venerdì 22 giugno 2018

venerdì 22 giugno 2018

MENU

Le domeniche della Scam, la gioia di fare musica dell'Ottocento europeo

Recensioni

La riuscita e applaudita serata al Katane di Catania con la pianista Ivana Bordonaro, e il mezzosoprano Sonia Fortunato accompagnata dal pianista Stefano Sanfilippo che hanno suonato e cantato per la Società catanese amici della musicaI in sostituzione del soprano Clara Polito, assente per ragioni di salute


di Beatrice Levi

Ha suscitato un grande consenso di pubblico, il concerto che ha avuto luogo domenica scorsa, 26 novembre, al Katane Palace Hotel di Catania, promosso dalla Società Catanese Amici della Musica (S.C.A.M.) come da calendario 2017-2018, sotto la direzione artistica di Daniele Petralia. In sostituzione del soprano Clara Polito, assente per ragioni di salute, protagonisti della serata sono stati tre artisti locali, ovvero la pianista avolese Ivana Bordonaro, il mezzosoprano Sonia Fortunato e il pianista accompagnatore Stefano Sanfilippo, questi ultimi entrambi catanesi. Nell’accogliente Sala Archi, al folto uditorio intervenuto si porgeva un accattivante programma incentrato sull’Ottocento europeo, tra brani solo strumentali di Fryderyk Chopin, e arie operistiche di notevole impatto emotivo nel connubio voce-pianoforte.

Ivana Bordonaro

La serata è stata aperta dalla giovane pianista Ivana Bordonaro col Grande Valse brillante op. 18, distinguendosi per limpidezza sonora e solidità tecnica, qualità che improntavano anche i brani successivi, quali la Ballata op.47 in la bemolle maggiore, il Valzer op. 64 n. 2 e in particolare la Ballata op.23 in sol minore, condotta con bei chiaroscuri e dinamiche accorte. La pianista ha ben contemperato due aspetti del romanticismo chopiniano, ovvero quello più salottiero dei valzer, e il clima più irrequieto che pervade il corpus delle quattro ballate, fra distensioni liriche: in esse, infatti, oltre a un’ispirazione strettamente musicale, si coglie un’affinità di intenti col compatriota Adam Mickiewicz, che nel genere in versi della Ballady risentì del travaglio polacco causato dall’insurrezione del 1830-31.

Sonia Fortunato

Ad inframezzare le esecuzioni pianistiche il nutrito repertorio del mezzosoprano Sonia Fortunato, che ha sciorinato con eleganza le sue forbite doti vocali, trascorrendo da una Carmen prorompente con emissioni di spicco nella Habanera (dalla Carmen di Bizet) ai toni di intensa preghiera nell’aria da camera O divine reedermer di Charles Gounod; e profondendo ancora sentimenti di amore, passione e rimpianto, lungo un variegato universo femminile, che l’ha vista toccare di volta in volta le corde più riposte dell’anima romantica con i ruoli belliniani di Isoletta, in Ah se non m’ami più (da La Straniera) e di Norma con Deh, proteggimi o Dio,(da Norma); e poi di Saffo con O ma lyre immortelle (dall’omonima opera di Gounod) e Dalila con Mon coeur s’ouvre à ta voix, (da Sansone e Dalila di Saint Saens) reso dall’artista con deliziose sfumature cromatiche.

Stefano Sanfilippo

Il pianista Sanfilippo ha sostenuto con alta competenza, garbo melodico e adeguate sonorità il clima espressivo dei brani prescelti, valorizzando sempre l’incisiva linea vocale della Fortunato. La cantante ha poi elargito a un uditorio festoso il bis del brano Se Romeo da I Capuleti e i Montecchi, di Vincenzo Bellini. Applausi a piene mani per i tre artisti a fine serata, con l’augurio che possano ancora tornare con la stessa gioia di fare musica.

Stefano Sanfilippo e Sonia Fortunato


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 28 novembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Camilleri, Tiresia e l'eternità. Appuntamento a Siracusa fra cent'anni

Tra storia e futuro, quello che si è vissuto sul palco del Teatro Greco per il Festival dell'Istituto nazionale del dramma antico è stato un evento unico, rapiti per 90 minuti dalla forza roca della voce unica dello scrittore empedoclino nel suo racconto ironico, cinico e poetico allo stesso tempo sull'indovino cieco del mito. Con un arrivederci, nello stesso posto, fra un secolo

Edipo a Colono di Yannis Kokkos, la democrazia logora chi non ce l'ha

Si può perdere il potere se non si è degni. Il cosmopolita regista greco-parigino rilegge Sofocle per il 54° Festival del teatro greco di Siracusa, non rinunciando alla centralità dell'attore, a danno di ritmo e scena. Dalla sua, però, ha Massimo De Francovich, l'Attore, che dell'ex re, cieco vagabondo verso il suo destino di morte, ne incarna la sacralità

Eracle, fragile e androgino paladino del teatro anti-identitario di Emma Dante

Né uomo, né donna, né mortale, né semidio, né tra i morti dell'Ade, né con le divinità dell'Olimpo: la regista palermitana ridisegna la tragedia di Euripide, assegnando al semidio un sensibile animo maschile in un fiero corpo femminile. Una scelta registica che ammalia (non senza riserve) per la prima del 54° Festival del teatro greco dell'Inda a Siracusa

Musica e immagini, il binomio indissolubile di Paolo Vivaldi

Al Teatro Massimo Bellini di Catania il compositore romano ha proposto le sue colonne sonore ben ancorate alla tradizione melodica italiana su una base minimalista, fra aperture innovative al filone jazz con interventi solistici del sax, accompagnato dalla Sound Sicily Orchestra

Nel Riccardo III di Orofino tutta la poesia degli istinti di Shakespeare

La messinscena del regista catanese al Canovaccio di Catania gioca sulla chiave dissacratoria di una macabra comicità che non svende la sete di potere di Riccardo né la sua cinica e paranoica caccia all’uomo da purga staliniana

Accardo illumina il Bellini tra toni luminosi e accensioni estroverse

Il Teatro Massimo Bellini di Catania è stato letteralmente rapito dal suono del violino smagliante di Salvatore Accardo, un artista non comune, dall’affinato approccio interpretativo, abilissimo nel coniugare la sua tecnica portentosa a un suono limpidissimo. Con lui la bravissima pianista Laura Manzini