sabato 18 agosto 2018

sabato 18 agosto 2018

MENU

1

Il Teatro Massimo di Palermo tra i finalisti del Fedora-Generali

Musica

L'ente lirico palermitano è tra i finalisti del premio per due progetti: Turandot di Puccini per l’inaugurazione della stagione 2019, in coproduzione con il Badisches Staatstheater di Karlsruhe, il Teatro Comunale di Bologna e il Kyiv National Academic Operetta Theatre, e Il primo omicidio di Alessandro Scarlatti coprodotto con l'Opéra di Parigi


di Redazione SicilyMag

E' stata presentata a Parigi, lo scorso 24 gennaio, la lista dei progetti selezionati per la fase finale del premio Fedora-Generali. Il progetto Fedora rientra nel programma di finanziamento dell’Unione Europea “Creative Europe” e riunisce in una piattaforma europea 19 organizzazioni di opera e danza provenienti da 13 diversi paesi, allo scopo di fornire una vetrina per progetti innovativi di opera e balletto. Il Teatro Massimo entra nella short list del premio Fedora-Generali con due produzioni, per la prima come capofila, per la seconda come coproduttore insieme all’Opéra di Parigi. Da questo momento sul sito www.fedora-platform.com sono aperte le votazioni online.

Un bozzetto della scena di Turandot

La produzione presentata dal Teatro Massimo è Turandot di Puccini per l’inaugurazione della stagione 2019, in coproduzione con il Badisches Staatstheater di Karlsruhe, il Teatro Comunale di Bologna e il Kyiv National Academic Operetta Theatre. Si tratta di un innovativo allestimento affidato a una squadra creativa internazionale, dove l’esperienza teatrale del giovane regista italiano Fabio Cherstich, autore di originali e creative produzioni operistiche, dialoga con il collettivo artistico russo AES+F, noto a livello internazionale per le straordinarie opere di video art. L’ultimo capolavoro di Puccini sarà ambientato in un futuristico impero cinese popolato da androidi e robot. Il Teatro Massimo partecipa anche ad una produzione presentata dall’Opéra National di Parigi per il 2021: Il primo omicidio di Alessandro Scarlatti, compositore palermitano, realizzata in collaborazione anche con la Staatsoper Unter den Linden di Berlino.

AES+F by Egor Zaika for Wallpaper 2012

Il Teatro Massimo è, insieme al Teatro alla Scala, l’unico teatro italiano selezionato per la short list in qualità di capofila; tra gli altri partecipanti i Musiktheatertage di Vienna, il Festival di Aix-en-Provence, l’Opéra di Lille, la Staatsoper Unter den Linden di Berlino. Questo doppio riconoscimento arriva dopo il successo ottenuto al Festival di Edimburgo nel 2017, dove Macbeth con la regia di Emma Dante, produzione del Teatro Massimo per l’inaugurazione della stagione 2017, è stato premiato come progetto più innovativo e interessante del settantesimo Festival di Edimburgo.
Il commento del sindaco Leoluca Orlando: «Il Teatro Massimo conferma il suo ruolo guida nel panorama nazionale ed internazionale, ottenendo ancora un importante riconoscimento della qualità delle sue produzioni e della sua capacità di costruire partnership prestigiose. Ovviamente incrociamo le dita, augurandoci che questo primo riconoscimento possa trasformarsi in ulteriore opportunità di crescita e sviluppo del Teatro, che ancor di più avrebbe possibilità di essere presente nel panorama internazionale come eccellenza palermitana e siciliana».

Il sovrintendente Francesco Giambrone si dichiara «particolarmente compiaciuto per questo buon risultato a livello europeo che premia l’attenzione all’innovazione, obiettivo strategico della programmazione del Teatro Massimo; è proprio sul piano dell’innovazione che stiamo investendo con impegno e convinzione».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 30 gennaio 2018




TI POTREBBE INTERESSARE

Mascalucia capitale dei nuovi talenti della classica internazionale

Un successo il primo International Music Master Classes & Festival, ideato e promosso dal pianista catanese Daniele Petralia, che ha trasformato per un mese la cittadina etnea in un campus per una settantina di talenti internazionali della classica. Petralia: «Sono più che soddisfatto per l'impegno e l'entusiasmo dei partecipanti e la professionalità dei docenti»

A Zafferana Etnea la grande notte del Taranta Fest

Reduci dall'esperienza a Budapest la carovana di artisti è pronta per la grande festa in piazza del 31 luglio

Con Alkantara Fest
il mondo del folk si riunisce in Sicilia

Un viaggio immaginario attraverso la storia, la natura e le diverse tradizioni. L’obiettivo del festival diretto da Mario Gulisano, che dal 26 luglio al 5 agosto si svolgerà sul versante Nord Est dell'Etna, è dimostrare come la Sicilia, un così grande melting pot di stili, influenze, razze e culture, è profondamente connessa a ogni diversa tradizione popolare europea

12 musicisti siciliani volano a Budapest con il Taranta Fest

Per la XIII edizione del festival di promozione e valorizzazione del folk siciliano e del Sud Italia organizzato dall’associazione Il Tamburo di Aci il 12 e il 13 luglio le formazioni legate a Mimì Sterrantino, Francesca Incudine, Roberta Gulisano e Valentina Balistreri suoneranno all’Anker’t della capitale magiara per poi ritrovarsi il 31 luglio a Zafferana Etnea

Ortigia Classica, le armonie eterne dei più grandi compositori risuonano a Siracusa

La Camerata Polifonica Siciliana organizza nel cuore del centro storico della città aretusea una rassegna imperniata sul recupero del repertorio classico: per i sei appuntamenti previsti nel calendario che si snoderà dal 13 al 29 luglio sono stati chiamati a suonare alcuni tra i più grandi musicisti internazionali come il pianista Bruno Canino e il violinista Sergey Girshenko

Musicainsieme a Librino, anche la periferia può essere un modello culturale

Da otto anni il progetto musicale coordinato, col sostegno del Rotary, dalla pediatra Loredana Caltabiano, dalla violinista Valentina Caiolo e dalla pianista Alessandra Toscano offre ai ragazzi del quartiere satellite di Catania un'opportunità: «Lo studio della musica che non è un vezzo perché educa, salva, insegna valori di condivisione, partecipazione e sacrificio»