mercoledì 16 gennaio 2019

mercoledì 16 gennaio 2019

MENU

E Aristotele indaga a Siracusa per salvare la memoria di Platone

Libri e fumetti

In "Aristotele e la Casa dei Venti", edito da Sellerio, XI capitolo della saga del filosofo investigatore, la scrittrice canadese Margaret Doody porta il filosofo di Stagira in Sicilia dove deve trovare i documenti che mettono a rischio il ricordo prestigioso di Platone. L'accoglienza, però, in terra sicula è condita da vari delitti


di Salvo Fallica

Un grande filosofo nei panni del “detective” ed il giallo questa volta si svolge in Sicilia. Il filosofo è Aristotele, colei che l'ha trasformato in un risolutore di gialli è la scrittrice canadese Margaret Doody. Il filosofo di Stagira nel ruolo di detective funziona ed ha portato al successo internazionale la Doody, che prima di essere una narratrice è una studiosa classicista, una rigorosa specialista della cultura antica. Nei suoi romanzi l'aspetto storico è ben curato così come quello filosofico. Nulla è lasciato al caso, ogni dettaglio è ben delineato con una visione culturale multidisciplinare. In quest'ultimo romanzo, Aristotele e la Casa dei Venti, edito da Sellerio - così come i precedenti 10 romanzi dell'autrice della saga del filosofo detective -, Aristotele si sposta da Atene in Sicilia, dove si trova ad affrontare un caso complesso e delicato, salvare la reputazione del grande Platone. Non mancano i delitti, sia in terra greca che in quella siracusana, Aristotele accompagnato dall'amico Stefanos (un cittadino ateniese e proprietario terriero dinamico, energico ed acuto) si troverà non solo a sciogliere l'intricata matassa dei delitti ma a cercare di evitare che venga distrutta la memoria di Platone.

Aristotele

E', infatti, giunta all'Accademia di Platone, guidata da Senocrate, la lettera di un ignoto autore che è un appello agli amici ed allievi dell'inventore del mondo delle Idee, li invita a recarsi in Sicilia e salvare la sua memoria. La minaccia che grava sulla reputazione di Platone proviene da “riservati e potentissimi documenti, e da alcuni altri oggetti”. Aristotele invitato da Senocrate si reca all'Accademia, e proprio mentre dialoga con lui, giunge il messaggero portatore della lettera. Il punto è che il messaggero viene trovato morto sull'uscio della porta. Lo segue uno strano personaggio che si finge lo schiavo del messaggero. Il romanzo è pieno di colpi di scena, la storia si sposta poi a Siracusa, vero snodo della vicenda. I misteriosi documenti che metterebbero a rischio il ricordo prestigioso di Platone, la sua autorevolezza, si troverebbero proprio in terra siciliana. E sarebbero legati ai suoi famosi viaggi a Siracusa.

La bravura della Doody nel costruire i dialoghi narrativi calandoli nel contesto storico è notevole, altrettanto lo è la sua capacità di far interagire il pensiero filosofico dei personaggi citati con la vita reale - o meglio letteraria -. Ovviamente l'aspetto narrativo del giallo è una invenzione ma l'aderenza al contesto storico-sociale è mirabile.

Margaret Doody

L'Aristotele “detective” colloquia con Senocrate dei viaggi a Siracusa di Platone e spiega: “Tornare in Sicilia fu un'azione nobile, ma probabilmente non la più prudente nella lunga vita di Platone (…). I suoi amici tentarono di dissuaderlo. Senza dubbio aveva un grande sogno. Voleva dimostrare di saper trasformare una vera monarchia nello stato ideale. Di convertire teorie e libri in fatti concreti. E il giovane erede (il figlio di Dionisio, nda), benché non avesse un grande intelletto, aveva qualità che facevano ben sperare”. Ma non fu così. E Senocrate precisa: “Dionisio II era così pieno di hybris che non solo mise le mani sul denaro di suo zio (Dione, nda), ma fece anche arrestare sua moglie Areté, cui Dione era devoto. In realtà, Areté era la sorellastra del giovane Dionisio, ma il re la trattò malamente”. Ma come era vista la Sicilia dai greci? Come un luogo di meravigliose bellezze, ricco, misterioso, ed - of course - “pieno di cospirazioni”.

Platone

Da Atene la storia del romanzo si sposta in Sicilia, in particolare a Siracusa. Ad Ortigia Aristotele e Stefanos vengono accolti da un uomo colto e ricco, Periandro, che prima di condurli nella sua abitazione dice: “Ci allontaniamo dal frastuono e dalla confusione del porto. Apprezzerete la bellezza della nostra isoletta e di Siracusa. Noterete, in periferia, il nostro splendido e ampio teatro. Molto ammirato. E' là che Eschilo ha messo in scena le sue tragedie”. E poi descrive l'Ortigia del tempo: “Laggiù, poco prima di imboccare la strada per raggiungere Siracusa, noterete l'elegante tempio di Apollo. E' vicino casa mia. C'è anche un bel tempio di Artemide, che non è mai stato completato. Leda ha partorito Artemide ad Ortigia, e Apollo a Delo. Non lontano da noi c'è il maestoso tempio di Atena, eretto per celebrare una vittoria sui cartaginesi. Una delle tante che abbiamo ottenuto”.

Periandro nella sua casa di Ortigia mostra ad Aristotele degli oggetti antichi rispetto alla loro epoca, greca. “Ossidiana. Molto tempo fa, molto prima della scrittura e della storia, gli antichi costruivano utensili con questo materiale, trasparente e tagliente. Si trova vicino ai vulcani. L'ossidiana grigia viene da Lipàra, quella nera da vari altri luoghi della Sicilia”. Aristotele e Stefanos partecipano ad un simposio, iniziano a studiare alcuni personaggi della élite siracusana, ma accade un nuovo delitto. Periandro che non ha potuto partecipare alla cena viene trovato morto in una strada semibuia di Ortigia. Il quadro si complica, è evidente che chi ha voluto la presenza di Aristotele in Sicilia gli fa terra bruciata intorno, l'autore della lettera anonima ha predisposto una serie di trappole. Inoltre, gli ateniesi non sono ben visti a Siracusa per ben note ragioni storiche. Anzi, i siracusani non perdono occasione per ricordare la disfatta ateniese della “grande spedizione” durante la Guerra del Pelopponeso, magistralmente raccontata da Tucidide. Aristotele e Stefanos comprendono il peso della storia, le questioni delle identità. Non solo loro sono “forestieri” ma vi è qualcuno che per distruggere la memoria di Platone è pronto a metterli fuori gioco. Comunque, non sono soli, agenti del governo ateniese in incognita li supportano al momento opportuno. Aristotele indaga, tesse la sua tela, inizia ad intuire la verità. La sua non è intuizione platonica ma una ricerca della verità fondata sul metodo della logica (l'autrice con abile capacità scritturale e divulgativa fa emergere le differenze fra Platone ed Aristotele). Nella sua scoperta della verità Aristotele parte dalla realtà che lo circonda, per Aristotele la verità non è nel mondo delle idee (l'iperuranio) perché l'essenza della realtà è unione di forma e materia, la sostanza è sinolo di forma e materia.

Il Teatro Greco di Siracusa

I romanzi della Doody hanno diversi piani di lettura e di complessità, ed hanno il merito di una narrazione scorrevole, avvincente. Per svelare l'intricata vicenda dei delitti tra Grecia e Sicilia e salvare la memoria di Platone, Aristotele “detective” e Stefanos si spostano da Siracusa a Tauromenion, l'antica Taormina. Merita di essere citata la descrizione di questo luogo nel romanzo fatta da Stefanos che la scrittrice utilizza anche come voce narrante: “Tauromenion è una splendida città su una ripida collina. Noleggiammo dei muli per arrivare fin lassù. Vanta un nuovo teatro di cui gli abitanti sono enormemente fieri. Continuavano tutti a indicarcelo. Il porto è molto più in basso. La nostra ricompensa fu una veduta spettacolare del golfo e del Monte Etna, bruno contro il cielo. Il vulcano mi ricordò un po' l'Egitto. Infatti, somiglia a una piramide nera con cocuzzolo bianco di neve in cima, come un uomo dai capelli canuti». Ed ancora: “L'Etna si ergeva arcigna in lontananza davanti a me, quasi a sfidare il mio senso di sicurezza. La splendida montagna scura parlava di cambiamento, minacciava distruzione. Nonostante questo, l'elegantissimo ed artificiale teatro dava l'impressione d'essere stato progettato per durare in eterno”. Il viaggio di Aristotele continua alla ricerca della verità. Ma non sveliamo il finale del viaggio e del giallo, lo scoprirete leggendo il romanzo...


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 08 novembre 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

La storia della Sicilia attraverso le meraviglie dei luoghi

La storia plurimillenaria dell'Isola vista e riletta dal giornalista, diplomatico e storico inglese John Julius Norwich condensata nello scritto "Breve storia della Sicilia", pubblicato postumo in Italia da Sellerio

Carmine Abate: «Trasformo la ferita della partenza in ricchezza»

Passano da Lampedusa, dopo un terribile e drammatico viaggio dall'Africa verso l'Italia, i migranti che lo scrittore calabrese descrive nel suo ultimo romanzo "Le rughe del sorriso", presentato nelle scorse settimane a Papa Francesco: «Io personalmente ho attraversato il calvario dei migranti. Nel libro ho dato dignità letteraria a personaggi reali tanto da renderli irriconoscibili a loro stessi»

Francesco Massaro: «Il bar è un osservatorio privilegiato per raccontare la gente»

L'ex cronista palermitano, che da qualche anno ha scelto di lasciare il giornalismo a tempo pieno per lavorare nel bar-pasticceria di famiglia, ha pubblicato il libro "Chiacchiere da bar" dove racconta un microcosmo di storie in transito raccontate con il piglio e la curiosità tipica del giornalista abituato ad ascoltare gli sfoghi della gente o a carpire verità nascoste

Antonio Di Grado: «La letteratura è un'anarchica fucina di astratti furori»

Lo studioso catanese di letteratura italiana ha pubblicato per Nerosubianco "L'idea che uccide. I romanzieri dell'anarchia tra fascino e sgomento", storia letteraria fra '800 e '900 vista attraverso il filo rosso del pensiero antiautoritario: «Dal Leopardi della "Ginestra" al De André del "Suonatore Jones", penso a un impasto di ribellione e sofferta compassione»

"Sicilia da gustare", la voce amica del mangiar bene

Pubblicata la settima edizione della guida ai migliori ristoranti distribuita in 26mila copie, 318 pagine bilingue, tra immagini, ricette degli chef e consigli, che dà un “assaggio” della cultura enogastronomica delle nove province siciliane con uno sguardo a Malta, quella che il suo ideatore ed editoreCarmelo Pagano definisce «la decima provincia siciliana»

"La colpa" di Raffaele Mangano, quel baratro che distingue il passato dalla memoria

Nuovo romanzo per lo scrittore siculo-lombardo, attuale direttore del Premio Brancati. Il "viaggio" esistenziale del protagonista Fabio, sulle tracce del padre Matteo sparito 30 anni prima,diventa rielaborazione del dolore per l’abbandono, liberatorio dei sensi di colpa che padre e figlio avevano nutrito per anni, l’uno nei confronti dell’altro