giovedì 20 settembre 2018

giovedì 20 settembre 2018

MENU

"Mandra", da Hong Kong a Pozzallo l'installazione di Ophelia Jacarini

Arte

Per tre giorni, dall'1 al 3 settembre, Villa Barone Alfieri sarà la sede dell'installazione nata in Cina per mano dell'artista francese


di Redazione SicilyMag

L’arte diventa un percorso collettivo. Accade in Sicilia, per la prima volta nel Sud Est dell’isola attraverso un progetto che apre alla creatività una villa nobiliare. Nel suo percorso tra Hong Kong e Parigi, l’artista francese Ophelia Jacarini fa tappa a Pozzallo, scegliendo la suggestiva Villa Barone Alfieri come luogo ideale per un’immersione nel potere terapeutico dell’arte. L’affascinante e antica residenza nobiliare, sita nelle campagne iblee, si apre all’arte contemporanea internazionale ospitando il progetto “Atelier Ophelia”, che per tre giorni, 1, 2 e 3 settembre, creerà una singolare e coinvolgente interazione con i partecipanti, con le persone del luogo e con i visitatori. L’iniziativa parte infatti dal presupposto che ognuno, pur senza esser artista di professione, può creare un’opera sperimentando i benefici del processo creativo sul benessere fisico ed emotivo.

Ophelia Jacarini

Per l’occasione l’artista presenterà un’opera dedicata all’evento e al luogo che lo ospiterà. «Dall’ampia volta di Villa Barone Alfieri, “Mandra” oscilla al vento e gioca con la luce». È così che Ophelia Jacarini ha immaginato la sua creazione dedicata all’atelier siciliano, prima opera nell’attuale esplorazione di come l’arte «tratta» il proprio pubblico. Ideata nello studio di Hong Kong, dove Ophelia vive, “Mandra” verrà presentata per la prima volta nello scorcio di Villa Barone Alfieri, dove il blu di questa creazione artistica incontra le sfumature dello scenario siciliano dai colori solari. Come suono e movimento sono forme di meditazione aperte a tutti, cosi “Mandra” offre le proprie vibrazioni a chi, con o senza intento artistico, ne osserva forma e colore, materia ed intreccio per coglierne essenza o dettagli, a secondo della personale predisposizione.

Mandra di Ophelia Jacarini

Ospite tra terra e mare, “Mandra” vi si immerge iniziando ad oscillare, delicatamente o con frenesia, nell’incrocio tra sguardi e momenti. «Sapere ciò che voglio raggiungere prima ancora di iniziare é importante – spiega Ophelia Jacarini - per questo tutte le mie creazioni artistiche sono semplicemente il risultato di un lungo viaggio di ricerche sul tema che mi interessa».

I partecipanti alla “formula atelier” potranno nei tre giorni, da venerdì 1 a domenica 3 settembre, visitare l’installazione “Mandra”, l’opera creata per l’occasione dall’artista che ne illustra il percorso creativo, e poi avviare questo viaggio, partendo dalla scelta dell’opera individuale da realizzare con il materiale preferito, dalla matita all’inchiostro, dal tessuto alla sabbia ed altro ancora, fino ad arrivare alla creazione di un’opera collettiva. Per info e prenotazioni è possibile contattare il numero 334.3218835. In occasione del cocktail d'apertura, in programma venerdì 1 settembre sarà presentato il nuovo vino "Perla Marina" della cantina Feudo Ramaddini.

Villa Barone Alfieri a Pozzallo


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 29 agosto 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Con Photology AIR l'arte contemporanea si immerge nella natura

In una nuda collina poco fuori la città di Noto, nei trenta ettari della Tenuta Busulmone, il visionario Davide Faccioli ha dato il via al ciclo produttivo che mette insieme l’arte e il paesaggio mediterraneo collinare: la mostra fotografica di Gianfranco Gorgoni "Land Art in America" e "Art Trail", un percorso a piedi tra 11 installazioni ambientali

Quando Palermo era il "Nord" d'Italia grazie a Santa Rosalia

Inaugurata a Palazzo Reale a Palermo la mostra "Rosalia eris in peste patrona" promossa dalla Fondazione Federico II, 41 opere più disegni praparatori sul culto di Rosalia Sinibaldi divenuta santa per aver liberato la città dalla peste. Culto diffuso in Lombardia terra dalla quale tra il XVI e il XIX sec. si partiva per la Sicilia in cerca di fortuna

Nel romanzo visivo di Gian Maria Tosatti Palazzo Biscari è un sepolcro della modernità

Con la monumentale installazione “Il mio cuore è vuoto come uno specchio” - a cura di Adele Ghirri, Ludovico Pratesi e Pietro Scammacca fondatore di unfold, l'associazione culturale promotrice dell'evento - l'artista romano trasforma il barocco palazzo catanese in una "rovina contemporanea" che riflette la moribonda visione dell'agire senza bussola dell'uomo di oggi

L'artista Guido Palmadessa omaggia Palermo e i Danisinni

L'artista argentino, ma di orgini siciliane, ha donato un grande dipinto murale che affresca la parete posteriore della Chiesa di Santa Agnese, ai Danisinni: un’attestazione di stima per la città e per il quartiere che il progetto "Rambla Papireto" mira a riqulificare in chiave artistica

Toulouse-Lautrec a Catania un tuffo nella Parigi della Belle Époque

La mostra “Toulouse-Lautrec. La Ville Lumière” allestita al Palazzo della Cultura di Catania dal 7 febbraio al 3 giugno è un percorso intimo nella figura inimitabile dell’aristocratico artista bohémmien dalla personalità estrosa e controversa che si incrocia con gli scenari di una Parigi che sta raggiungendo l’apice del suo fascino

Presti: «Dopo 40 anni si ripete la storia di Fiumara d'Arte»

Il mecenate messinese dopo la sentenza che ha annullato il comodato d’uso per l’ex villaggio turistico Le Rocce di Taormina: «Devo probabilmente assolvere a un karma che vede il dono incriminato e processato prima di incontrare lo spirito di accoglienza che anima la sua bellezza. Non richiederemo alcun risarcimento, è stato solo un dono»