sabato 20 aprile 2019

sabato 20 aprile 2019

MENU

La guerra di Marco Celeschi contro le fake news sulla pizza

Libri e fumetti

Edito da Bonfirraro, il 31 gennaio nelle librerie "Pizza, quanto ne sai veramente?", vademecum attraverso il quale il ristoratore catanese Marco Celeschi smonta sette principali falsi miti che riguardano storia e cronaca della pizza. Presentazione a Catania il 13 febbraio


di Redazione SicilyMag

Il ristoratore catanese Marco Celeschi ci aiuta a fare chiarezza sulle sette grandi bugie che circolano in rete sulla pizza. Un saggio-denuncia ragionato e irriverente, da leggere tutto d’un fiato, con cui l’autore della pizza più cara d’Italia sgonfia le bolle alimentari e il conseguente terrorismo legato al mondo del food, ripercorrendo le tappe salienti della storia e della cronaca della pizza.

Pizza, quanto ne sai veramente? è il primo libro di Marco Celeschi edito da Bonfirraro. Architetto, catapultato nel mondo della ristorazione dopo aver ristrutturato la casa di campagna dei nonni per farla diventare un agriturismo, nel 2015, Celeschi apre a Catania la sua prima pizzeria, La Corte dei medici, con l'intento di emancipare la pizza dal suo passato di piatto povero e darle pari dignità del food steIlato. Un vademecum anti-fregature in cui vengono sfatati i sette principali falsi miti sulla pizza - la farina doppio zero è veleno; la pizza fa ingrassare; alla ricerca dell’ingrediente magico: pizze nere, paste super-proteiche e altre patacche; il lievito madre contro il lievito di birra; i grani antichi sono i migliori; l’ideologia del km zero; la pizza e gli alimenti cotti ad alte temperature provocano il cancro - frutto di un “marketing di bassa lega”, di “giornalismo d’accatto”, di “luoghi comuni” e di frasi fatte, come afferma lo stesso autore, che finiscono per minare l'atteggiamento del consumatore. Celeschi racconta la sua esperienza con l’intento di denunciare, informare e sgonfiare certe bolle alimentari che hanno rovinato il mercato e terrorizzato i consumatori.

Marco Celeschi

Il libro uscirà nelle librerie italiane il prossimo 31 gennaio, seguito da un fitto calendario di presentazioni in cui l’autore incontrerà il pubblico per spiegare il suo progetto editoriale, nato dall’esigenza di liberare il consumatore dalle informazioni manipolate che girano sul web e fargli nuovamente apprezzare e mangiare la pizza tradizionale o gourmet, da pizzeria d’asporto o da ristorante stellato, purché abbia l’ingrediente segreto: la “sincerità”.

Il libro verrà presentato per la prima volta mercoledì 13 febbraio alle ore 18.00 presso la Libreria Feltrinelli di Catania (via Etnea 283- 285 - 287). Dialogherà con l’autore il giornalista Rai Guglielmo Troina.

«Li ho visti con i miei occhi: umani che ordinano una pizza senza glutine pur non essendo celiaci. Altri che non la mangiano a cena, per non ingrassare, ma si scolano tranquillamente un paio di bottiglie di vino. Qualcuno – continua lo stesso autore nella premessa del suo libro - solleva la pizza sul piatto, alla ricerca di microscopiche bruciacchiature (sospette a quanto si dice in TV); qualche altro chiede se usiamo lievito madre, che ha saputo – da chissà quale autorevole fonte – che è più digeribile. E poi ci sono quelli che preferiscono un’insalata, perché la pizza fa venire sete».

Stanco dei soliti luoghi comuni, Celeschi descrive il suo mondo “da dentro”, con gli occhi e le mani di chi ogni giorno studia per migliorare le proprie conoscenze e le proprie tecniche in materia di pizza. L’autore parla della pizza tradizionale e di quella gourmet, portandoci in giro per l’Italia, citando nomi e ricette di chi della pizza ha fatto la propria passione e il proprio lavoro. Il libro è suddiviso in tre parti: nella prima, l’autore analizza alcune leggende metropolitane che circolano sul mondo della pizza e sul settore gastronomico in generale. Spiega chi le crea, come sono diffuse e chi colpiscono; nella seconda, demolisce i sette falsi miti del settore più pericolosi e diffusi; nella terza, descrive il dietro le quinte di attività imprenditoriali come la sua, elargendo consigli utili su come scegliere una buona pizzeria.

«Non potevo più stare a guardare – scrive Celeschi sui social -. Ho assistito a una tale quantità di cantonate (eufemismo) sulla pizza e letto, con dispiacere, tante di quelle fake-news, bufale e leggende metropolitane sul mio piatto preferito, da aver capito di dover fare qualcosa. Così mi sono fatto coraggio e ho voluto dire la mia. Non ti metteresti a dire a un falegname come intagliare il legno o a un programmatore come creare il codice madre di un programma, giusto? Eppure nel settore della ristorazione si dà più credito agli scribacchini del web che a coloro che nel settore ci lavorano giornalmente. In questo libro si parla così della pizza raccontata da chi la fa. Un breve Vademecum anti-fregature per il quale devo ringraziare Salvatore Massimo Fazio che mi ha incoraggiato e introdotto a Bonfirraro Editore; che a sua volta ha avuto l'ardire non solo di leggere il libro ma di stamparlo pure. La ciliegina sulla torta è stata infine la prefazione di Stefano Versace, grande imprenditore, re del gelato negli Usa, fonte di ispirazione e mio mentore (suo malgrado), che ha dato la benedizione finale a quest'impresa. Un'impresa perché, nel suo piccolo, farà incazzare tanti. Scoprirete presto perché».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 21 gennaio 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

Cono Cinquemani: «Venite a curarvi al Pronto soccorso letterario»

Il 23 aprile, in occasione della “Festa del libro”, il camaleontico scrittrore, musicista, teatrante presenterà il progetto itinerante di libroterapia alla Mondadori di Piazza Roma a Catania: «Siamo una psicoanalista, una psicoterapeuta, 3 figure editoriali, un addetto stampa e io che cerco di amalgamare questa miscela. Noi siamo convinti del potere curativo della lettura»

Al "Km 123" c'è la storia del giallo. Secondo Andrea Camilleri

Nel nuovo romanzo, edito da Mondadori, lo scrittore di Porto Empedocle rielabora il “giallo” in maniera sui generis, come una formula narrativa che gli permette di spaziare in altri livelli di interpretazione. A conclusione del romanzo il testo "Difesa di un colore", sintetica storia internazionale del genere, basato sull'interessante parallelo tra giallo e libertà

Katya Maugeri: «Oltre le sbarre ci sono persone che cercano un percorso di redenzione»

La giornalista catanese ha pubblicato "Liberaci dai nostri mali", testo nato da un'inchiesta giornalistica su detenuti e droga: «Ho collaborato con il carcere di Augusta e lì ho capito che volevo raccontare le storie dei detenuti. Oltre gli errori. Lette insieme sembravano una preghiera che esortava al perdono». Sabato 13 aprile la presentazione a Catania

Christian Rocca: «La verità non è più vera perché abbiamo cancellato l'opinione pubblica»

Il giornalista alcamese, editorialista de La Stampa, ha pubblicato con Marsilio "Chiudete Internet - Una modesta proposta", un testo che coglie razionalmente le notevoli problematiche create dall'utilizzo errato del web e la disinformazione figlia dei social: «Questi aspetti problematici sono molti e hanno un impatto devastante sulla società, sul lavoro e la democrazia»

Ismete Selmanaj Leba: «Nessuno lascia la propria patria senza dolore nell'anima»

La scrittrice albanese, dal 1992 trapiantata nel Messinese, è tornata nelle librerie con "Due volte stranieri" (Besa editrice), dove affida al personaggio di Mirela il disorientamento di chi continua a sentirsi straniero nonostante anni di vita nel Paese d'adozione: «Qual è il Paese di tanti immigrati che hanno passato più della loro vita in Italia che nel loro Paese natio?»

Maria Attanasio restituisce la dignità a Rosalia Montmasson

Nel romanzo "La ragazza di Marsiglia", edito da Sellerio, la scrittrice calatina racconta le vicende umane della prima moglie, poi ripudiata, di Francesco Crispi e unica donna della spedizione in Sicilia dei Mille, senza perdere di vista l'essenza delle trasformazioni storiche. Ne vien fuori un romanzo animato dallo spirito della libertà, ispirato da un'autentica filosofia di storia al femminile