sabato 17 novembre 2018

sabato 17 novembre 2018

MENU

L'Harissa tunisina

Ricette

Tra le viuzze della casbah di Tunisi sono attratta dai lunghissimi banconi, pieni di decine e decine di barattoli, contenitori e grandi sacchi di juta che traboccano di polveri colorate, foglie e frutti.Torno in Sicilia con un bottino da Mille e una notte e con la ricetta originale della loro rinomata salsa piccante affidatami dalla mia amica Meryem Yacobi


di Monica Cecere

La luce accecante del sole ancora alto, le strade polverose, la gente che si affolla tra i banchi del mercato, chi abbannìa (bandisce la propria merce, per i non oriundi siculi), chi compra, chi chiede informazioni e poi va via per ritornare poco dopo a contrattare, chi gira per farsi un’idea di cosa e dove comprare.
Se non fosse per la preghiera del mujahidin che, ammaliante come il canto delle sirene di Ulisse, si diffonde nell’aria per attrarre i fedeli, giurerei di essere a Palermo. Sono, invece, tra le viuzze della casbah di Tunisi, un posto magico per tutti coloro che, come me, amano le spezie.

Vengo attratta da lunghissimi banconi, pieni di decine e decine di barattoli, contenitori e grandi sacchi di juta che traboccano di polveri colorate, foglie e frutti. Vengo avvolta da profumi che inebriano i sensi e fanno volare la fantasia in storie dal sapore orientale. Provo a comunicare con la grassa signora in abiti tradizionali che, con gesti e voce mielata, mi invita a comprare ed io non riesco resistere al suo corteggiamento. E così, felice come una bambina, riempio la sporta di spezie, tè ed infusi vari e, soprattutto, peperoncino. Ritornerò in Sicilia con un bottino da Mille e una notte e, finalmente, potrò realizzare l’harissa con la ricetta originale affidatami dalla mia splendida amica tunisina Meryem Yacobi.

Ingredienti:
300 gr. di peperoncini freschi (meglio quelli grandi a cornetto);
100 gr. di peperoncino in polvere;
3-4 spicchi d’aglio;
aromi tunisini per il cous cous di carne;
sale;
menta fresca;
olio d’oliva ed acqua q.b.

Procedimento:
Mettere tutti gli ingredienti nel frullatore, aggiungendo l’olio a filo e un po’ d’acqua. Conservare in frigo in un barattolo ermetico.

Consigli: Utilizzate questa salsa con le carni o, come piace a me, semplicemente spalmata su crostini di pane.

Buone cose piccanti a tutti.

Se questa ricetta ti è piaciuta, leggi le altre proposte di Monica su "Scorzonera&Cannella"


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 22 ottobre 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

La minestra di Borragine, gustosa e disintossicante

Una delle verdure spontanee più buone e salutari del periodo invernale è la borragine, con le sue foglie grassocce e leggermente pelose. È anche molto versatile in cucina e può essere la protagonista di tanti piatti prelibati. La ricetta che vi propongo oggi è una minestra gustosa e disintossicante, la cui preparazione non richiede grande impegno e, al contempo, conserva molte delle sue proprietà balsamiche e nutrizionali

La tavola delle feste: il Buccellato di Scorzonera&Cannella

In un lontano mese di dicembre imparai a fare questo dolce rustico, degno di re e regine: un bauletto di friabile pasta frolla che nasconde un ripieno morbido di frutta secca, cioccolato fondente, agrumi e spezie

Busiate alla carrettiera di Scorzonera&Cannella

Tra i piatti della cucina popolare siciliana questo primo piatto, profumato, facile da realizzare ed economico sembra che fosse il piatto principe del pasto dei carrettieri, praticamente gli antenati dei moderni autotrasportatori

Zuppa di cannellini e tenerumi di Scorzonera&Cannella

Con l'autunno ritornano a tavola le zuppe, quella che vi propongo oggi è particolarmente sana e dietetica ed affonda le sue radici nei ricordi della mia infanzia, perchè a tavola è giusto avere un occhio alla salute, senza comunque dimenticare il gusto

Paccheri con bottarga e melanzane di Scorzonera&Cannella

Per sconfiggere la malinconia di fine estate distraetevi con cose per voi piacevoli e attorniatevi di colori che vi fanno stare bene, come un primo piatto semplice, profumato e colorato

Granita di anguria (o "di mellone") di Scorzonera&Cannella

Immaginate una mattina d’agosto, una terrazza all’ombra in Sicilia e, davanti a voi, oltre alla vista del mare e del cielo, una bella granita di "mellone" con una brioscia cu tuppo”. Niente può essere più inebriante e rinfrescante