martedì 16 luglio 2019

martedì 16 luglio 2019

MENU

Don Giovanni di Mozart

Folk e world music, Teatro

Dal 10 al 19 maggio a Palermo la stravagante rivisitazione dell’opera di Mozart dell'Orchestra di Piazza Vittorio con Petra Magoni


Petra Magoni è la protagonista del Don Giovanni secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio, che debutta al Teatro Biondo di Palermo venerdì 10 maggio alle ore 21.00. Al suo fianco un affiatato ensemble di attori, musicisti e cantanti. Lo spettacolo, prodotto dalla Fondazione Teatro di Napoli - Teatro Bellini, replica fino al 19 maggio.

Don Giovanni di Mozart

Al centro di questa stravagante rivisitazione dell’opera di Mozart c’è l’idea di un Don Giovanni androgino, affidato alla straordinaria voce femminile di Petra Magoni. Da questa idea si sviluppa la drammaturgia musicale, il filo con cui L’Orchestra tesse una variante contemporanea del mito settecentesco. Una visione “altra” del protagonista, che apre ad una diversa lettura dei rapporti tra i personaggi. Firmano la regia dello spettacolo Andrea Renzi e Mario Tronco, mentre le elaborazioni musicali sono affidate a Leandro Piccioni, Pino Pecorelli e allo stesso Mario Tronco. Nel cast anche la cantante reggae Mama Marjas,Hersi Matmuja, Evandro Dos Reis, Omar Lopez Valle, Houcine Ataa e, alla prima collaborazione con l’Orchestra, Simona Boo, dal 2015 vocalist dello storico gruppo napoletano dei 99 Posse. Le scene dello spettacolo sono di Barbara Bessi, i costumi di Ortensia de Francesco e le luci di Daniele Davino.

Petra Magoni in Don Giovanni di Mozart

L’approccio ludico che l’Orchestra ha con la musica classica pone l’accento su come il divertito abbattimento di ogni confine di genere e l’espansione dei limiti dell’eros possano creare una nuova possibilità di indagine del dramma giocoso di Mozart, a partire dall’intuizione profonda dell’identità tra la natura della musica e il flusso vitale.Don Giovanni, come un redivivo Cab Calloway in un immaginario Cotton Club, in un’ambientazione dal gusto anni ’20 ma anche fortemente contemporaneo, dirige la sua orchestra e il suo destino in una pulsione di libertà e perdizione. Un luogo carico di energia, luce e vita, nel quale i musicisti delimitano uno spazio circolare tagliato da una parete di pannelli specchianti, e dove si agitano i protagonisti nelle loro fughe musicali ed esistenziali.

Don Giovanni di Mozart

«Siamo abituati all’idea di un Don Giovanni burlone, che si finge spesso un altro – racconta Mario Tronco – il travestimento, la mascherata sono le tentazioni per lui irresistibili. Si direbbe, per dirla con le parole di Fedele d’Amico, che egli inganni le donne non tanto per il piacere di conquistarle, ma che si prodighi a conquistarle per il piacere di ingannarle. Amare le donne e diventare ogni volta un altro. Potrebbe essere una definizione del Teatro come luogo in cui esseri in carne ed ossa si fingono altri. Il nostro Don Giovanni parte però da presupposti diversi. L’idea è quella di sempre: rappresentare sé stessi nei panni di altri, recitare il ruolo di sé stessi con le parole e il carattere di personaggi di fantasia».

Don Giovanni di Mozart
secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio

con Petra Magoni,
Simona Boo, Hersi Matmuja, Mama Marjas, Evandro Dos Reis,Omar Lopez Valle, Houcine Ataa
e Leandro Piccioni (pianoforte), Pino Pecorelli (contrabbasso), Michele Santoleri (batteria), Emanuele Bultrini (chitarre), Andrea Pesce / Duilio Galioto (tastiere)
elaborazioni musicali Mario Tronco, Leandro Piccioni, Pino Pecorelli
direzione musicale Leandro Piccioni
scene Barbara Bessi
costumi Ortensia de Francesco
luci Daniele Davino
direzione artistica e regia Mario Tronco
regia Andrea Renzi
produzione Fondazione Teatro di Napoli - Teatro Bellini
produzione originale Accademia Filarmonica Romana, Le nuits de Fourvière – Lione 2017


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 08 maggio 2019



TAGSDon Giovanni di Mozartmozartorchestra di piazza vittoriopalermopetra magoniteatro biondo

EVENTI PASSATI

QuandoDoveOrePrezzo
dal 10 al 19 maggio 2019Teatro Biondo - Palermo
via Roma
21 e ore 17.30