Ferdinando

Eventi Dal 13 al 15 dicembre a Palermo uno dei capolavori di Annibale Ruccello nella messa in scena di Nadia Baldi

Da giovedì 13 a sabato 15 dicembre, alle ore 21.15, andrà in scena, al Teatro Libero di Palermo “Ferdinando”, uno dei capolavori di Annibale Ruccello, per la regia di Nadia Baldi, con Gea Martire, Chiara Baffi, Fulvio Cauteruccio e Francesco Roccasecca; le musiche a firma di Marco Betta, i costumi a firma di Carlo Poggioli, la scenografia è di Luigi Ferrigno. Lo spettacolo è una produzione Teatro Segreto di Napoli.

Ferdinando, scritto nel 1985 e vincitore di due premi IDI – miglior testo teatrale e miglior messinscena – racconta, in un perfetto equilibrio tra comico e tragico, di Donna Clotilde, una baronessa borbonica che agli albori dell’Unità d’Italia si ritira in un’antica villa vesuviana insieme alla cugina Gesualda, scegliendo l’isolamento come segno di disprezzo per la nuova cultura piccolo borghese che si stava affermando in quel periodo. Le giornate trascorrono in una routine anonima e noiosa fino a quando compare sulla scena il giovane e affascinante Ferdinando, nipote di Donna Clotilde, dalla bellezza “morbosa e strisciante”, scatenando un delicato intrigo passionale che coinvolgerà tutti i personaggi. Sarà lui infatti a gettare lo scompiglio nella casa, a mettere a nudo contraddizioni, a disseppellire scomode verità e a spingere un intreccio apparentemente immutabile verso un inarrestabile degrado. «Ferdinando – spiega Nadia Baldi – si concentra su quello che è forse il più insondabile mistero: la mente umana. La forza di questa storia, che ruota intorno al disvelamento di una serie di segreti, mi ha permesso di indagare il possibile e impossibile mondo creativo che le donne sanno attuare quando i freni inibitori e culturali non hanno più il loro potere censurante».

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.