sabato 20 aprile 2019

sabato 20 aprile 2019

MENU

L'Oro di Atlantide è in mostra a Gela

Sicilia antica

Al Museo archeologico regionale la Soprintendenza del Mare presenta i reperti subacquei recuperati durante le campagne di indagine, tra cui i lingotti che facevano parte di un prezioso carico e due elmi corinzi


di Redazione SicilyMag

Al Museo archeologico regionale di Gela saranno presentati il 10 aprile i reperti recuperati dalla Soprintendenza del Mare nel corso delle campagne di indagine svolte nel mare antistante il golfo di Gela. Interventi effettuati negli ultimi anni in collaborazione con la Guardia di Finanza ROAN di Palermo, la Capitaneria di Porto di Gela e il subacqueo gelese Francesco Cassarino. Esposti i lingotti che facevano parte di un prezioso carico trasportato da un’antica nave naufragata a qualche centinaio di metri dalla costa gelese, ad una profondità di circa cinque metri.

Lingotti di oricalco e elmi corinzi

I lingotti sono di un metallo particolare, chiamato “oricalco”, definito l’Oro di Atlantide. Una lega di rame e zinco simile al nostro ottone e considerato nell’antichità un metallo prezioso e al terzo posto per valore commerciale dopo l’oro e l’argento. La scoperta dei lingotti di oricalco è tra le più importanti di questi ultimi anni sia perché costituisce un unicum come ritrovamento, sia perché i reperti finora conosciuti forgiati con questa lega sono molto rari. Inoltre esposti due elmi corinzi provenienti dai fondali di contrada Bulala: si tratta di due oggetti molto simili tra di loro, inquadrabili nella tipologia dell’elmo diffuso in Grecia tra il 650 e il 450 a.C. Sono costituiti da un’ampia calotta con paranaso rettangolare allungato e da due ampie paragnatidi. Una fila di piccoli fori presenti lungo tutto il bordo serviva per il fissaggio di fodere in cuoio all’interno. Gli elmi possono essere datati nell’arco del VI sec. a.C.

Elmi corinzi

Fra i più significativi reperti anche un exaleiptron (cothon) di importazione corinzia con decorazione geometrica databile dalla seconda metà alla fine del VI secolo a.C., una macina in pietra lavica con inserto in legno e un’ancora in piombo e legno. La mostra sarà inaugurata dal Soprintendente del Mare Sebastiano Tusa e dal Direttore del Museo di Gela Ennio Turco. Il restauro di alcuni dei reperti esposti, è stato effettuato grazie al supporto del Club per l’Unesco di Gela.
«Le ricerche nel mare di Gela proseguono con risultati di grande rilievo scientifico e soprattutto garantendo la tutela del patrimonio culturale subacquea di questa zone della Sicilia. I reperti che si mostreranno al pubblico di Gela sono stati recuperati nel corso di queste ricerche nell'area del relitto che portava i lingotti di oricalco. Si tratta di ceramiche, lingotti e due temi corinzi in bronzo che, dopo lo studio e le operazioni di restauro effettuate presso la Soprintendenza ritornano a Gela, così come abbiamo sempre fatto con tutti i reperti provenienti da questo mare».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 10 aprile 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

«La torre ottagonale di Enna? Fu costruita dai Siculi, non da Federico»

La prima "imbeccata" risale al 1979, ma solo dopo vent'anni di ricerche l'ennese con la passione per l'inchiesta storica è riuscito a trovare ciò che cercava, e a pubblicare anche un libro in cui sostiene, documenti alla mano, che la Torre ennese, ritenuta medievale, sarebbe in realtà un osservatorio astronomico-geodetico costruito dai Siculi

Nuovo vincolo della Regione su Casa Cuseni, a Taormina

La raccolta libraria della sede del Museo delle Belle Arti entra nel Registro delle Eredità Immateriali della Regione siciliana. Parallelamente il Castello di Donnafugata si prepara a far parte dell'Ecomuseo di Ragusa. Entrambe le dimore fanno parte della rete nazionale Case delle Memorie

A Palermo tornano a "ruggire" i leoni del Palazzo Reale

Presentate le due statue marmoree del XII secolo che, dopo il restauro, dal 14 febbraio sono esposte nella sala di Re Ruggero

Ponti sul Simeto, millenni di storia nel culto dell'acqua

Leggere i territori attraverso le infrastrutture antiche. Nel periodo romano c'è stata la prima regolamentazione delle acque delle sorgenti della Valle del Simeto che sono state incanalate in acquedotti e convogliate in stabilimenti termali. Il più importante acquedotto della Sicilia romana nel periodo imperiale, conduceva l'acqua da Santa Maria di Licodia a Catania

Uscibene, un pezzo di storia palermitana alla mercé dell'abusivismo

Nonostante sia un bene vincolato dalla Soprintendenza, il complesso monumentale del capoluogo siciliano, risultato di una stratificazione plurisecolare che probabilmente inizia nel periodo romano e vede i migliori risultati con la cultura musulmana, dopo aver vissuto varie fasi di abbandono e di restauro è stato abbandonato al degrado di oggi

Il Parco di Selinunte tra nuove scoperte e possibili restauri

L'assessore regionale ai Beni culturali Vittorio Sgarbi ha annunciato un'azione di recupero sul Tempio G grazie al supporto economico di un mecenate durante un convegno nel quale i geomorfologi dell'Università di Camerino presentavano i primi risultati delle loro ricerche, tra cui delle probabili vasche sotto il Tempio M