martedì 24 ottobre 2017

martedì 24 ottobre 2017

MENU

Franchina: «Le prostitute di San Berillo vogliono collaborare»

Sugnu sicilianu

La sex worker del quartiere a luci rosse catanese, in risposta al Daspo urbano in vigore dal 2 maggio, ha stilato un "Manifesto dei diritti e dei doveri delle prostitute di San Berillo" che va ben oltre la questione comunale, nella speranza di un dialogo con le istituzioni. «Chiediamo di essere ascoltati su leggi e ordinanze che ci riguardano»


di Maria Enza Giannetto

«La prostituzione esiste, è un fenomeno che non si può ignorare. Per questo noi chiediamo di essere ascoltati e tenuti in considerazione quando si fanno leggi e ordinanze che ci riguardano. Siamo soggetti deboli ma non siamo deliquenti, per questo ci piacerebbe avere un confronto con le istituzioni».
Franchina – alias Francesco Grasso, sex worker di San Berillo -, è conosciuta ai più come protagonista del film della regista Maria Arena “Gesù è morto per per i peccati degli altri” (2014) e come autrice del libro "Davanti alla porta".
Ma Franchina è molto di più: per il suo quartiere è un punto di riferimento, una persona che aiuta gli altri – sex worker, migranti, occupanti – e che cerca sempre di proporre soluzioni a problemi contingenti. E soprattutto è una di quelle persone che non si rassegna a stare a guardare mentre qualcun altro decide come affrontrare questioni che la riguardano. «Siamo una categoria fragile – dice – è vero, ma una categoria è fatta di persone, di esseri umani e come tali vanno trattati».

Franchina in “Gesù è morto per i peccati degli altri” di Maria Arena

E così, qualche mese fa, proprio in risposta ai primi cenni sul Daspo urbano (decreto ministeriale sulla sicurezza urbana, presentato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti e approvato dal Consiglio dei ministri che concede ai sindaci il potere di ordinanza per ripulire “le città” da tutto ciò che è "indecoroso"), Franchina ha stilato, con data 26 marzo 2017, un Manifesto dei diritti e dei doveri delle prostitute di San Berillo, mettendo su carta alcune idee che le frullavano in testa da tempo e facendolo poi firmare ad altre sex worker del quartiere, con l’intenzione di presentarlo, prima o poi, magari all’amministrazione comunale, in modo da aprire un dialogo con le istituzioni e far sapere che «le prostitute di San Berillo vogliono collaborare».

Il manifesto, firmato anche da altre prostitute, è stato distribuito come volantino tra le viuzze del quartiere (una copia gigante è stata esposta sulla vetrata di Palazzo De Gaetani, sede del laboratorio audiovisivo di Trame di Quartiere) a significare una volontà di collaborare delle prostitute, ma dalle strade del quartiere San Berillo, non era ancora venuto fuori. Fino ad ora, almeno. Perché ora - esattamente dal 2 maggio - in città è in vigore l’ordinanza del sindaco Enzo Bianco secondo cui "è fatto divieto a chiunque nelle aree, nei luoghi pubblici, spazi aperti o visibili al pubblico di porre in essere comportamenti diretti, in modo non equivoco, ad offrire prestazioni sessuali a pagamento".
E anche se di fatto San Berillo non “dovrebbe” rientrare tra le vie interessate dall’ordinanza (piazza Europa, Circonvallazione zona est nei tratti di viale Ulisse e viale Andrea Doria, Lungomare Zona San Giovanni Li Cuti, viale Africa, piazza dei Martiri, via VI Aprile, via Luigi Sturzo, corso Martiri della Libertà e vie limitrofe, via Marchese di Casalotto, via Dusmet, via Cristoforo Colombo, via Domenico Tempio, via Acquicella Porto, rotatoria Faro Biscari) oggi quel confronto è diventato più urgente.

Il manifesto esposto sulla vetrata di Palazzo De Gaetani

E allora, il manifesto di Franchina, in cui si sottolineano anche questioni che esulano dalla questione comunale come il “riconoscimento della prostituzione come un lavoro che abolirebbe in automatico il reato di favoreggiamento di tutti i proprietari di immobili che concedono le case in affitto” (che ricade quindi nel diritto penale e quindi di ordine nazionale) ora è uscito dal perimetro quartiere.
«Le prostitute di San Berillo – si legge - si impegnano ad osservare i principi esposti nel presente documento a tutela delle condizioni di esercizio del servizio e di una pacifica convivenza con gli altri abitanti del quartiere». Seguono 11 punti che vanno dalla “pacifica convivenza tra gli abitanti del quartiere” alla volontà di “prevenire fenomeni di diffusione di infezioni”, dal regolamentare l’orario di esercizio dalle 7 all’1 di notte e in ambienti dotati di essenziali servizi igenici” fino all’istituzione di un fondo cassa costituito da contributi volontari”.

«La chiusura delle Case Chiuse – dice Franchina – fu disposta per una reale esigenza delle donne che erano costrette a prostituirsi nei bordelli. Nel 1958 la legge Merlin liberò le donne da quella schiavitù: allora aveva un senso. Le prostitute che invece oggi si autoregolano, sono libere di vivere del loro lavoro, vivono una situazione completamente diversa».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 04 maggio 2017
Aggiornato il 13 maggio 2017 alle 23:30





TI POTREBBE INTERESSARE

Lidù: «Ho dipinto il marrobbio, l'anima inquieta di Mazara del Vallo»

L'artista mazarese Linda Denaro, nota come Lidù, è tra gli artefici della rinascità artistica e iconografica del centro storico della città dell'integrazione. Suo è l'omaggio su ceramica al fenomeno naturale che fa ingrossare le acque del fiume Mazàro: «Anche l'umore degli abitanti cambia con il marrobio. E’ un evento che inquieta ma i lupi di mare, sanno che non dura a lungo»

Pietro Bartolo: «Rosi è stato una lampada di Aladino per Lampedusa e i migranti»

Il medico lampedusano, che "Fuocoammare" di Gianfranco Rosi ha reso famoso nel mondo, ospite del Blue Sea Land a Mazara del Vallo, e forte del premio Brancati a Zafferana per "Lacrime di sale", parla del rapporto speciale, nato per caso, con il regista e della sua vita dopo il successo del film: «Continuo a fare il medico nella mia isola ma porto la mia testimonianza di uomo di frontiera nel mondo»

Daniele Petralia: «Mascalucia sarà fucina internazionale della classica»

Il pianista catanese ha un progetto ambizioso: far diventare l’orchestra San Nicolò di Mascalucia, il cui direttore artistico è la moglie, il soprano Alexandra Oikonomou, centro internazionale per la formazione con master class estivi e concerti: «Abbiamo decine di prenotazioni di studenti russi e americani che vogliono fare questa esperienza l’anno prossimo»

Manuela Ventura: «Con Fava e Chinnici mi sono riappropriata della nostra storia di siciliani»

L'attrice catanese ha concluso due set di film tv su due uomini - il giornalista e scrittore Pippo Fava e il magistrato Rocco Chinnici - uccisi dalle cosche per aver opposto la normalità della vita alla violenza mafiosa: «Quello che deve restare di questi film è che la nostra terra ha generato uomini e donne che hanno segnato una via da percorrere, nonostante tutto»

Joe Schittino, il neoclassico, e la "felicità" di Caltagirone

Il musicista e compositore siracusano, neo direttore dell'Istituto musicale Vinci della città calatina, nei giorni scorsi le ha donato l'oratorio “La felicità di Gela nella protezione del gloriosissimo apostolo San Giacomo”, dove Gela è l'antico nome della città: «Caltagirone vanta una produzione librettistica di drammi sacri del 700, vorrei un concorso per rivisitarli»

Raoul Vecchio, il Griot bianco che viene dalla Sicilia

L'architetto catanese da quattro anni lavora in Senegal al progetto Balou Salou per realizzare un ponte-diga nella vallata del Tanaf, flagellata dalla maree dell'Oceano Atlantico, che migliorerebbe la vita di 80mila persone e 350 villaggi. In questi anni l'Africa è diventata la sua seconda casa: è stato adottato e oggi è conosciuto da tutti come Cheickna Diebate