lunedì 20 agosto 2018

lunedì 20 agosto 2018

MENU

1

Gli accenti di inquietudine romantica del violino di Girshenko

Recensioni

Sotto un cielo estivo che ha regalato una inconsueta eclissi lunare, il Maestro russo, accompagnato dalla pianista kazaka Sholpan Barlykova, ha incantato il pubblico siracusano di "Ortigia classica", cartellone ideato dal violista Gaetano Adorno per conto della Camerata Polifonica Siciliana, suonando Mozart, Beethoven, Brahms, Dvorak e Sibelius


di Anna Rita Fontana

Avremmo continuato ad ascoltarlo, ancora rapiti da un personaggio di grande spessore che si identifica in toto nel suo strumento: così la cavata intrigante del violino di Sergey Girshenko ha conquistato la folta platea di Ortigia Classica International Music Festival, accanto alla pianista Sholpan Barlykova, originaria del Kazakistan, sotto un cielo estivo che ci ha regalato una inconsueta eclissi lunare. E proprio sotto una luna seminascosta abbiamo apprezzato un fine cultore della tradizione classica, qual è appunto il musicista russo, ospite d’eccezione della rassegna promossa dalla Camerata Polifonica Siciliana (sotto la presidenza di Aldo Mattina e la direzione artistica di Giovanni Ferrauto) e ideata dal musicista di Floridia, Gaetano Adorno.

Sergey Girshenko e Sholpan Barlykova, foto di Edo Arioti

L’artista, che si tratterrà a Ortigia anche per un master che sta tendendo ad una trentina di allievi nella chiesa di San Martino fino al 3 agosto (data in cui si esibiranno i suoi allievi), ha calcato al meglio le scene della città aretusea, nel Cortile dell’Arcivescovado in piazza Duomo, sciorinando una tecnica strepitosa che si coniuga ad acute capacità interpretative, come si è potuto evincere dalle pagine prescelte, a partire dal versante di Mozart e Beethoven, nella prima parte, seguiti da Brahms all’inizio della seconda, con accenti di inquietudine romantica. In delizioso binomio con la Barlykova, ricco di florilegi espressivi e nutrito da una base pianistica rifinita e perentoria negli input quanto nelle corposità accordali, il violinista restituiva la solidissima struttura formale sette-ottocentesca, con un suono lucido e ben cesellato, venato di leggiadrìa nella Sonata n. 26 in si bemolle maggiore KV 378 del maestro di Salisburgo, e improntato a un intenso scandaglio espressivo nelle partiture della Sonata n. 8 in sol maggiore op. 30 e della Sonata n. 2 in la maggiore, op. 100 rispettivamente dal repertorio beethoveniano e brahmsiano.

Sergey Girshenko e Sholpan Barlykova, foto di Edo Arioti

L’affondo tecnico di un Girshenko che si disvelava cultore di atmosfere e amante della verve melodica, si è poi tradotto in una rilettura sfiziosa e ammaliante con le sue arditezze, tra sovracuti rarefatti e lo slentare agogico, nelle pagine a seguire di carattere più ricreativo, ancora sull’eleganza di tocco della Barlykova che ha sempre ben valorizzato il fluire cantabile: dalla delicatezza timbrica delle Danze slave n. 2 op. 72 e n. 8 in sol maggiore di Antonin Dvorak (nella trascrizione di Fritz Kreisler) al trascinare tzigano delle Danze ungheresi n. 7 e n. 17 di Brahms, alla originale Mazurka n. 1 op. 81 di Jean Sibelius, e in particolare nei due pezzi di chiusura del compositore ceco Josef Suk, Chanson e Burlesque, (da 4 pezzi per violino e pianoforte op. 17), dei quali l’ultimo, giostrato su giocose mirabilie pirotecniche, ha coronato una performance di autentico talento, suscitando un vivissimo plauso per entrambi gli artisti. Sperando di riascoltare il personaggio Girshenko prima o poi, non ci faremo sfuggire di chiedergli a gran voce un brano di Niccolò Paganini.

La folta platea di Ortigia Classica, foto di Edo Arionti


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 30 luglio 2018
Aggiornato il 10 agosto 2018 alle 12:29




Anna Rita Fontana

Ha compiuto studi umanistici al Liceo classico Cutelli di Catania e di indirizzo estetico-musicologico all’Università di Bologna, in Discipline della Musica. Ha conseguito il Diploma di Pianoforte all’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vincenzo Bellini” di Catania, frequentando poi i corsi di interpretazione pianistica di Jorg Demus, di analisi musicale con Carlo Mosso e di canto gregoriano a Cremona con Nino Albarosa. Dal 2000 è docente di educazione musicale nelle scuole secondarie di primo grado. Giornalista pubblicista dal 1999, ha collaborato come critico musicale per diverse testate (Giornale di Sicilia, Prospettive, Globus magazine, Sicilia Journal). Oltre SicilyMag.it, attualmente collabora col notiziario on line di musica Bellininews, la rivista I Vespri e la rivista Laòs, notiziario culturale dell’Istituto teologico San Luca.


TI POTREBBE INTERESSARE

Rosso Alcantara, luna vermiglia e fiamme infernali rileggono Dante

Con la regia di Giovanni Anfuso, alle Gole ha debuttato (sotto l'eccezionale luce della luna rossa pre-eclissi) la messinscena dell'Inferno dantesco nel suggestivo scenario naturale delle rocce scoscese e dei dirupi attraversati dai vorticosi corsi d'acqua del fiume condiviso da Mojo e Castiglione. Per tre week end consecutivi la "selva oscura" rivive in uno dei più suggestivi angoli di Sicilia

Il garbato equilibrio classico di Bruno Canino ha aperto "Ortigia Classica"

Il pianista napoletano, dall'alto delle sue 83 primavere, ha dato il la al festival organizzato a Siracusa dalla Camerata Polifonica Siciliana, eseguenhdo con ammirevole agilità i concerti per pianoforte e orchestra KV 414 e KV 415 di Mozart in un piacevolissimo dialogo con l’orchestra, pronta ai rilievi tematici sotto la bacchetta incisiva di Gaetano Adorno

Rigoletto, luci e ombre sulla corte di un poco deforme buffone

Ha convinto la messinscena dell'opera di Verdi a Taormina per il Sesto Senso Opera Festival, con la discreta ma efficace regia di Bruno Torrisi e la dominante voce di Raffaele Abete (Il Duca di mantova). Non ha eccelso Desirée Rancatore, una Gilda non ai suoi soliti livelli, e Giovanni Meoni, Rigoletto,corretto ma poco incisivo come la direzione di Angelo Gabrielli. Replica il 15 luglio

Due millenni e mezzo dopo, a Siracusa fa ancora male il riso amaro de "I Cavalieri"

Grazie a un cast di grandi attori, da Antonio Catania a Gigio Alberti a Francesco Pannofino, superata da parte del regista Giampiero Solari la sfida della commedia che chiude il cerchio del 54° festival del Teatro greco dell'Inda. Sbeffeggiare con forza i potenti, e il popolo facilmente raggirabile nella scelta dei suoi rappresentanti, fa sì ridere ma anche incazzarsi

Camilleri, Tiresia e l'eternità. Appuntamento a Siracusa fra cent'anni

Tra storia e futuro, quello che si è vissuto sul palco del Teatro Greco per il Festival dell'Istituto nazionale del dramma antico è stato un evento unico, rapiti per 90 minuti dalla forza roca della voce unica dello scrittore empedoclino nel suo racconto ironico, cinico e poetico allo stesso tempo sull'indovino cieco del mito. Con un arrivederci, nello stesso posto, fra un secolo

Edipo a Colono di Yannis Kokkos, la democrazia logora chi non ce l'ha

Si può perdere il potere se non si è degni. Il cosmopolita regista greco-parigino rilegge Sofocle per il 54° Festival del teatro greco di Siracusa, non rinunciando alla centralità dell'attore, a danno di ritmo e scena. Dalla sua, però, ha Massimo De Francovich, l'Attore, che dell'ex re, cieco vagabondo verso il suo destino di morte, ne incarna la sacralità