sabato 18 agosto 2018

sabato 18 agosto 2018

MENU

1

Recensioni

Gli accenti di inquietudine romantica del violino di Girshenko

Sotto un cielo estivo che ha regalato una inconsueta eclissi lunare, il Maestro russo, accompagnato dalla pianista kazaka Sholpan Barlykova, ha incantato il pubblico siracusano di "Ortigia classica", cartellone ideato dal violista Gaetano Adorno per conto della Camerata Polifonica Siciliana, suonando Mozart, Beethoven, Brahms, Dvorak e Sibelius

Ultima modifica 10 agosto 2018 12:29

Rosso Alcantara, luna vermiglia e fiamme infernali rileggono Dante

Con la regia di Giovanni Anfuso, alle Gole ha debuttato (sotto l'eccezionale luce della luna rossa pre-eclissi) la messinscena dell'Inferno dantesco nel suggestivo scenario naturale delle rocce scoscese e dei dirupi attraversati dai vorticosi corsi d'acqua del fiume condiviso da Mojo e Castiglione. Per tre week end consecutivi la "selva oscura" rivive in uno dei più suggestivi angoli di Sicilia

Ultima modifica 16 agosto 2018 12:52

Il garbato equilibrio classico di Bruno Canino ha aperto "Ortigia Classica"

Il pianista napoletano, dall'alto delle sue 83 primavere, ha dato il la al festival organizzato a Siracusa dalla Camerata Polifonica Siciliana, eseguenhdo con ammirevole agilità i concerti per pianoforte e orchestra KV 414 e KV 415 di Mozart in un piacevolissimo dialogo con l’orchestra, pronta ai rilievi tematici sotto la bacchetta incisiva di Gaetano Adorno

Ultima modifica 16 luglio 2018 19:12

Rigoletto, luci e ombre sulla corte di un poco deforme buffone

Ha convinto la messinscena dell'opera di Verdi a Taormina per il Sesto Senso Opera Festival, con la discreta ma efficace regia di Bruno Torrisi e la dominante voce di Raffaele Abete (Il Duca di mantova). Non ha eccelso Desirée Rancatore, una Gilda non ai suoi soliti livelli, e Giovanni Meoni, Rigoletto,corretto ma poco incisivo come la direzione di Angelo Gabrielli. Replica il 15 luglio

Ultima modifica 16 luglio 2018 13:34

Due millenni e mezzo dopo, a Siracusa fa ancora male il riso amaro de "I Cavalieri"

Grazie a un cast di grandi attori, da Antonio Catania a Gigio Alberti a Francesco Pannofino, superata da parte del regista Giampiero Solari la sfida della commedia che chiude il cerchio del 54° festival del Teatro greco dell'Inda. Sbeffeggiare con forza i potenti, e il popolo facilmente raggirabile nella scelta dei suoi rappresentanti, fa sì ridere ma anche incazzarsi

Ultima modifica 05 luglio 2018 16:00

Camilleri, Tiresia e l'eternità. Appuntamento a Siracusa fra cent'anni

Tra storia e futuro, quello che si è vissuto sul palco del Teatro Greco per il Festival dell'Istituto nazionale del dramma antico è stato un evento unico, rapiti per 90 minuti dalla forza roca della voce unica dello scrittore empedoclino nel suo racconto ironico, cinico e poetico allo stesso tempo sull'indovino cieco del mito. Con un arrivederci, nello stesso posto, fra un secolo

Ultima modifica 12 giugno 2018 19:14
  1234567891011