venerdì 14 dicembre 2018

venerdì 14 dicembre 2018

MENU

Il Cigno catanese faro e luce dei 50 anni del premio Bellini d'oro

Recensioni

E’ stata una serata davvero piacevole, ospiti il soprano Desirée Rancatore e il baritono Renato Bruson, la premiazione del Bellini d’oro, organizzata dalla Società Catanese Amici della Musica in collaborazione con il Teatro Massimo Bellini, e quest’anno giunta a un compleanno importante, il suo glorioso cinquantesimo


di Silvana La Porta

E’ stata una serata davvero piacevole, ricca di gradite sorprese, la premiazione del Bellini d’oro, organizzata dalla Società Catanese Amici della Musica il 9 novembre, in collaborazione con il Teatro Massimo Bellini, e quest’anno giunta a un compleanno importante, il suo glorioso cinquantesimo.

La serata, presentata dalla spumeggiante giornalista Caterina Rita Andò e introdotta dal maestro Francesco Nicolosi, direttore artistico del Teatro Bellini, e dal presidente della Scam Antonio Maugeri, ha visto come protagonisti vincitori del premio il celebre baritono Renato Bruson e il soprano siciliano Desirée Rancatore, di cui gli spettatori hanno ascoltato celeberrime arie.

Desirée Rancatore e Renato Bruson tra i vertici del Bellini e della Scam

Dal vivo quelle interpretate dalla Rancatore, sanguigna maestra del belcanto, che, accompagnata al pianoforte dal magico tocco di Paola Selvaggio, si è esibita in famose composizioni belliniane, la soave arietta per canto e piano Malinconia ninfa gentile, la splendida aria Oh quante volte o quante da I Capuleti e i Montecchi e la mitica Casta Diva e cabaletta dalla Norma. Chicca finale, molto gradita al pubblico, la nostra E vui durmiti ancora un vero dulcis in fundo della sua performance, che ha confermato la Rancatore come un vanto tutto siciliano nel panorama lirico attuale.

Sfiziosissima poi l’intervista a Renato Bruson, accolto da una vera e propria standing ovation, condotta con grande brio e domande azzeccate da Caterina Andò e dal musicologo Giuseppe Montemagno, che davvero son riusciti a far emergere l’anima del famoso baritono, di cui sono state proiettate celebri interpretazioni dei tempi andati. Bruson non ha mancato di rivolgere un leggiadro rimprovero alla città di Catania, che non ha ancora creato una scuola belliniana di canto; e di rimando la Andò, molto elegantemente, lo ha invitato a diventarne eventualmente maestro.

Grande conclusione con la consegna dei premi da parte dal sovrintendente Roberto Grossi, a conferma della stretta sinergia tra il Teatro Bellini e la Scam, ora impreziosita dalll’opera solerte del suo nuovo direttore artistico Anna Rita Fontana. Che Vincenzo Bellini sia sempre faro e luce per Catania, non resta che augurarcelo…


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 10 novembre 2018
Aggiornato il 19 novembre 2018 alle 22:14





Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

Nel gioco tra bene e male vince il diabolico Riondino

Ben riuscita la messinscena di Andrea Baracco, su riduzione di Letizia Russo, de "Il Maestro e Margherita" il capolavoro di Mikail Bulgakov, andata in scena di recente allo Stabile di Catania. Ironico e affascinante nei panni del satanico Woland, l'attore pugliese si è abbandonato a una recitazione ricca di ghigni e di risatine sibilanti, ma mai sopra le righe

Soli si muore/Lotus Flower, energia ed eleganza danzano all'unisono

Lunghi e meritati applausi per la coreografa catanese Alessandra Scalambrino che firma lo spettacolo di danza andato in scena al Centro Zo di Catania. Due momenti conseguenziali che affrontano la solitudine: lo strazio della consapevolezza e la forza inspiegabile che ne scaturisce. In scena nove eccellenti e grintosi performer che sono stati corpo, materia ed energia

Spazio/Gesto/Colore/Parola/Suono, i cinque elementi della classica

Al Museo diocesano di Catania, l'ultimo appuntamento di "Chant d'automne", concerto organizzati dalla Camerata Polifonica Siciliana, al top dell’anticonvenzionale, tra righe più o meno ardite di sperimentazione multimediale, con forte impronta di autori siciliani, su tratti poetici di sottofondo, dal repertorio letterario del Cinquecento a oggi

"Pensaci, Giacomino", la tragedia di vivere negli occhi degli altri

Soddisfacente Pirandello allo Stabile di Catania con un ennesimo “Pensaci, Giacomino” (ultime repliche il 10 e l'11 novembre) affidato a Leo Gullotta, più in forma che mai nella sua dolente interpretazione di un personaggio complesso, assurdo e straziante come tutti i più riusciti personaggi pirandelliani

"La cena", quando il pubblico è testimone di un gioco psicologico

Replica fino al 18 novembre al Piccolo Teatro della città di Catania la tragicommedia familiare, vecchio cavallo di battaglia della coppia Giuseppe Manfridi e Walter Manfrè, che vede in scena Andrea Tidona, Chiara Condrò, Stefano Skalkotos e Cristiano Marzio Penna

"O soave fanciulla", l'amore impregnato di quotidianità di Puccini

Il secondo appuntamento della stagione “Chant d'Automne” promossa dalla Camerata Polifonica Siciliana per celebrare il trentennale, con i soprani Gonca Dogan e Carmen Maggiore, il tenore Filippo Micale, accompagnati dal Maestro Ivan Manzella, e l'ascolto guidato di Aldo Mattina