lunedì 22 luglio 2019

lunedì 22 luglio 2019

MENU

La pazienza nodosa dell'ulivo antidoto contro "l'incivile civiltà"

Fotografia

Al Centro internazionale di fotografia, ai cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, prosegue fino al 17 febbraio la mostra fotografica "Dove cresce l'ulivo" collettiva a cura di Dario Guarneri


di Daniela Robberto

La mostra fotografica “Dove cresce l’ulivo” si tiene al Centro Internazionale di fotografia diretto da Letizia Battaglia, ai Cantieri Culturali della Zisa di Palermo. Negli ampi e silenziosi ambienti, fino al prossimo 17 febbraio, gli scatti fotografici di Giulia Capasso, Giuseppe Ceresia, Pippo Consoli, Gianni Nastasi, Antonio Sambataro, Rosalia Siciliano, Giovanni Surdi e Dario Guarneri che ne ha curato il progetto e la realizzazione.

Dario Guarneri

L’ulivo dunque protagonista di arte visiva e spunto di riflessioni molteplici così come sono molteplici i punti prospettici delle opere fotografiche presenti. Presenza antica nella storia dell’uomo, l’ulivo affonda le sue radici nel mito elevandolo a dono degli dei, a testimonianza di un talamo coniugale di omerica memoria, e le sue foglie sottili rimangono simbolo di vittoria ma anche di pace, stretta nel becco di una colomba.

Foto di Gianni Nastasi

La Sicilia, approdo perenne di masse disperate, crocevia millenario di culture che si sono ibridate esaltando il meglio delle une e delle altre lo rese emblema del Mediterraneo lo vide compagno di ogni cosa, guardiano dei suoi usci e, nei solchi della sua corteccia, ripetere la morfologia umana nell’incessante divenire dove la sofferenza corruga tutto al volere del tempo; ma l’ulivo vince e perpetua nel profondo degli suoi embrioni fioriti il massaggio della vita che non riesce ad essere reciso nonostante le condizioni avverse dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento globale. Se il progresso e la fretta con cui viviamo distoglie lo sguardo da una natura trascurata e offesa, lui sta lì accanto ad un albero in metallo senza radici e, senza ombra di alcuna offesa regala benigno la sua, continuando ad essere con i suoi frutti e il suo fogliame riparo accogliente per i microsistemi viventi che in lui abitano. Nella sua pazienza nodosa spera nel ravvedimento sull’uso smodato della tecnologia, in una presa di coscienza da parte dell’uomo ad abbandonare l’arroganza di una “incivile civiltà” prima che sia troppo tardi, nella considerazione di come tutte le forma di vita meritino pari dignità, perché parti interdipendenti di un “unicum” indivisibile, sinergico e soprattutto irripetibile.

Foto di Giulia Capasso


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 06 febbraio 2019





Daniela Robberto

Nata a Messina nel lontano 1955, figlia femmina e, a detta dei miei (e quindi è sicuro) non troppo desiderata, di una coppia disastrosamente poco affine per luogo di nascita, carattere, studi, obiettivi nella vita, ambizioni……mia madre e mio padre. E devo forse a tali diversissime fonti genetiche la mia curiosità ed una personalità fortemente complessa ed agitata, che mi spinge a scrivere su ciò che più mi colpisce, che più mi intriga. Ho fatto per anni un lavoro facendomelo piacere anche se non era il mio ma, alla fine sono abbastanza contenta di come mi è andata, e soprattutto della mia formazione perché quando devo descrivermi, come in questo caso, o quando penso a me stessa, alla mente mi sovviene subito il mio nome, poi che dovrei dimagrire e poi che sono biologa.


TI POTREBBE INTERESSARE

Gibellina Selfie, lo sguardo di tre generazioni sarà l'icona della città nuova

Organizzato dall’Associazione culturale On Image e co-organizzato dalla Fondazione Orestiadi, con la direzione artistica di Arianna Catania, ritorna dal 26 luglio al 31 agosto Gibellina PhotoRoad, il primo festival di fotografia “open air” e “site specific” d’Italia. Il 23 luglio Joan Fontcuberta donerà un collage di 6075 immagini inviate dai gibellinesi all'artista catalano

Roberto Strano: «La prima cosa da fare è fotografare con gli occhi»

Il fotografo catanese (calatino d'adozione), fotoreporter in giro per il mondo, durante un incontro a Mistebianco ha snocciolato un po' i segreti della sua arte: «Il rapporto diretto con le persone ti aiuta a capire molte cose. Preferisco la pellicola ma il mezzo è secondario;prima bisogna uscire senza macchina fotografica e guardare, fotografare con la testa»

Gli scatti poetici di Primo Vanadia alla 58a Biennale di Venezia

Dall'11 maggio al 24 novembre, il fotografo palermitano racconterà la Sicilia nel padiglione della Repubblica Araba Siriana

Tiziana Blanco: «L'eredità araba della Sicilia ancora oggi ponte fra culture»

Esposta per la prima volta a Sharjah, negli Emirati Arabi Uniti, la mostra "Il tempo. L’anima antica del futuro" della fotografa siracusana è a Montalbano Elicona. Le radici odierne della Sicilia araba si affiancano a Sharjah e Dubai, città d'avanguardia degli Emirati: «Sarà interesse reciproco continuare a far dialogare le nostre due culture, il presente col passato»

«Un cantico per Librino, territorio abbandonato ma affamato di fiducia»

Il mecenate ha presentato il suo nuovo progetto socio-artistico, il "Cantico di Librino", allestimento di oltre mille fotografie di abitanti della città satellite di Catania che saranno esposte sui pali del quartiere: «Una purificazione nel segno della luce e della bellezza che nutre l’anima attraverso la consapevolezza di far parte tutti della stessa eternità»

Nino Costa: «Museo riflesso, il mio sguardo voyeuristico tra l'opera d'arte e lo spettatore»

Resta in esposizione fino al 15 luglio a Catania la mostra del fotografo acese, docente al liceo artistico di Catania, che nei suoi scatti intercetta il "momento sospeso", che fu di Luigi Ghirri, nel museo di una qualunque città, nelle visite a mostre temporanee e a collezioni permanenti: «Con un punto di vista ravvicinato, il tentativo è quello di isolare il rapporto più intimo»