mercoledì 17 luglio 2019

mercoledì 17 luglio 2019

MENU

L'appello di Antonio Presti al Santo Padre: «Venga a Librino»

Territori

Il nuovo progetto del mecenate di Fiumara d'Arte, "Il Cantico di Librino" sarà inaugurato il 15 settembre, stesso giorno in cui è previsto l’arrivo del Papa all’aeroporto di Catania a cui rivolge un sentito appello


di Redazione SicilyMag

«Caro Papa i bambini di Librino ti aspettano e ti vogliono abbracciare, non puoi dire di “no”: lo vuole Gesù e anche San Francesco». La voce del piccolo Paolo è quella corale dei 10mila bambini del quartiere periferico di Catania, protagonisti del progetto “Il Cantico di Librino”, che il presidente di Fiumara D’Arte Antonio Presti inaugurerà il 15 settembre, giorno in cui è previsto l’arrivo del Santo Padre all’aeroporto di Catania. Una coincidenza che ha spinto il mecenate siciliano (che tra i viali del quartiere satellite ha sempre seminato Arte e Bellezza) a rivolgere un sentito appello al Papa: «Abbracciare, dobbiamo tutti imparare ad abbracciare chi è nel bisogno, come ha fatto San Francesco. Queste sono proprio le Sue parole Santità – sottolinea Presti – e nel nome della Fede e della preghiera, caro Papa, Le chiediamo umilmente di ricevere quel Battesimo di Fede che decreterà rinascita e rinnovamento dello Spirito».

Una piccola (e possibile) deviazione di 500 metri – rispetto al percorso ufficiale annunciato dalla Santa Sede – tra l’arrivo nello scalo aeroportuale etneo e lo spostamento in elicottero a Piazza Armerina, per una Benedizione collettiva: è questo il desiderio di tutto il quartiere di Librino, supportato da una petizione popolare lanciata dal promotore Antonio Presti, che ha già raccolto migliaia di firme nelle scuole, negli esercizi commerciali e in tutti i luoghi di aggregazione.

«Il Cantico è un progetto educativo e morale che nel suo spirito universale ha coinvolto tutti – spiega Presti – gli abitanti del quartiere hanno partecipato ai laboratori fotografici degli artisti, attraverso un processo partecipato e condiviso, diventando così protagonisti del proprio riscatto umano e cristiano. I loro ritratti verranno stampati su giganteschi banner, posizionati lungo le strade, dove verranno impresse le parole d'amore ispirate alla preghiera universale di San Francesco. Un vero e proprio Inno alla Gioia che restituisce Anima, Bellezza, Cuore. Per questo uno dei desideri più grandi, uno dei regali più significativi per Librino, sarebbe la benedizione del Papa, di questo Papa, che proprio dal pensiero e dalle azioni del Santo di Assisi – l’uomo della Pace che custodisce il Creato – trae tutto quell’amore che diventa semina per il mondo intero, passando soprattutto dalle periferie del mondo».

Un invito che in pochi giorni è diventato virale, coinvolgendo tutti i cittadini del popoloso quartiere (che ospita 70mila abitanti) e diventando speranza, attesa, slancio Cristiano e comunione d’intenti: «Stiamo portando avanti quest’istanza dal basso, dalla società civile – continua Presti – dimostrando a Bergoglio quanto forte e autentica è la nostra devozione. Quella ricucitura spirituale ed etica che affonda le radici nel rispetto dell’altro, nella cura verso i meno fortunati, nella trasmissione dei princìpi del Vangelo, che ritroviamo tra i versi del Cantico di Librino e tra gli sguardi, i sorrisi, i volti, le Anime di chi ha partecipato a questo grande progetto universale, mira a confermare il valore dell’identità attraverso un percorso spirituale e interiore. Librino grazie a questa installazione – conclude Antonio Presti - diventerà un luogo unico al mondo dove la regola per entrare e per uscire sarà quella di cantare. Cantando il Cantico delle Creature si rigenererà cuore e Bellezza. E come diceva Sant'Agostino, non dimentichiamolo: “Chi canta, prega due volte”».


“IL CANTICO DI LIBRINO” è un’installazione fotografica monumentale su migliaia di pali della luce del quartiere, dell'Asse dei servizi e della strada che conduce all'aeroporto, dove i protagonisti saranno gli stessi abitanti, immortalati da nove fotografi siciliani. I ritratti saranno stampati su giganteschi banner dove verranno impresse le parole d'amore ispirate alla preghiera universale di San Francesco. In questi mesi oltre 1000 fedeli hanno partecipato al progetto nelle parrocchie di Beato Padre Pio da Pietralcina, Nostra Signora del Santissimo Sacramento, Resurrezione del Signore, San Giuseppe al Pigno, Santa Maria Ausiliatrice e San Domenico Savio, Santa Chiara e le associazioni Talità Kum e Casa del Volontariato. I laboratori hanno visto all’opera i fotografi Arianna Arcara, Luigi Auteri, Valentina Brancaforte, Cristina Faramo, Claudio Majorana, Alessio Mamo, Orazio Ortolani, Maria Sipala, coordinati dal catanese pluripremiato Antonio Parrinello e con la straordinaria partecipazione del rinomato fotografo franco-iraniano di National Geographic Reza Deghati e del fratello e collega Manoocher


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 14 giugno 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Duomo di Taormina, la nobile storia del tempio di San Nicola

La cattedrale della Perla dello Ionio con la sua pluralità di stili, con i segni artistici contenuti al suo interno, è uno scrigno di tesori. E' affascinante ammirare il Duomo dall'esterno, in particolar modo quando la piazza ed il corso non sono affollati, ma è altrettanto suggestivo entrarvi dentro ed osservare ogni altare, ogni angolo

Con Palazzo Beneventano Lentini ha ritrovato la sua anima culturale

La storica dimora, dopo anni di incuria e uso inadeguato da quando è comunale, tre anni fa è diventata luogo di cultura e bellezza grazie al ripristino coordinato da un gruppo di giovani operatori culturali guidato da Giorgio Franco, che si è fatto assegnare, come presidio di Italia Nostra, la gestione del sito: «Il nostro slogan è amare non è possedere ma prendersi cura»

Loggiato San Bartolomeo, Palermo si riappropria di un pezzo di storia

Il medievale loggiato torna come grande contenitore di eventi grazie all'art bonus che han permesso al gestore, la Fondazione Sant'Elia presieduta dal sindaco Orlando, di trovare fondi messi a dispisizione da mecenati e privati. Inaugurazione il 14 maggio con la mostra Human Condition dell'artista cinese Zhang Hongmei

Le tradizioni del Natale e la buona terra da mangiare accendono la magia di Ispica

Dal 23 dicembre nel suggestivo scenario del Parco della Forza, la cittadina iblea rinnova, per il 21° anno, il rito del presepe vivente, grande macchina scenografica con più di 100 figuranti che inscenano 40 mestieri in via di estinzione. Il presepe di Ispica offre lo spaccato di un territorio consapevole custode anche di un ricco patrimonio di biodiversità-agroalimentare da tutelare

Da fogna a Patrimonio Unesco, solo l'amore può salvare il fiume Oreto

E' l'impegno del documentarista Igor D'india per restituire dignità al fiume di Palermo, oggi a serio rischio ambientale e idrogeologico. Con lui la città sana, dal comitato Salviamo l'Oreto ai giovani di Up Palermo fino all'Università - dall'8 al 10 novembre in calendario le Giornate per l'Oreto -, spingono a votare il fiume al censimento Fai "I luoghi del cuore"

La Pinacoteca "Sciavarrello" al Real Collegio Capizzi, cuore culturale di Bronte

A spasso per ambienti dello storico istituto di formazione fondato dal Venerando Ignazio Capizzi che oggi ospita anche la galleria di arte moderna nata nei primi anni 2000 grazie alle donazioni del pittore brontese Nunzio Sciavarrello. Il presidente della Pinacoteca Carmelo Indriolo: «E' un patrimonio culturale vasto che merita di esser ancor più conosciuto»