sabato 25 novembre 2017

sabato 25 novembre 2017

MENU

Imprese

Zafon, la scommessa profumata di due "architetti di città"

Livia Realmuto e Daniele Di Marzo sono una coppia di architetti che ha avviato in un "campo pilota" di Baucina, paesino alle porte di Palermo, la coltivazione del prezioso zafferano, il delicatissimo fiore viola scomparso da queste terre in cui veniva coltivato già nei primi dell'800. Ma il progetto dei due giovani pionieri dell'oro rosso siciliano è più ampio...

Ultima modifica 24 novembre 2017 12:09

Acqua e zammù: patrimonio culturale e rito d'appartenenza

Goduria per l'olfatto e il palato, toccasana nelle giornate più calde. E' il celebre Anice Unico (zammu') che dal 1813 viene prodotto dalla famiglia Tutone, secondo una ricetta mantenuta segreta da sei generazioni, nel cuore del centro storico di Palermo. Un pezzo di storia della città oggi custodita anche dentro un museo

Ultima modifica 31 ottobre 2017 12:34

Zappalà e l'orgoglio di Sicilia, non solo un claim

L'azienda lattiero-casearia a capitale interamente siciliano, lancia uno spot che racconta la forza dell’azienda a partire dalla solidità della famiglia. «Ci abbiamo “messo la faccia” - spiega Rossano Zappalà -. Non abbiamo recitato nessuna parte, perché noi siamo fatti così. La coesione è il nostro vantaggio competitivo»

Ultima modifica 28 agosto 2017 22:04

Grani antichi, la saga continua. La Regione siciliana: «Non daremo neanche un centesimo»

Non è bastato il gesto distensivo di Terre e Tradizioni srl che ha offerto i marchi dei grani antichi siciliani al prezzo simbolico di 1 centesimno alla Stazione consorziale sperimentale di Granicoltura di Caltagirone. Fermo il no dell'assessore all'Agricoltura Antonello Cracolici: «Chiederemo al Ministero che vengano revocate le registrazioni dei marchi»

Ultima modifica 14 luglio 2017 21:58

«Cediamo i marchi dei grani antichi alla Stazione sperimentale di Granicoltura»

Felice Lasalvia Di Clemente, amministratore unico di Terre e Tradizioni srl, l'azienda di Verona in questi giorni alla ribalta delle cronache per aver registrato come marchi i nomi di alcuni grani antichi, oggi ha spedito una lettera (qui pubblicata) alla Stazione sperimentale di Caltagirone in cui offrono, al prezzo simbolico di un centesimo, la proprietà dei brevetti

Ultima modifica 14 luglio 2017 22:04

«I grani antichi sono la storia della Sicilia, non un marchio commerciale»

I produttori siciliani di grani antichi, gli storici dell'agricoltura siciliana e gli esperti di diritto industriale sono tutti concordi: la diffida inviata a vari produttori da un'azienda di Verona, depositaria di alcuni brevetti registrati in Veneto sui termini timilia, tumminìa, strazza visazz e maiorca, non hanno alcun fondamento. La questione è seguita dalla Regione siciliana

Ultima modifica 14 luglio 2017 11:14
  123456