martedì 18 settembre 2018

martedì 18 settembre 2018

MENU

"L'istante e la storia", Ezio Costanzo racconta il fascino del reportage

Libri e fumetti

Racchiude più di cento anni di storia sul reportage e sulla documentazione fotografica il libro del giornalista e storico catanese "L'istante e la storia. Reportage e documentazione fotografica. Dalle origini alla Magnum" che sarà presentato l'1 dicembre alla Sala Phil Stern del Museo dello sbarco in Sicilia di Catania


di Redazione SicilyMag

Racchiude più di cento anni di storia sul reportage e sulla documentazione fotografica il libro di Ezio Costanzo L'istante e la storia. Reportage e documentazione fotografica. Dalle origini alla Magnum (Le Nove Muse Editrice, 2017), in cui l’autore, giornalista e storico, partendo dalle origini del reportage e considerando ogni scatto documento e testimone del tempo, passa in rassegna i tanti protagonisti che hanno immortalato conflitti locali, guerre mondiali, rivoluzioni, vita sociale e cambiamenti nel mondo intero.

Ezio Costanzo

Il volume, realizzato con il contributo della Fondazione Oelle Mediterraneo Antico, verrà presentato venerdì 1 dicembre, alle 10.30, nella sala Phil Stern - Museo dello sbarco in Sicilia 1943, all’interno del complesso Le Ciminiere di Catania. Insieme all’autore ci saranno i relatori Carmelo Nicosia, fotografo e direttore della fondazione Oelle Mediterraneo Antico, Enzo Tromba, ordinario di Teoria e metodo dei mass media dell’Accademia di belle arti di Catania e Fabrizio Villa, fotogiornalista.

«Questo libro - spiega l’autore – è rivolto a chiunque voglia approfondire le vicende storiche del reportage fotografico e della fotografia come documento, dalle origini alla nascita dell'agenzia francese Magnum (1947). Una lunga storia tra ‘800 e ‘900, che va dagli aspetti tecnici alle storie personali dei protagonisti, dai vari settori del racconto fotografico alle fonti d'archivio, dai conflitti civili locali alle guerre mondiali».

«Questo lavoro di ricerca, illustrato con molte immagini – afferma nella sua introduzione al volume Carmelo Nicosia, fotografo e docente di Fotografia all’Accademia di Belle Arti di Catania - si ferma proprio al 1947, anno di nascita della Magnum, perché dal dopoguerra in poi, con l’ampliamento delle fonti di informazione e dei giornali, la fotografia e il reportage sono profondamente cambiati, anche dal punto di vista tecnologico. Ezio Costanzo ha così diviso la ricerca in due parti, di cui questo testo rappresenta la prima metà, quella storica, partendo dal 1842, anno in cui un fatto di cronaca, l’incendio di Amburgo, viene immortalato come documento».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 28 novembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Federica Raccuglia: «Nel mio libro ho privilegiato la comunicazione di Padre Pino Puglisi»

La giornalista palermitana ha pubblicato per i tipi di Edizioni La Zisa "L'uomo del dialogo contro la mafia. La storia di Padre Pino Puglisi" in cui ripercorre le tappe fondamentali della vita del parroco ucciso a Brancaccio attraverso lettere, appunti, inedite registrazioni di incontri e le testimonianze di chi lo ha conosciuto. Giovedì 13 settembre la presentazione a Palermo

Maurizio Molinari: «L'identità nazionale in Sicilia è granitica come lo sguardo di Mattarella»

Per il direttore de La Stampa, autore del saggio Il ritorno delle tribù, sulla frammentazione dei gruppi di potere nel mondo islamico e in Occidente, l'Isola, strategica già militarmente ed ora commercialmente, deve alla componente antimafiosa del suo popolo il dna dello Stato: «L'esperienza nella lotta alla mafia è servita anche nella difesa contro il terrorismo islamico»

Quell'ottica siciliana che ci fa capire cosa è successo in Italia

La Sicilia ha avuto un ruolo importante in diversi passaggi storici nazionali ed europei, come ben evidenziato in “Storia della Repubblica” dello storico Guido Crainz, un racconto critico, multidisciplinare e ben strutturato di settant'anni di storia italiana

«La Sicilia è battistrada nel dialogo fra Cristianesimo e Islam»

Il delicato tema del rapporto fra le due religioni monoteistiche viene approfondito dal giornalista nel libro "Noi fratelli", scritto con Stefano Girotti Zirotti e che vanta l'introduzione di Papa Francesco. Ed uno spazio importante lo ha avuto - da Federico II in poi - la Sicilia. Mazzuca: «Avanguardia di dialogo, crogiolo di civiltà e culture, è tutt'ora luogo di incontro»

"Visioni", in un libro il viaggio ventennale della Scuola superiore di Catania

Il giornalista etneo Giorgio Romeo ha realizzato per conto dell'istituto di alta formazione dell'Università di Catania un libro che racconta le fasi cruciali della storia di una istituzione culturale di notevole rilievo. Romeo: «Ho incluso la molteplicità di visioni che fa comprendere come questo progetto sia un’opportunità per ripensare la Sicilia, i giovani, il futuro»

Ragusa città tutta da leggere con "A tutto volume"

Da venerdì 15 a domenica 17 giugno saranno oltre settanta gli appuntamenti complessivamente inseriti nel programma della kermesse letteraria iblea firmato da Alessandro Di Salvo, ideatore e promotore della manifestazione, e dalla Fondazione degli Archi assieme ai tre “guest director” Loredana Lipperini, Massimo Cirri e Tiziano Scarpa