sabato 20 ottobre 2018

sabato 20 ottobre 2018

MENU

Delorda: «Riporto l'olivetta a Catania, dove è nata»

Libri e fumetti

Lo scrittore messinese Graziano Delorda presenta il 16 ottobre al Palazzo della Cultura il suo terzo libro "Little olive", romanzo sicul-rock ispirato dall'omonimo brano degli Electric Prunes di James Lowe, nato in un monolocale della città etnea, ambientato tra la Sicilia, Londra e New York e scritto con il linguaggio graffiante e trasgressivo dell’era beat-psichedelica


di Maria Enza Giannetto

«A vent’anni cominciai a pensare cosa potevo davvero fare nella vita. Suonavo da un po’ ma ero una schiappa, amavo il disegno e i fumetti, ma non sapevo tenere una matita in mano. Così ho pensato che la mia strada poteva essere quella della scrittura e sulla mia vecchia Olivetti ho deciso di mettere alla prova quella che poi si è rivelata la mia predisposizione. Pian, piano, in circa vent’anni sono riuscito a pubblicare il mio terzo romanzo».

Graziano Delorda a Capo d'Orlando lo scorso agosto

Graziano Delorda, scrittore messinese, classe 1972, ha perseguito la sua passione per la scrittura con tenacia, non lasciandosi mai scoraggiare dalle difficoltà. Ha cominciato a scrivere avvicinandosi presto anche al mondo della scrittura online. «Erano gli anni ’90 – racconta – gli anni delle prime webzine, dei giornali online e dei primi blog. Anni in cui diventava più facile arrivare ai lettori anche da luoghi più remoti. Ma erano anche anni in cui tramite la Rete ci si ritrovava, all’improvviso, di fronte a un oceano di persone che pensavano di essere scrittori e di avere qualcosa da raccontare. Io, confesso, che ho capito di saperci fare quando sono riuscito a dare seguito a questa predisposizione pubblicando anche su carta». Pubblicazioni che, come tiene a sottolineare Delorda, «non sono mai avvenute a fronte di un mio pagamento preventivo. Purtroppo quello dell’editoria è davvero un mondo complicato, ma io mi sono sempre rifiutato di pagare per arrivare ai lettori».

Il volume Little Olive edito da Ferrari

Dopo anni di scrittura e di parole, rimaste anche nei cassetti - «ci sono almeno altri tre romanzi scritti e abbandonati”, confessa - , ma che hanno portato lo scrittore, messinese doc, a pubblicare, nel 2010 per Pungitopo editrice, il suo primo romanzo La pace, seguito dalla raccolta di racconti La serpe nera e, nel 2016, dopo una lunga gestazione, il romanzo sicul-rock Little Olive (Ferrari editore), nato nel suono del rock, scritto con un linguaggio preciso e graffiante, che riesce a incarnare lo spirito trasgressivo dell’era beat-psichedelica.

Il libro trae il titolo dall’omonimo brano musicale, scritto e interpretato da James Lowe, voce della storica e rivoluzionaria band statunitense The Electric Prunes – che firma anche la quarta di copertina del libro - e nasce da una passione di Delorda per la musica e da un caso fortuito. «Little Olive – racconta Graziano Delorda – nasce da un incontro. Nell’estate 2011, ho incontrato uno dei componenti della band The Out Key Hole che, nei primi anni ’90, a Messina era dedita al sound psichedelico dei sixties, al garage rock e a tutto ciò che suonasse poco usuale per quei tempi d’invasione alternative grunge. Ne fui sorpreso perché ero convinto che fossero scomparsi invece mi racconta che avevano appena dato alle stampe Dreams in waking state e che stavano per partire per Londra. È stata una folgorazione. Ho pensato che era la risposta alla mia ricerca di una storia a cui appassionarmi, che mi avrebbe tenuto impegnato per tanto tempo, senza annoiarmi. Condizioni che ritendo essenziali per cominciare a scrivere. Non ho mai uno schema fisso quando mi accingo a scrivere, l’importante è che la storia mi prenda sul serio».

James Lowe degli Electric Prunes legge Little Olive

La storia cominciava a prendere forma nella testa dello scrittore che, però, prima di mettere mano alla scrittura che gli avrebbe poi preso ben 30 mesi - «L’ho scritto in un monovano di 10 metri quadri quando vivevo a Catania, è stato la mia vita per due anni e mezzo» - si mette a studiare e a prendere appunti per collocare al meglio le vicende che si svolgono tra la Sicilia, Londra e New York. «Oltre ai racconti dei componenti della band, mi feci raccontare tanti aneddoti anche da mio padre che, negli anni ‘70 era stato a Londra per qualche anno e ci andai anch’io un paio di volte. Insomma, spunti e racconti che sembravano esser messi lì solo per essere utilizzati».

Quasi come se la storia lo avesse cercato, gli eventi fortuiti continuano e a Delorda non resta altro da fare che assecondarli. Tramite la band entra in contatto anche con Mr James Lowe. «Lui – racconta - il leader di una delle formazioni più importanti della cultura musicale underground di quegli anni, The Electric Prunes, amico e fan dei Key Hole, si rivelò fin da subito una fonte impagabile di aneddoti e retroscena. Tra una chattata e l’altra, finii con il chiedergli se avessi potuto utilizzare un pezzo dei suoi Electric Prunes. E poi, quando arrivò il momento di chiudere il romanzo, arrivò voce che si sarebbe esibito nell’estate del 2013 a Messina. Avevo scritto di un pub che si chiamava The Out Key Hole, intitolato il romanzo Little Olive, e adesso mi portavo a spasso per Messina, sulla mia moto, proprio Mr James Lowe, curatore di uno dei pezzi principali della colonna sonora di Easy Rider».

E in attesa che mr James Lowe possa realizzare la sua idea di fare un film dal libro di Delorda, lo scrittore messinese si è rimesso a scrivere. «Non dico ancora di cosa tratterà il mio prossimo romanzo. Posso solo dire che scrivo e vivo, vivo e scrivo. Senza affanni. Sono uno che ha sempre pensato che l’importante sia godersela la vita».

Graziano Delorda presenterà il suo romanzo domenica alle 19 al Palazzo della Cultura di Catania («riporto l’olivetta a Catania, dove è nata») nell’ambito del Sabir fest. C’è poi in programma un piccolo tour nazionale con qualche data già fissata, tra cui quella del 9 dicembre a Bologna dove lo scrittore dialogherà con Tony Face.

Delorda, a destra, con amici nel segno di Little Olive


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 14 ottobre 2016
Aggiornato il 24 ottobre 2016 alle 11:48





TI POTREBBE INTERESSARE

Dentro gli abissi dell'animo umano con Anna Giurickovich Dato

"La figlia femmina", edito da Fazi, il romanzo che ha fatto conoscere la giovane scrittrice catanese, tocca un tema molto delicato e lo fa in maniera provocatoria, il rapporto inquietante tra un padre ed una figlia: «Sono una provocatrice. Ho studiato la psicoanalisi e l'ho fatta per dieci anni. La psicoanalisi è uno dei nodi cruciali della mia attività letteraria»

Federica Raccuglia: «Di padre Pino Puglisi ho privilegiato la comunicazione»

La giornalista palermitana ha pubblicato per i tipi di Edizioni La Zisa "L'uomo del dialogo contro la mafia. La storia di Padre Pino Puglisi" in cui ripercorre le tappe fondamentali della vita del parroco ucciso a Brancaccio attraverso lettere, appunti, inedite registrazioni di incontri e le testimonianze di chi lo ha conosciuto. Giovedì 13 settembre la presentazione a Palermo

Maurizio Molinari: «L'identità nazionale in Sicilia è granitica come lo sguardo di Mattarella»

Per il direttore de La Stampa, autore del saggio Il ritorno delle tribù, sulla frammentazione dei gruppi di potere nel mondo islamico e in Occidente, l'Isola, strategica già militarmente ed ora commercialmente, deve alla componente antimafiosa del suo popolo il dna dello Stato: «L'esperienza nella lotta alla mafia è servita anche nella difesa contro il terrorismo islamico»

Quell'ottica siciliana che ci fa capire cosa è successo in Italia

La Sicilia ha avuto un ruolo importante in diversi passaggi storici nazionali ed europei, come ben evidenziato in “Storia della Repubblica” dello storico Guido Crainz, un racconto critico, multidisciplinare e ben strutturato di settant'anni di storia italiana

«La Sicilia è battistrada nel dialogo fra Cristianesimo e Islam»

Il delicato tema del rapporto fra le due religioni monoteistiche viene approfondito dal giornalista nel libro "Noi fratelli", scritto con Stefano Girotti Zirotti e che vanta l'introduzione di Papa Francesco. Ed uno spazio importante lo ha avuto - da Federico II in poi - la Sicilia. Mazzuca: «Avanguardia di dialogo, crogiolo di civiltà e culture, è tutt'ora luogo di incontro»

"Visioni", in un libro il viaggio ventennale della Scuola superiore di Catania

Il giornalista etneo Giorgio Romeo ha realizzato per conto dell'istituto di alta formazione dell'Università di Catania un libro che racconta le fasi cruciali della storia di una istituzione culturale di notevole rilievo. Romeo: «Ho incluso la molteplicità di visioni che fa comprendere come questo progetto sia un’opportunità per ripensare la Sicilia, i giovani, il futuro»