domenica 16 giugno 2019

domenica 16 giugno 2019

MENU

L'Alkantara Fest porta sull’Etna 30 giovani musicisti da tutto il mondo

Musica

Il festival internazionale di folk e world music ospita sull'Etna il primo Ethno Sicily, un campus internazionale riservato a giovani musicisti non professionisti. Iscrizioni entro il 30 giugno


di Redazione SicilyMag

Viaggiare al seguito della musica per imparare nuove lingue, conoscere nuovi luoghi e culture diverse, socializzare con i coetanei e migliorare anche le proprie conoscenze musicali, condividendole e divertendosi. È questo il sogno di tanti giovani appassionati di musica che quest'anno troveranno in Sicilia, proprio ai piedi dell'Etna, un'opportunità che fino ad oggi hanno sperimentato solo nel resto d'Europa e del mondo.

La XV edizione dell’Alkantara Fest, il festival internazionale di folk e world music organizzato dall’Associazione Culturale Darshan, in programma dal 13 luglio al 4 agosto, muove un passo verso l'Europa organizzando in Sicilia un evento culturale presente da anni in molti paesi europei – come la Francia, il Portogallo, la Germania, il Belgio, la Finlandia, la Danimarca e l'Inghilterra, solo per citarne alcuni – e del mondo (India, Nuova Zelanda, Algeria, Brasile e Cambogia): così nasce il primo Ethno Sicily, un campus di musica folk riservato a giovani musicisti non professionisti.

Inserendosi nel circuito internazionale di Ethno World, l'Alkantara Fest offre pertanto l'opportunità a 30 giovani musicisti (di età compresa tra 18 e 30 anni, domande di ammissione entro il 30 giugno) di vivere una settimana - dal 29 luglio al 4 agosto - nel campus che sarà allestito a Pisano (frazione di Zafferana Etnea) dove i partecipanti provenienti da ogni parte del mondo avranno la possibilità di confrontarsi con altri coetanei appassionati di musica, partecipare a session didattiche informali e diventare parte integrante di un festival internazionale che cresce ogni anno sempre di più.
Nei giorni di permanenza all'Ethno Sicily i 30 partecipanti saranno impegnati in varie attività che includono le prove per creazioni musicali (tra cui il laboratorio di musica folk standard), improvvisazioni collettive, jam session con artisti coinvolti nel festival, ma anche escursioni e visite del territorio: dal mare dei Ciclopi alle escursioni ai crateri minori.

L'Ethno Sicily, fortemente voluto dal direttore artistico Mario Gulisano, si collega a quel programma di rinascita europea che è nato nel 1946 a Bruxelles con l'obiettivo di diffondere tutti i generi musicali tra i giovani, senza distinzioni di cultura, razza, lingua. In Italia il circuito Ethno è collegato alla Fondazione Gioventù Musicale d’Italia di Milano (sezione italiana dell'organizzazione internazionale Federation Internationale des Jeunesses Musicales) dedita principalmente alla musica classica, ed è mancato, fino ad oggi, un vero segmento dedicato agli appassionati di musica folk.
L'Ethno Sicily di Alkantara Fest nasce pertanto per colmare questo vuoto, con lo spirito, in linea con gli obiettivi del progetto internazionale, di unire giovani di diverse provenienze geografiche in un luogo stimolante e ricco di energia creativa come l’Etna, in cui vivere un'esperienza unica fatta di musica, didattica, esplorazione di un nuovo territorio e interscambio di strumenti e repertorio tradizionali, in un contesto naturale di rara bellezza, popolato da musicisti di svariata provenienza culturale e artistica: i protagonisti della XV edizione di Alkantara Fest.

Ethno Sicily è un progetto musicale, interculturale e internazionale, che riunirà giovani musicisti non professionisti in Sicilia, in un progetto di condivisione della musica tradizionale e del loro background culturale. Basato su metodi non formali e insegnamento da pari a pari, ogni partecipante sarà chiamato ad insegnare agli altri partecipanti i brani, le canzoni e le tecniche musicali della propria tradizione, e avrà l'opportunità di imparare altrettanto, ma attingendo alle conoscenze dei giovani di altre culture.
Il risultato finale sarà un'orchestra multiculturale che, in un'esibizione finale inclusa nel programma di Alkantara Fest, suonerà pezzi di tutto il mondo provenienti dalle influenze di ogni singolo partecipante. In più, grazie a un accordo stipulato con la direzione europea di Ethno World, gli organizzatori di Ethno Sicily selezioneranno 4 musicisti italiani, tra i partecipanti all'evento siciliano, ai quali sarà offerta l'opportunità di partecipare ad alcuni degli altri eventi della rete internazionale Ethno.

Informazioni generali
Alkantara Fest: 13 luglio – 4 agosto 2019
Ethno Sicily: 29 luglio – 4 agosto 2019
Ethno Sicily è aperto a tutti gli strumenti musicali (e anche ai cantanti)
Domande di ammissione entro il 30 giugno
Posso partecipare musicisti non professionisti compresi tra 18 e 30 anni
Posti disponibili: 30
Alloggio: Oasi Madre del Divino Amore (Zafferana Etnea, Catania)
Attività: Sotto i Pini (Pisano - Zafferana Etnea, Catania)
Per informazioni: ethnosicily@gmail.com
E' possibile iscriversi compilando il modulo a questo link


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 03 giugno 2019
Aggiornato il 06 giugno 2019 alle 21:44





TI POTREBBE INTERESSARE

Gabriele Agosta:
«Per me la musica è scambio, in libertà»

Il talentuoso pianista siracusano è stato ospite dell'Europafest di Bucarest, un evento internazionale che ogni anno coinvolge centinaia di musicisti da tutto il mondo, e al quale per la prima volta aveva partecipato lo scorso anno, come concorrente, insieme al suo quartetto composto da Daniele Limpido, Santi Romano e Stefano Ruscica

A Enna ritorna il Premio
"Francesco Paolo Neglia"

A distanza di 21 anni dall'ultima edizione riparte dalla 33° edizione il Concorso internazionale per pianisti e cantanti lirici intitolato al grande compositore ennese. Iscrizioni entro il 20 giugno

L'Antillo Folk Fest lancia un contest di musica popolare

E' possibile iscriversi fino al 15 giugno al contest folk, riservato agli under 36, organizzato dal comune della Valle d'Agrò nell'ambito della tre giorni di musica (12-14 luglio) diretta artisticamente da Mario Incudine e che vedrà la partecipazione di Ambrogio Sparagna, Peppe Servillo ed Eugenio Bennato

"Soyuz 10", l'anelito di libertà della Sicilia ha il suono pop di Mario Venuti

Ci sono i sentimenti ma anche l'impegno civile nel decimo album da solista dell'ex Denovo, in uscita il 31 maggio, un album disteso, positivo che prosegue nel cammino del precedente “Motore di vita” nel dare corpo ad un feeling diretto con il songwriting più puro: «Soyuz in russo vuol dire incontro, un tema inerente parlando di persone che si relazionano»

May-day, la musica scende in campo per i diritti umani

Sabato 25 maggio, a Palermo, va in scena la prima edizione della maratona musicale dei diritti umani pensata da Mediterraneo Antirazzista Palermo e Mediterranea Saving Humans con Roy Paci, Picciotto, Brunori Sas, Punkreas, Davide Shorty, Diodato, Samuel dei Subsonica, ‘O Zulù, Daniele Silvestri, Alessio Bondì, Renzo Rubino e tanti altri

Paolantonio, unico siciliano tra i finalisti di Musicultura 2019

Il cantautore catanese è tra i 16 finalisti con il brano "Questa assurda storia" dedicata a Giulio Regeni. E' possibile votarlo fino al 24 maggio