venerdì 23 febbraio 2018

venerdì 23 febbraio 2018

MENU

L'Angola vince il Cous Cous Fest del ventennale

Tutto fa panza

La ricetta degli chef Helt Araújo e Ricardo Braga ha convinto la giuria tecnica presieduta da Joe Bastianich. La ricetta vincitrice è un un cous cous di pesce con muamba di denden e gamberi rossi di Mazara, filetto di triglia grigliata, spolverata con gamberetti secchi e bruchi tostati, un piatto che fonde elementi della cucina nativa con elementi della cucina giapponese


di Redazione SicilyMag

E’ l’Angola il paese vincitore del Campionato del mondo del cous cous, la gara tra 10 paesi svolta nell’ambito del Cous Cous Fest, il festival internazionale dell’integrazione culturale organizzato dall’agenzia di comunicazione Feedback di Palermo in partnership con il Comune di San Vito Lo Capo la cui 20esima edizione si chiude oggi. La ricetta degli chef Helt Araújo e Ricardo Braga ha convinto la giuria tecnica, tra quelle degli altri 9 paesi in gara: Costa D’Avorio, Francia, Israele, Italia, Marocco, Senegal, Stati Uniti e Tunisia. La giuria tecnica, presieduta da Joe Bastianich, giudice di Masterchef Italia, ha visto impegnati negli assaggi 12 esperti tra giornalisti, chef e food blogger. Alla delegazione angolana è andato il premio offerto da Unicredit e consegnato dal vice sindaco di San Vito Lo Capo, Maria Cusenza e da Salvo Malandrino, regional manager Sicilia di Unicredit.

Helt Araújo e Ricardo Braga, chef angolani, alzano il trofeo del Cous Cous Fest

Secondo la giuria tecnica la ricetta angolana, un cous pesce con muamba di denden e gamberi rossi di Mazara, filetto di triglia grigliata, spolverata con gamberetti secchi e bruchi tostati, “è un piatto che fonde, in equilibrio perfetto, elementi della cucina nativa fra i quali i vermi secchi e la spina di triglia, con elementi della cucina giapponese amalgamandoli al meglio e dimostrando elevate capacità tecniche”.

All’Angola è andato anche il premio per la migliore presentazione del piatto, “elegante anche alla vista, composto e in pieno equilibrio di volumi. Ben pensato e realizzato con alta professionalità”. Ai due chef, quindi, anche il premio offerto da Conad e consegnato da Giovanni Cardinale, socio amministratore di Conad Sicilia. Gli chef sono stati accompagnati sul palco da Emanuela Vita, rappresentante dell’Ambasciata dell’Angola.

Una storia di passione e di riscatto quella dei due chef, che si sono formati e hanno iniziato a lavorare in Portogallo e in Spagna e adesso sono tornati in Angola dove stanno per lanciare il ristorante Xé-Nu nella capitale Luanda. Araújo ha lavorato a Barcellona con con lo chef catalano Ferran Adrià, nel ristorante El Bulli, uno dei pochi ristoranti con 3 stelle Michelin e considerato uno dei migliori ristoranti del mondo ed è membro dell'Agenzia internazionale della gastronomia; Braga invece, nato a Lisbona da genitori angolani, è cresciuto in uno dei quartieri più poveri della città, dove ha formato il suo carattere e l'energia che adesso porta anche in cucina.

Helt Araújo e Ricardo Braga con il trofeo del Cous Cous Fest del ventennale

La giuria popolare, composta dai visitatori della manifestazione, ha premiato la Tunisia, rappresentata dagli chef Bilel Ouechtati, chef di cucina al ristorante “Le Baroque” a Tunisi e Bouadra Tayed, che hanno proposto un piatto dal titolo “Mosaico di Cartagine” a base di gamberetti, cernia, melanzana e barbabietole. La loro ricetta è stata premiata con il riconoscimento offerto da Bia CousCous e consegnato da Luciano Pollini, amministratore delegato di Bia e dall’assessore regionale all’agricoltura Antonello Cracolici. «Il Cous Cous Fest si è consolidato come uno degli eventi internazionali di maggiore importanza per promuovere le eccellenze del made in Sicily, punto di riferimento dell’agroalimentare di qualità nel mercato globale – ha detto l’assessore. Anche quest’anno San Vito Lo Capo è tornata ad essere la capitale mondiale dell’integrazione e della contaminazione tra le culture».

Gli chef tunisini ricevono il premio della giuria popolare

Al Senegal, rappresentato dalla chef Mareme Cisse, chef al ristorante Ginger People&Food, nel centro storico di Agrigento e membro della cooperativa sociale Al Kharub, nata per promuovere l’inserimento lavorativo di persone con disagio sociale e per favorire l’integrazione sociale e culturale di cittadini extracomunitari, è andato invece il premio per l’originalità della ricetta offerto da Electrolux Professional e consegnato da Rita Montanari, responsabile commerciale Electrolux Sud Italia.

La chef senegalese Mareme Cisse premiata da Joe Bastianich

Sul palco anche lo chef ragusano Joseph Micieli, del ristorante Scjabica di Punta Secca, che ha vinto il campionato di chef under 30 “Metti una gara a cena”, patrocinato da Electrolux Professional per la valorizzazione dei giovani talenti della cucina italiana.

Joseph Micieli vincitore del premio per lo chef under 30

A calare il sipario sulla manifestazione lo spettacolo di danze del mondo e il cabaret, stasera, di Paolo Migone, il toscano di Zelig che usa come filtro la sua comicità corrosiva.

Il cous cous, piatto povero nato tra le dune dei deserti del Maghreb, è stato ancora una volta il pretesto per parlare di pace e solidarietà tra popoli all’insegna del motto “make cous cous not war”. «Ad estate ormai conclusa – ha detto Matteo Rizzo, sindaco della cittadina - San Vito ha continuato la sua stagione turistica registrando migliaia di presenze che rivelano l’efficacia di un progetto che colleziona da diversi anni risultati importanti».

Il Cous Cous Fest ha attirato nella cittadina trapanese oltre 250 mila visitatori con un programma di dieci giorni che ha visto oltre 40 cooking show con i maggiori protagonisti della cucina italiana, da Giorgione a Sonia Peronaci, da Pino Cuttaia a Chiara Maci, da Filippo La Mantia e Sergio Barzetti e grandi artisti della musica italiana internazionale: Jarabe De Palo, Levante, Niccolò Fabi, Mario Venuti, Samuel, Fabrizio Moro, Gabbani, Joe Bastianich Project. «Anche quest’anno – spiegano dall’agenzia Feedback di Palermo, organizzatrice e producer dell’evento - il festival ha segnato un nuovo record. Siamo orgogliosi di questo bilancio e della grande visibilità avuta dalla rassegna grazie alla presenza delle maggiori testate nazionali ed internazionali come The Guardian, Panorama, Rai 1 con La vita in diretta e Linea verde va in città e Studio Aperto».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 24 settembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Lo chef Enzo Oliveri giudice alle “Olimpiadi dei Giovani Chef 2018”

Lo chef palermitano che vive e lavora a Londra da vent'anni è volato in India per la gara che coinvolge più di 50 Paesi e le migliori scuole di cucina del mondo

Nella tavola delle feste c'è il mini Panettone da servire salato

Il formato "mini" della Di Stefano Dolciaria è utilizzato dallo chef Piero cardillo per alcuni curiosi abbinamenti gourmet con il salato

Nel derby tra arancinO e arancinA vince il gusto

La contesa sul piano formale è ancora aperta, ma alla settima edizione dell'Arancina Day, il gustoso derby tra Palermo e Catania, ha vinto Sfrigola, il locale palermitano di Emanuele Pizzurro che ha difeso i colori rosanero insieme al bar Sampolo e Prezzemolo & Vitale, per i rossoazzurro sono scesi in campo la putia Scollo, il bar Spinella e Frumento di Acireale

Natale Giunta apre un locale dedicato allo street food nel "coppu"

Aprirà a Palermo giovedì 7 dicembre "Passami ù coppu", il nuovo locale del noto chef dove rosticceria e pasticceria saranno servite calde nel caratteristico rotolo di carta

Tra i "Bib Gourmand" della guida Michelin c'è Me Cumpari Turiddu

Il ristorante catanese che ricrea l'atmosfera accogliente ed elegante di una Sicilia che fu, è l’unico siciliano ad essere incluso tra le 18 new entry della prestigiosa guida che ha selezionato 258 ristoranti in tutta Italia

«Qui si mangia bene». Nell'olimpo delle Osterie d'Italia 4 novità siciliane

La Guida Osterie d'Italia 2018 di Slow Food (presentazioni il 18 novembre a Catania e il 19 a Palermo) aggiunge alle 16 esistenti Caupona Taverna di Sicilia a Trapani, il Giardino di Venere a Castelbuono, Gente di Mare ad Acitrezza, Terracotta ad Agrigento. Mario Indovina, fiduciario della Condotta di Palermo: «E' un riconoscimento per quei locali con una marcia in più»