Con il romanzo “L’albatro” Simona Lo Iacono vince il Premio letterario Città di Erice

Premi e bandi Il romanzo L’Albatro della scrittrice siracusana Simona Lo Iacono, edito da Neri Pozza, è il vincitore della seconda edizione del Premio Letterario Città di Erice — 2020, organizzato dall’Associazione Salvare Erice con il patrocinio del Comune di Erice

Il romanzo L’Albatro della scrittrice siracusana Simona Lo Iacono, edito da Neri Pozza, è il vincitore della seconda edizione del Premio Letterario Città di Erice — 2020, organizzato dall’Associazione Salvare Erice con il patrocinio del Comune di Erice. Simona Lo Iacono è un magistrato in servizio al Tribunale di Catania, e ha in precedenza pubblicato, nel 2016, il romanzo Le streghe di Lenzavacche, selezionato tra i dodici finalisti del Premio Strega, e Il morso, nel 2017. L’Albatro racconta in modo poetico e convincente gli ultimi giorni dello scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa, alternandoli con ricordi della sua infanzia, un periodo in cui iniziano a germogliare le idee e i pensieri che confluiranno nella redazione del suo capolavoro Il Gattopardo.

La copertina de L'Albatro di Simona Lo Iacono

La copertina de L’Albatro di Simona Lo Iacono

Il libro è stato scelto, a maggioranza, da una giuria composta dai soci dell’associazione, chiamati a votare una terna di libri selezionati da una short list di titoli indicati da alcune librerie siciliane, e in particolare La Libreria del Corso di Trapani, la Libreria Galli Salve UBIK di Erice, le librerie ModusVivendi e La Stanza di Carta di Palermo. Gli altri due libri finalisti sono stati La luce è là di Agata Bazzi, editore Mondadori e Cuorebomba di Dario Levantino, Fazi editore. La premiazione avverrà a Erice il 30 agosto alla presenza dell’autrice.

Simona Lo Iacono

Simona Lo Iacono: «Antonno, l’amico di Tomasi di Lampedusa che pensava al contrario»

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.