mercoledì 12 dicembre 2018

mercoledì 12 dicembre 2018

MENU

Da Palermo a Torino, il Giro d'Italia del Salone del Libro

Libri e fumetti

Parte dalla Sicilia il 6 aprile la "Festa Mobile" la sezione speciale dedicata alla lettura ad alta voce di grandi classici della letteratura che nella prima tappa avrà come ospite Giorgio Vasta


di Redazione SicilyMag

Per la 31^ edizione del Salone Internazionale del Libro, Festa Mobile - la sezione speciale dedicata alla lettura ad alta voce di grandi classici della letteratura - diventa anche un giro d’Italia che fa tappa nelle biblioteche di sette regioni. Da Palermo fino a Torino, l’iniziativa curata da Giuseppe Culicchia è un invito alla (ri)scoperta di testi, autori e temi in dieci tappe, dedicato a tutti coloro che si ostinano a credere nell’importanza dei libri nel Paese in cui i lettori sono una specie a rischio di estinzione.

Giorgio Vasta

La maratona parte da Palermo venerdì 6 aprile, alle ore 18:00, dalla Biblioteca Francescana dove lo scrittore Giorgio Vasta sarà protagonista di un incontro intitolato “Sconfinamenti”.
Prendendo spunto da “F For Fake” di Orson Welles e col supporto di testi letterari, foto, sequenze audio-video, Vasta racconterà la storia - un po' reale un po' fantasticata - di Ramak Fazel, il fotografo con cui ha viaggiato diverse volte negli Stati Uniti a caccia di confini. Fazel è uno sconfinatore naturale e seriale: procede nello spazio e nel tempo assecondando l'esigenza di varcare ogni soglia, non necessariamente per spirito d'avventura ma nella maggior parte dei casi perché non può farne a meno, perché la soglia lo provoca. Proprio attraverso il racconto della figura di Fazel, Vasta descriverà l'esperienza del confine: ciò che al contempo separa e unisce, una nozione utile solo nel momento in cui non viene esasperata.
Il curatore Giuseppe Culicchia spiega così la scelta di Palermo, Capitale Italiana della Cultura, come incontro di lancio del tour: "Festa Mobile è innanzitutto un invito alla lettura: gli scrittori coinvolti, anziché presentare il loro ultimo libro, condividono col pubblico del Salone i loro libri del cuore. Quest'anno abbiamo voluto far partire quest'invito da Palermo, Capitale Italiana della Cultura, per attraversare l'Italia con una serie di letture nelle biblioteche di una decina di regioni. Il nostro Paese - com'è noto - è purtroppo il fanalino di coda in Europa per quanto riguarda il numero di lettori, e Festa Mobile vuol dare un segnale in senso opposto.”
Festa Mobile risalirà l’Italia, poi, facendo tappa a Foggia, Scampia, Amatrice, Roma, Pistoia, Bologna, Parma, Spinea (Venezia), Pavia, per arrivare infine a Torino, durante i giorni del Salone, con un fitto programma di letture ad alta voce che interesseranno tutta la città.

Le tappe del tour di Festa Mobile:

PALERMO, Biblioteca Francescana – 6 aprile, ore 18:00
Giorgio Vasta racconta Sconfinamenti.

FOGGIA, Biblioteca Provinciale – 27 aprile, ore 18:00
Silvia Greco legge Wislawa Szymborska, La gioia di scrivere.

SCAMPIA – 28 aprile, ore 11:00
Diego De Silva legge Elsa Morante, Lo scialle andaluso.

AMATRICE, Biblioteca Comunale – 8 maggio, ore 18:00
Antonio Pascale racconta In nome dell’amore.

ROMA, Biblioteca Marconi – 19 aprile, ore 18:00
Paolo Di Paolo legge Daniele Del Giudice, Lo Stadio di Wimbledon.

PISTOIA, Biblioteca San Giorgio9 maggio, ore 17:00
Vanni Santoni legge Thomas Mann, I Buddenbrook.

BOLOGNA, Biblioteca Sala Borsa20 aprile ore 18:00
Marcello Fois legge Silvio D’Arzo, Casa d’altri.

PARMA, Biblioteca Ugo Guanda – 12 aprile, ore 18:30
Fabio Geda legge William Goldig, Il signore delle Mosche.

SPINEA (VENEZIA), Biblioteca Comunale – 8 maggio, ore 18:00
Tiziano Scarpa legge Michail Bulgakov, Il Maestro e Margherita.

PAVIA, Biblioteca Teresiana – 12 aprile, ore 17:00
Piersandro Pallavicini legge Goffredo Parise, Bontà.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 04 aprile 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Antonio Di Grado: «La letteratura è una anarchica fucina di astratti furori»

Lo studioso catanese di letteratura italiana ha pubblicato per Nerosubianco "L'idea che uccide. I romanzieri dell'anarchia tra fascino e sgomento", storia letteraria fra '800 e '900 vista attraverso il filo rosso del pensiero antiautoritario: «Dal Leopardi della "Ginestra" al De André del "Suonatore Jones", penso a un impasto di ribellione e sofferta compassione»

"Sicilia da gustare", la voce amica del mangiar bene

Pubblicata la settima edizione della guida ai migliori ristoranti distribuita in 26mila copie, 318 pagine bilingue, tra immagini, ricette degli chef e consigli, che dà un “assaggio” della cultura enogastronomica delle nove province siciliane con uno sguardo a Malta, quella che il suo ideatore ed editoreCarmelo Pagano definisce «la decima provincia siciliana»

E Aristotele indaga a Siracusa per salvare la memoria di Platone

In "Aristotele e la Casa dei Venti", edito da Sellerio, XI capitolo della saga del filosofo investigatore, la scrittrice canadese Margaret Doody porta il filosofo di Stagira in Sicilia dove deve trovare i documenti che mettono a rischio il ricordo prestigioso di Platone. L'accoglienza, però, in terra sicula è condita da vari delitti

"La colpa" di Raffaele Mangano, quel baratro che distingue il passato dalla memoria

Nuovo romanzo per lo scrittore siculo-lombardo, attuale direttore del Premio Brancati. Il "viaggio" esistenziale del protagonista Fabio, sulle tracce del padre Matteo sparito 30 anni prima,diventa rielaborazione del dolore per l’abbandono, liberatorio dei sensi di colpa che padre e figlio avevano nutrito per anni, l’uno nei confronti dell’altro

«Racconto la Sicilia misteriosa che cela i più efferati delitti»

Lo scrittore calatino Domenico Seminerio parla de "L'autista di Al Capone", trasposizione romanzata della vicenda vera del messinese Placido Giacobbo, diventato Charles Jakoby negli Usa quando lavorò al servizio del boss mafioso: «Un personaggio emblematico della Sicilia del dopoguerra, delle oscure connessioni al riparo della riconquistata libertà»

Mamme in fuga dall'Italia: «Terra avara di opportunità»

E' uscito il 20 ottobre "Mamme italiane nel mondo" la raccolta di 19 storie di altrettante donne italiane che vivono all'estero e che si sono incontrate su Facebook. Tra loro anche due siciliane: l'avvocato palermitano Manuela Frenna, che oggi vive a Francoforte, e l'alcarese Catia Rossi Channa che da più di 20 anni gira il mondo, con tre figli al seguito