Il calzaturificio “Made in Sicily Shop” di Luciana Cavalli regala mascherine alla pediatria dell’ospedale Garibaldi di Catania

Società L’industria catanese “Made in Sicily Shop” di Luciana Cavalli, normalmente dedita alla produzione di calzature, in collaborazione con l’Oratorio San Filippo Neri, durante l’emergenza legata al Coronavirus non ha interrotto le proprie attività, impegnando tutte le risorse disponibili nella esclusiva produzione di mascherine antivirus

L’industria catanese “Made in Sicily Shop” di Luciana Cavalli, normalmente dedita alla produzione di calzature, in collaborazione con l’Oratorio San Filippo Neri, durante l’emergenza legata al Coronavirus non ha interrotto le proprie attività, impegnando tutte le risorse disponibili nella esclusiva produzione di mascherine antivirus.

Nella giornata di ieri, alla presenza del direttore generale dell’Arnas Garibaldi, Fabrizio De Nicola, e del direttore sanitario, Giuseppe Giammanco, la stessa responsabile dell’azienda manifatturiera ha donato 700 mascherine antivirus destinate ai bambini ricoverati presso la Pediatria del Garibaldi-Nesima, diretta da Antonio Palermo, e ai loro genitori. Le mascherine saranno consegnate ai destinatari al momento della loro dimissione e saranno utilizzate nella vita di tutti i giorni. «Nonostante abbiamo attraversato il momento peggiore – ha detto il dottor De Nicola – occorre fare molta ancora attenzione, soprattutto quando i pazienti lasciano l’ospedale per tornare alla quotidianità. Sono davvero felice che, ancora oggi, arrivano attestati di vicinanza e di solidarietà verso i nostri ricoverati e i tanti operatori sanitari che non hanno risparmiato le loro energie».

Mascherine donate da Made in Sicily Shop alla pediatria dell’ospedale Garibaldi-Nesima di Catania

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.