mercoledì 24 aprile 2019

mercoledì 24 aprile 2019

MENU

Io, Gian Maria, l'Etna, alla ricerca di prospettive diverse

Sugnu sicilianu

Affrontare il Vulcano col videomaker etneo Gian Maria Musarra è un percorso interiore dove, tra il serio e il faceto, tra la sua ricerca di Dio e la immanente terra, sempre nuova, sotto i piedi, la vita lascia comunque il segno. Per girare il nuovo video di Francesco Cafiso, quindi, serve un punto di ripresa esatto, da trovare insieme: «La montagna insegna ad avere pazienza»


di Sergio Mangiameli

L’appuntamento è nel castagneto dopo Pietracannone. Io capisco “lungo la strada” e vado oltre, verso il Citelli. Ma Gian Maria non c’è, e lui è più che puntuale: anticipa, come tutti gli ansiosi. I maledetti smartphone non hanno campo e dunque ritorno verso la curva. Vedo la sua testa spuntare fuori. Si sbraccia come un naufrago: ma è solo il saluto, perché lui esagera sempre.

Gian Maria: «E’ da molto che aspettasti?»

Sergio Mangiameli: «Da dieci minuti ti aspettatti…».

GM: «Sono tanti minuti, dieci, scusami».

SM: «Di che?».

GM: «Mi esprimo male a parole...».

SM: «La prossima volta fai un film per un appuntamento…».

Gian Maria Musarra, foto di Sergio Mangiameli

Lui intendeva “lungo la trazzera interna”. Vado avanti e lui corre dietro la macchina assieme al suo Rottweiler femmina. Osservo dallo specchietto. Chi è più disarticolato dei due, non so.

Arriviamo al bosco e parcheggio la mia fuoristrada.

GM: «Pensavo di perdere un femore…».

SM: «Vabbè, hai l’altro…».

Dobbiamo andare a fare un sopralluogo sul sentiero di Saro Ruspa, in alto, perché Gian Maria deve scegliere il sito più adatto alle riprese a Francesco Cafiso, il mostro del sax mondiale, per una clip estemporanea sulle lave dell’Etna.

SM: «Andiamo in macchina, così abbiamo più tempo lassù».

GM: «Va bene. Andiamo con la mia, che Sciara sbava e ti inonderespe la macchina».

Fa salire Sciara sulla sua Toyota, prende una pezza linda e profumata e le deterge il muso. Il cane mostra una pazienza infinita per un rito che conosce molto bene.

GM: «Sai, è la guarnizione che non tiene bene…».

SM: «Perché non le compri un catetere facciale?».

Le risate mandano in fuga i passeri.

Selfie ironico tra Musarra e Sergio Mangiameli

La Toyota di Gian Maria non è proprio nuova ma è l’unica macchina al mondo che, più passa il tempo, più ringiovanisce: le plastiche brillano, i tessuti centrifugati, i tappetini come garze sterili. Non ama la polvere, Gian Maria, e nemmeno i capelli lunghi, il disordine, Mario Biondi e Giovanni Allevi. Ma camminerebbe sui carboni ardenti per continuare a girare video a Giovanni Sollima, a Giuseppe Palmeri, e ora a Francesco Cafiso.

SM: «Ma tutta questa cenere, quassù, è polvere…» lo provoco.

GM: «Potrebbero pulirla, oppure buttare una bella colata di cemento, fare un resort spa con lava fluente per bagni caldi tutto l’anno».

Proseguiamo a piedi, veramente naufraghi nel mare di terra nera, tra onde cristallizzate di un’eruzione che ha rifatto la faccia di questa parte dell’Etna. E vedo i suoi capelli dal colore uguale alla sciara che ci ospita: il nero del basalto e il bianco dei licheni cotti al sole. Cominciamo a parlare di qualcosa che parte dalla nostra piccolezza di uomini e continua sull’età di mezzo che stiamo attraversando.

GM: «Quassù è l’esatta dimensione umana: infinitamente ridotta rispetto alla terra, al cielo, al cosmo. Quasi inutile, come gli animali, come Sciara, che non s’interroga e non sceglie. Il nostro peso più grande sta proprio in questo: trarre soddisfazione dalle scelte che abbiamo fatto, il doverci sentire forti nel tempo che passa, e realizzati».

Gian Maria Musarra e l'Etna, legame inscindibile

SM: «Mi fai pensare che i cinquant’anni siano zone di debolezza temporale. Come la terra ha le sue zone di debolezza crostale, in cui avvengono i terremoti e crescono i vulcani, così l’uomo, nel suo tempo, ha delle crepe in cui avvengono con facilità moti sconvolgenti, eruzioni di carattere incontenibili. I cinquant’anni».

GM: «Siamo piccoli e deboli, amico mio, ma enormi nell’anima, immortali, e forti nella mente, che può farci fare tutto. Dobbiamo scegliere ogni giorno chi essere: io, vicino al bordo dei cinquant’anni, non ho risolto niente in maniera definitiva, e, però, tutte le mattine ho un compito da risolvere. Ecco perché vengo spesso qui, in montagna: perché da quassù cerco prospettive diverse, l’inquadratura giusta, con i rapporti corretti tra questa vita, che è molto grande, e la mia».

Osservo la cenere vulcanica e i lapilli, che riempiono i ventri delle onde cristallizzate di questo mare di lava, così da apparire come impronte fossili di una pioggia di terra sulla terra stessa, nuova. E guardo oltre, la roccia vecchia coperta da serre verdissime, ricche di ginestre e querce, in cui non scorgo un solo granello di pioggia scura. Ho in mente sempre la traccia parallela tra l’uomo e la terra: tanto possono lasciare il segno gli eventi su una terra nuova, quanto su un bambino. Nei vecchi, le rughe, o gli alberi, non si contano più.

GM: «Che dici, va bene qui? Voglio riprendere Francesco (Cafiso) in soggettiva, con lo sfondo dei crateri sommitali». Si cala sulle gambe, inquadra con le dita chiudendo un occhio.

SM: «Forse dobbiamo spostarci ancora un po’ oltre…».

Sciara guarda entrambi, paziente e salivante.

GM: «Mi viene di chiedere scusa. Voglio chiedere scusa a tutti coloro a cui non ho dato la giusta cura che meritavano. Vorrei potermene andare in qualsiasi momento in pace con ciascuno di loro. Per questo prego e credo in Dio. E il mio Dio, io so che non è diverso dal tuo».

SM: «Sì, hai ragione, non è diverso, anche se io non prego e non credo alla Chiesa. E credo soprattutto all’uomo».

Risaliamo un’onda, che è quasi un cavallone e dopo troviamo il posto esatto.

Il punto esatto delle riprese di Musarra a Cafiso, foto di Roberta Scicali

GM: «La montagna ci insegna ad avere pazienza: abbiamo trovato il punto preciso. Lo abbiamo fatto in due, perché le cose migliori non si realizzano mai da soli».

SM: «Chissà che non sia la materia che dobbiamo imparare più di tutte le altre, la pazienza…».

Il giorno dopo, un giovane uomo nato a Vittoria ventinove anni fa e che è già un mito del jazz, improvvisa un’estemporanea col suo sassofono. In piedi, surfa su un’onda di una terra che ha più o meno la sua età. Uomo e lava. Francesco e l’Etna nella meraviglia della gioia di vivere. Nessun’ansia da prestazione, mai, né in montagna, né sui palchi di tutto il mondo, per Francesco: «Perché io sono sempre me stesso».

E questa nuova regia di Gian Maria Musarra, che diventerà a breve una clip mondiale di pochi minuti, che solo lui sa produrre, è musica inedita, sconvolgente e ammaliante, unica, che solo Francesco Cafiso sa comporre e suonare, dedicata al tempo della terra. Che è solo l’estemporaneo presente.

Francesco Cafiso durante le riprese di Gian Maria Musarra, foto Roberta Scicali


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 29 maggio 2018
Aggiornato il 03 settembre 2018 alle 22:29





TI POTREBBE INTERESSARE

Luca Manuli: «Comunico più con le mani che con le parole»

Costumista, scenografo e anche qualcosa in più: l'artista ennese spazia dal campo delle arti visive a quello della decorazione e della pittura con grandi risultati, perché il suo estro creativo prende forma proprio dalla miscellanea di tutte queste competenze, che lui mischia, fonde, contamina, dando vita ad opere d'arte eccezionali ed uniche, capaci di emozionare

«La fede è apertura al mondo, il bene della polis viene dai valori»

Il vescovo di Acireale non si sottrae al dibattito sui migranti che infiamma l'Europa: «La questione è complessa, vanno coinvolti americani, russi e cinesi». Il presule difende il ruolo della Chiesa: «Attenti al sociale, i nostri ponti umanitari non sono astratte utopie». L'impegno della Diocesi con il progetto del parco culturale ecclesiale: «Un'opportunità di lavoro per i giovani»

Brigantony: «Ho chiesto al sindaco di portare la mia musica in tutti i quartieri di Catania...»

«... Mi ha risposto che il Comune è in deficit ma senza soddi non si canta missa». Pane al pane per il menestrello catanese del folclore siciliano, simbolo della stessa Isola quando va in giro per il mondo con il suo bagaglio musicale infarcito di colorito dialetto e goliardica spregiudicatezza: «Esci dalla Sicilia e la gente ti ama, arrivi là e Brigantony è la Sicilia»

Davide Campisi, la musica come "pane quotidiano"

Il musicista folk ennese, suonatore di tamburi a cornice, forte di vent'anni buoni trascorsi a lavorare nell'azienda di panificio e pasticceria di famiglia, ha mantenuto saldo il rapporto con la gente che gli fa vivere con facilità il senso del popolare: «La musica è "pane quotidiano". L’hobby della musica non esiste. La musica è una vocazione, fa parte del tuo essere»

Roberta Urso: «Privilegiata perché lavoro nella mia terra e per la mia terra»

Giornalista mancata, la neo delegata siciliana dell'Associazione Donne del Vino, eletta all’unanimità dalle 17 socie dell'Isola - «Sentirete parlare di noi» afferma -, oggi è ben felice di fare la responsabile delle pubbliche relazioni di Cantine Settesoli, la più grande cooperativa vitivinicola d'Europa: «Sarà perché sono di Marsala, ma il vino ce l’ho nel sangue»

Giuseppe Rapisarda: «Portiamo i libri alle persone nella loro quotidianità»

Ha varcato i confini regionali contagiando anche il Nord Italia l'iniziativa "Lascia un libro, prendi un libro" ideata dal chimico belpassese, appassionato di viaggi. L'idea, mutuata da varie realtà simili sparse nel mondo, è stata personalizzata anche con fini sociali: «Meglio un libro che la ludopatia. L'operaio che trova un volume al bar o dal ferramenta, prima o poi lo sfoglierà»