mercoledì 27 marzo 2019

mercoledì 27 marzo 2019

MENU

Da Palermo a Torino, il Giro d'Italia del Salone del Libro

Libri e fumetti

Parte dalla Sicilia il 6 aprile la "Festa Mobile" la sezione speciale dedicata alla lettura ad alta voce di grandi classici della letteratura che nella prima tappa avrà come ospite Giorgio Vasta


di Redazione SicilyMag

Per la 31^ edizione del Salone Internazionale del Libro, Festa Mobile - la sezione speciale dedicata alla lettura ad alta voce di grandi classici della letteratura - diventa anche un giro d’Italia che fa tappa nelle biblioteche di sette regioni. Da Palermo fino a Torino, l’iniziativa curata da Giuseppe Culicchia è un invito alla (ri)scoperta di testi, autori e temi in dieci tappe, dedicato a tutti coloro che si ostinano a credere nell’importanza dei libri nel Paese in cui i lettori sono una specie a rischio di estinzione.

Giorgio Vasta

La maratona parte da Palermo venerdì 6 aprile, alle ore 18:00, dalla Biblioteca Francescana dove lo scrittore Giorgio Vasta sarà protagonista di un incontro intitolato “Sconfinamenti”.
Prendendo spunto da “F For Fake” di Orson Welles e col supporto di testi letterari, foto, sequenze audio-video, Vasta racconterà la storia - un po' reale un po' fantasticata - di Ramak Fazel, il fotografo con cui ha viaggiato diverse volte negli Stati Uniti a caccia di confini. Fazel è uno sconfinatore naturale e seriale: procede nello spazio e nel tempo assecondando l'esigenza di varcare ogni soglia, non necessariamente per spirito d'avventura ma nella maggior parte dei casi perché non può farne a meno, perché la soglia lo provoca. Proprio attraverso il racconto della figura di Fazel, Vasta descriverà l'esperienza del confine: ciò che al contempo separa e unisce, una nozione utile solo nel momento in cui non viene esasperata.
Il curatore Giuseppe Culicchia spiega così la scelta di Palermo, Capitale Italiana della Cultura, come incontro di lancio del tour: "Festa Mobile è innanzitutto un invito alla lettura: gli scrittori coinvolti, anziché presentare il loro ultimo libro, condividono col pubblico del Salone i loro libri del cuore. Quest'anno abbiamo voluto far partire quest'invito da Palermo, Capitale Italiana della Cultura, per attraversare l'Italia con una serie di letture nelle biblioteche di una decina di regioni. Il nostro Paese - com'è noto - è purtroppo il fanalino di coda in Europa per quanto riguarda il numero di lettori, e Festa Mobile vuol dare un segnale in senso opposto.”
Festa Mobile risalirà l’Italia, poi, facendo tappa a Foggia, Scampia, Amatrice, Roma, Pistoia, Bologna, Parma, Spinea (Venezia), Pavia, per arrivare infine a Torino, durante i giorni del Salone, con un fitto programma di letture ad alta voce che interesseranno tutta la città.

Le tappe del tour di Festa Mobile:

PALERMO, Biblioteca Francescana – 6 aprile, ore 18:00
Giorgio Vasta racconta Sconfinamenti.

FOGGIA, Biblioteca Provinciale – 27 aprile, ore 18:00
Silvia Greco legge Wislawa Szymborska, La gioia di scrivere.

SCAMPIA – 28 aprile, ore 11:00
Diego De Silva legge Elsa Morante, Lo scialle andaluso.

AMATRICE, Biblioteca Comunale – 8 maggio, ore 18:00
Antonio Pascale racconta In nome dell’amore.

ROMA, Biblioteca Marconi – 19 aprile, ore 18:00
Paolo Di Paolo legge Daniele Del Giudice, Lo Stadio di Wimbledon.

PISTOIA, Biblioteca San Giorgio9 maggio, ore 17:00
Vanni Santoni legge Thomas Mann, I Buddenbrook.

BOLOGNA, Biblioteca Sala Borsa20 aprile ore 18:00
Marcello Fois legge Silvio D’Arzo, Casa d’altri.

PARMA, Biblioteca Ugo Guanda – 12 aprile, ore 18:30
Fabio Geda legge William Goldig, Il signore delle Mosche.

SPINEA (VENEZIA), Biblioteca Comunale – 8 maggio, ore 18:00
Tiziano Scarpa legge Michail Bulgakov, Il Maestro e Margherita.

PAVIA, Biblioteca Teresiana – 12 aprile, ore 17:00
Piersandro Pallavicini legge Goffredo Parise, Bontà.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 04 aprile 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Ismete Selmanaj Leba: «Nessuno lascia la propria patria senza dolore nell'anima»

La scrittrice albanese, dal 1992 trapiantata nel Messinese, è tornata nelle librerie con "Due volte stranieri" (Besa editrice), dove affida al personaggio di Mirela il disorientamento di chi continua a sentirsi straniero nonostante anni di vita nel Paese d'adozione: «Qual è il Paese di tanti immigrati che hanno passato più della loro vita in Italia che nel loro Paese natio?»

Maria Attanasio restituisce la dignità a Rosalia Montmasson

Nel romanzo "La ragazza di Marsiglia", edito da Sellerio, la scrittrice calatina racconta le vicende umane della prima moglie, poi ripudiata, di Francesco Crispi e unica donna della spedizione in Sicilia dei Mille, senza perdere di vista l'essenza delle trasformazioni storiche. Ne vien fuori un romanzo animato dallo spirito della libertà, ispirato da un'autentica filosofia di storia al femminile

Nunzia Scalzo: «Non credo al femminismo, la parità rispetta le diversità fra uomo e donna»

La giornalista e scrittrice catanese esce l'8 marzo con "Vite storte" (A&B editore) otto storie di donne siciliane vissute nel Novecento, storie diverse legate dal filo rosso del sangue: «La violenza in tutte le sue forme non riguarda il genere ma le persone, anche se è innegabile che le donne pagano un prezzo più alto. Noi donne non dobbiamo mai abbassare la guardia»

Guido Guerrera: «Vi porto in viaggio sulla nave dei sogni di Pupi Avati»

Il giornalista e scrittore messinese è in libreria con "Pupi Avati. La nave dei sogni" (Minerva Edizioni) romanzo biografico sul regista bolognese: «Volevo scrivere una specie di sceneggiatura in cui Pupi e il fratello Antonio, suo produttore, che avevano fatto muovere tanti attori, diventassero essi stessi protagonisti». Il 5 marzo presentazione a Catania e il 7 a Messina

Veronica Tomassini: «Mazzarrona è il simbolo di un fallimento civile»

Nel nuovo romanzo, edito da Miraggi e candidato allo Strega, il degrado di sballo e droga vissuto nel quartiere periferico della sua Siracusa dagli adolescenti degli Anni 90 diventa preludio di un sogno infranto - «Ogni periferia è concepita dentro un'istigazione al suicidio» - di chi si sente estraneo sempre: «Mazzarrona è terra lacerata da irredimibili dissidi»

"Ritorno all'Amarina" di Giuseppe Lazzaro Danzuso, quel lessico familiare che unisce il Sud e il Nord Italia

La nuova creazione letteraria del giornalista e scrittore catanese Giuseppe Lazzaro Danzuso, tendendo l’arco del sentimento tra passato e presente da un punto di vista intimo e privato, tesse un racconto corale dei luoghi dell’anima: «Sono scene di una famiglia precisa nelle quali tutti si sono ritrovati, in Sicilia come al Nord. Non a caso è stato definito “il romanzo di tutti”»