto nel porto di Lampedusa. La giovane ONG - fondata nel 2015 da un gruppo di ragazzi tedeschi per salvare i migranti nel Mediterraneo, ma soprattutto come gesto di richiesta attiva ai governi d’Europa di creare un servizio pubblico di salvataggio, come era stato Mare Nostrum - è assurta alla cronaca per le accuse di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina che hanno portato al sequestro preventivo dell’imbarcazione.
Dalla nascita di Jugend Rettet (gioventù che salva) al crowdfunding attivato nel 2016 per comprare il vecchio peschereccio poi rinominato “Iuventa” (gioventù); dai quindici giorni della prima missione in mare aperto, in cui vengono salvati più di duemila persone, al rientro dei giovani a Berlino; dal viaggio in Sicilia per ritrovare i ragazzi salvati sei mesi prima fino al sequestro dell’agosto dell’anno scorso, il film è un viaggio intenso e toccante scandito dalla narrazione del regista.

Dal documentario  Iuventa - ph Cesar Dezfuli

Il documentario attraversa la vita sulla barca, le speranze e i timori dei ragazzi della ONG, il ritrovamento dei barconi, i drammatici salvataggi, l’incontro con la morte. Ma il film non si ferma alla vita in mare, segue i ragazzi della Jugend Rettet prima a Berlino poi in Croazia, in Sicilia e a Malta, per investigare e raccontare il gesto utopico di questi ragazzi europei, le loro idee e i loro sogni e le profonde istanze che li hanno motivati fino al drammatico scontro con la realtà.
Iuventa, per la giovane età dei protagonisti, è una sorta di racconto di formazione: il trovarsi davanti all’orrore della tragedia che si consuma quotidianamente nel Mediterraneo e la graduale presa di coscienza della complessità dei problemi socio-politici connessi al grande tema della migrazione portano i giovani protagonisti a mettere in dubbio il senso dell’intero progetto e, in qualche modo, alla perdita dell’innocenza.

«La prima volta che ho sentito parlare della Iuventa - scrive Michele Cinque nelle note di regia - è stato nella tarda primavera del 2016 quando Jugend Rettet, fondata nel 2015 dal diciannovenne Jakob Schoen e da alcuni suoi coetanei di Berlino, ha lanciato pubblicamente il suo programma di azioni. Sono stato colpito immediatamente da questa storia percependo la sua importanza sia da un punto di vista simbolico che reale. Erano già presenti tutti gli elementi chiave: la giovanissima età dei protagonisti, lo slancio utopico che li aveva spinti a lanciarsi in questa impresa, il desiderio di cambiare il mondo e una grande forza di volontà che, come era prevedibile, li avrebbe portati a un certo punto a scontrarsi con la durezza della realtà. Ho sentito fortemente la necessità di scavare più a fondo nella storia. Non mi interessava l’aspetto sensazionalistico dei salvataggi in mare ma ero piuttosto interessato a capire i protagonisti di questo progetto umanitario: i loro sogni, le loro speranze ma anche le loro delusioni. In Iuventa, contrariamente alle mie opere precedenti, il focus non si concentra su un singolo personaggio, ma racconta un’esperienza collettiva e la nave diventa in qualche modo la vera protagonista del film. Con questo film sono tornato alle origini, trovandomi personalmente dietro la macchina da presa, affrontando da solo una realtà complessa e dolorosa, dovendo trovare il modo di restituirla in una forma narrativa. Il film è nato dalla convinzione della sua intrinseca necessità e dalla decisione di volerlo raccontare».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 08 giugno 2018
Aggiornato il 15 giugno 2018 alle 20:03




TI POTREBBE INTERESSARE

"Prima che la notte", cronaca dell'inutile omicidio di Pippo Fava

Il 23 maggio, su Rai Uno, va in onda il film di Daniele Vicari con Fabrizio Gifuni nei panni del giornalista ucciso dalla mafia, racconto di un personaggio complesso che ha sposato la causa della ricerca della verità fino alle estreme conseguenze. Il regista: «Feroce l’assassinio di Fava, ma tragicamente “inutile”, perché i suoi allievi ne hanno continuato l’opera»

Sicilia Queer filmfest, è iniziato il conto alla rovescia

Le prime ancipazioni del festival che si terrà a Palermo dal 31 maggio al 6 giugno e che dedica la sezione "Presenze" all'attore e regista francese Jacques Nolot

Coscienza e coraggio, l'antimafia televisiva di Pif trova terreno fertile nei ragazzi

Dopo il successo della prima serie, dal 26 aprile torna "La mafia uccide solo d'estate" la serie tv tratta dall'omonimo film di Pierfrancesco Diliberto. Attraverso il coraggio solitario della gente comune (la famiglia Giammarresi retta da Lorenzo/Claudio Gioè) e gli eroi antimafia, si racconta, nell’esilarante demistificazione dei boss, la caduta di Palermo in mano ai corleonesi

La corsa de L'Ora, Miglior docufilm ai Nastri d'Argento

Il premio dei giornalisti cinematografici è stato assegnato al docufilm di Antonio Bellia che ripercorre le vicende del quotidiano palermitano che chiuse i battenti nel 1992, ex aequo con “Diva!” di Francesco Patierno

Arriva al cinema il film che difenderà l'Italia ai Premi Oscar

Esce il 25 gennaio nelle sale italiane "Chiamami col tuo nome" del regista palermitano Luca Guadagnino, l'unico italiano che a distanza di quasi vent'anni da "La vita è bella" di Roberto Benigni concorre con quattro nomination al più prestigioso dei premi cinematografici

"Il giorno del Muro" girato a Capizzi vince il Prix de la Création

Il documentario di Daniele Greco e Mauro Maugeri, girato durante la festa religiosa di San Giacomo e parte del più ampio progetto "Sicily Folk Doc", ha vinto il prestigioso premio al Festival du Film Documentaire Traces de Vies