martedì 23 gennaio 2018

martedì 23 gennaio 2018

MENU

Con "We plays for tips" Francesco Cafiso inaugura la sua etichetta

Musica

Il nuovo lavoro discografico del sassofonista siciliano, registrato con una formazione a nove e che conterrà 5 inediti, uscirà il 19 gennaio per E Flat la sua nuova etichetta indipendente


di Redazione SicilyMag

Uscirà il 19 gennaio“We play for tips”, il nuovo lavoro discografico di Francesco Cafiso, il primo prodotto dallo stesso sassofonista siciliano che inaugura così la sua etichetta indipendente E FLAT. In “We play for tips” (distribuito da Egea Music) l’ambasciatore della musica jazz italiana nel mondo si presenta con la più recente delle formazioni da lui capitanate, il Francesco Cafiso Nonet, e lungo il solco tracciato dal suo ultimo disco in quartetto, “20 cents per note” (del 2015), racconta in musica alcune delle esperienze più significative della sua vita, tra cui il viaggio a New Orleans che ha anche ispirato il titolo dell’album.

Francesco Cafiso - ph Oliver Kendl

«"We play for tips" (Suoniamo per le mance) era la scritta che a New Orleans molti musicisti di strada portavano sui propri cappelli – racconta Francesco Cafiso –Questa immagine è uno dei ricordi indelebili del mio viaggio nella patria del jazz, luogo unico e affascinante dove, appena adolescente, ho trascorso un mese suonando nei vari club, ma anche in giro per la città con le marching band o ancora sui balconi. È proprio da questa esperienza che ho tratto ispirazione per molta della mia musica e in particolare per questo nuovo progetto, in cui non a caso ho voluto dedicare due brani ad altrettanti straordinari musicisti nati a New Orleans, Wynton Marsalis e Louis Armstrong»

Tutti i brani di “We play for tips”, tra cui cinque inediti, sono stati scritti da Francesco Cafiso e da lui arrangiati insieme al pianista e compositore Mauro Schiavone con l’obiettivo di ottenere un sound intenso e potente, simile a quello di una vera e propria big band, e di lasciar spazio alla creatività di ciascuno dei membri del gruppo.

Francesco Cafiso Nonet - ph Antonio Riva

Il Francesco Cafiso Nonet è formato da: Francesco Cafiso – sax alto, flauto; Marco Ferri – sax tenore, clarinetto; Sebastiano Ragusa – sax baritono, clarinetto basso; Francesco Lento – tromba, flicorno; Alessandro Presti – tromba, flicorno; Humberto Amésquita – trombone; Mauro Schiavone – pianoforte; Pietro Ciancaglini – contrabbasso; Adam Pache – batteria.

“We play for tips” è stato registrato lo scorso giugno a Vittoria nei giorni della decima edizione del Vittoria Jazz Festival, kermesse di cui Cafiso è direttore artistico e che si svolge ogni estate nella sua cittadina natale in Sicilia.Questa la tracklist dell’album: “Blo-Wyn’”, “20 cents per note”, “International mood”, “Al-Fred”, “16 minutes of happiness”, “Boobee’s attitude”, “Pops’ character”, “Recreating”, “Business of the 30s”, “See you next time” (bonus track, unico brano registrato nel 2016 durante la nona edizione del Vittoria Jazz Festival).

We play for tips
Brani composti da Francesco Cafiso
Arrangiamenti: Francesco Cafiso, Mauro Schiavone
Produzione: E FLAT
Edizioni: Ghost Note/Made in Sicily di Abbruzzo Eleonora
Distribuzione: Egea Music

I brani sono stati registrati dal vivo a giugno 2017 in occasione della decima edizione del Vittoria Jazz Festival nel corso della prima prova al Teatro Vittoria Colonna e del primo concerto in Piazza Enriquez.
Eccetto “See You Next Time” (bonus track), registrata nel 2016 durante la nona edizione del Vittoria Jazz Festival con una formazione che includeva Rino Cirinnà (sax tenore) e David Pastor (tromba).

Ingegnere del suono: Riccardo Piparo
Sound assistant: Ciccio Musumeci
Mixato presso Lab Music Recording Studio da Riccardo Piparo
Master: Roberto Romano presso OS3 Studios
Foto: Pino Ninfa, Antonio Riva, Rori Palazzo
Cover design: Copystudio
General Manager: Angelo Cafiso

Line-up:
Francesco Cafiso – sax alto, flauto
Marco Ferri – sax tenore, clarinetto
Sebastiano Ragusa – sax baritono, clarinetto basso
Francesco Lento – tromba, flicorno
Alessandro Presti – tromba, flicorno
Humberto Amésquita – trombone
Mauro Schiavone – pianoforte
Pietro Ciancaglini – contrabbasso
Adam Pache – batteria

Tracklist:
01. Blo-Wyn’
02. 20 cents per note
03. International mood
04. Al-Fred
05. 16 minutes of happiness
06. Boobee’s attitude
07. Pops’ character
08. Recreating
09. Business of the 30s
10. See you next time (bonus track)


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 14 dicembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Roy Paci tra i big del Festival di Sanremo con Diodato

Il trombettista augustano accompagnerà sul palco del Festival della canzone italiana il cantautore pugliese che presenta il brano "Adesso"

Il Natale a Palermo è un itinerario in musica

Dal 26 dicembre al 6 gennaio nelle chiese, negli oratori e luoghi storici della città, dieci concerti gratuiti per la rassegna organizzata dai club service

Oi Dipnoi: «Pontos è il mare che ci scorre dentro e che unisce i popoli»

Il progetto musicale degli etnei Valerio Cairone, Mario Gulisano e Marco Carnemolla pubblica con l'etichetta ungherese NarRator Records il secondo album che racchiude le esperienze maturate negli ultimi anni in contesti internazionali. La formazione, che da Natale a fine gennaio sarà in Australia, presenta il nuovo disco in anteprima a Catania martedì 19 dicembre

L'attesa, il suono rivoluzionario di Ornella Cerniglia

La pianista e compositrice palermitana pubblica con Almendra Music il suo primo Ep digitale che anticipa l'album full-lenght

La Settimana internazionale di musica sacra si fa in tre

Ai consueti concerti previsti al Duomo di Monreale si aggiungono quelli di Palermo e Cefalù ospitati in alcuni monumenti del percorso arabo normanno Unesco. Si parte il 12 dicembre con un concerto dell'Orchestra Sinfonica Sicilia diretta Lior Shambadal

Nella Palermo città delle sfide, torna il rock in opposizione di Mezz Gacano

Esce per Almendra e Lizard, "Kinderheim", quinto disco dell'alter ego musicale di Davide Mezzatesta, multiforme compositore, chitarrista e pittore palermitano che da 32 anni agita l'underground nazionale con la sua musica di frontiera. Con lui la 'piccola orchestra rock' Self-Standing Ovation Boskàuz Ensemble: «Dal 1986 faccio musica senza schemi e confini»