sabato 17 novembre 2018

sabato 17 novembre 2018

MENU

L'incerto futuro della Marionettistica Fratelli Napoli

Tradizioni

I Maestri Pupari catanesi sono costretti a traslocare nuovamente. Dopo la gentile accoglienza del centro commerciale Le Porte di Catania sono adesso alla ricerca di una nuova fissa dimora. E mentre i loro magazzini sono inagibili a causa di una perdita d'acqua nell'immobile al piano superiore di proprietà comunale, tutti i loro storici materiali saranno ospitati da un privato


di Redazione SicilyMag

E' rimasto inascoltato anche l'ennesimo appello lanciato lo scorso giugno da Fiorenzo Napoli, direttore artistico della Marionettistica Fratelli Napoli, i Maestri Pupari di scuola catanese, che sono nuovamente alla ricerca di una fissa dimora. Gli storici pupi dell’antico mestiere, i pregiati fondali, i cartelli e tutto il resto dei loro materiali, che in quasi cento anni di storia e di attività ininterrotta hanno formato e costituito passo dopo passo la storia dei Napoli (riconosciuta nel 2001 dall’Unesco, nell’ambito della tradizione tutta dell’Opera dei Pupi, Patrimonio Immateriale dell’Umanità) sono già stati caricati nei furgoni.

Preclusi i cancelli di quello che Fiorenzo Napoli usa ormai definire il «Teatro Instabile delle Ciminiere», terminato il complicato rapporto con Vecchia Dogana, dal 2015 sono stati ospitati dal centro commerciale Le Porte di Catania che, grazie a un’operazione di accorto e disinteressato mecenatismo, aveva messo a disposizione ampi spazi espositivi per accogliere il prezioso materiale della famiglia Napoli, in modo da permettere alla storia, alla tradizione e alla cultura della Sicilia di continuare a esistere.
«Ma ora – dichiara Fiorenzo Napoli - si chiude un’altra pagina della nostra storia perché, per una legittima esigenza di commercializzare gli spazi, dobbiamo lasciare i locali di Porte di Catania, che ci hanno accolto per quasi due anni. E, se con gratitudine non dimenticheremo mai la Direzione del centro commerciale, d’altra parte non possiamo non pensare a troppe promesse fatte e non ancora mantenute dalle istituzioni e alle troppe parole al vento che hanno fatto sì che questa situazione si perpetuasse nel tempo».
In attesa che i gloriosi paladini trovino una giusta e fissa dimora, tutti i materiali della Marionettistica Fratelli Napoli saranno ospitati in un capannone industriale: «Un caro e attento amico di famiglia - ha aggiunto Fiorenzo Napoli - ha messo a nostra disposizione un capannone industriale per sopperire a questo momento, perché il nostro deposito vicino alla storica bottega di via Reitano è inagibile, in quanto sono presenti numerose infiltrazioni d’acqua causate da locali comunali ubicati ai piani superiori. Combatteremo sempre per il nostro futuro, aspettando ancora un tangibile e concreto segnale da parte delle istituzioni cittadine, ma con la ferma e decisa volontà di allontanare quella Roncisvalle di pupi e pupari che oggi, purtroppo, sembra profilarsi all’orizzonte».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 03 ottobre 2016





TI POTREBBE INTERESSARE

Notte di Zucchero, la tradizionale Festa dei Morti a Palermo e Catania

La manifestazione nata pertenere in vita una tradizione dall’eco tutta siciliana che col sopravvento di Halloween rischiava di perdersi, quest'anno approda per la prima volta anche a Catania, mentre a Palermo si rinnova portando per la prima volta eventi culturali all'interno dei cimiteri

Enna riscopre il canto degli zolfatari al Cristo morto

Il 30 marzo in occasione della processione del Venerdì Santo il coro Passio Hennensis eseguirà il canto della tradizione siciliana recuperato nel 1972 dal musicologo Angelo Cacciato

Intramontabile zampogna, melodiosa compagna della Natività

La riascoltiamo ogni anno nel periodo delle festività natalizie ma lo strumento a fiato per antomasia della Sicilia e di tutto il Sud Italia è un vero testimone di una civiltà contadina oggi tramontata. La sua unicità, e soprattutto insostituibilità, è testimoniata dalla rassegna Zampognarea, giunta alla XIV edizione, in svolgimento a Catania fino al 7 gennaio

Con la Casa del cantastorie Paternò si riappropria della sua storia

Il 14 febbraio riapre la casa museo dedicata agli antichi cantori della cultura popolare del Novecento, i più famosi dei quali - da Ciccio Busacca a Vito Santangelo a Paolo Garofalo, morto centenario un anno fa -, venivano dalla cittadina etnea. Le visite guidate affidate al Gruppo Batarnù. Alessandro Nicolosi: «La scuola paternese per noi è identità culturale»

Un archivio on line
custodisce la memoria della Sicilia

La Fondazione Ignazio Buttitta e il Museo delle Marionette Pasqualino Noto hanno creato un sito nel quale sono stati schedati e digitalizzati i materiali audiovisivi della tradizione popolare. L'archivio, aperto anche a contributi esterni, è fruibile anche su smartphone. Si tratta del primo step di un unico Polo etno-antropologico che aprirà entro la fine dell'estate

I cento volti della Pasqua in Sicilia

Per gentile concessione della Fondazione Federico II, editore della guida Il cammino della passione, pubblichiamo il testo introduttivo del professor Ignazio E. Buttitta che ha curato i testi del volume. Buttitta: "Attraverso la salvifica vicenda di morte e resurrezione del Cristo si celebra, infatti, anche il mistero della rinascita del tempo e della vita"