martedì 23 luglio 2019

martedì 23 luglio 2019

MENU

A Galati Mamertino il racconto della biodiversità siciliana

Tutto fa panza

Dal 7 al 9 settembre il piccolo centro nebroideo ospita la quinta edizione del festival del giornalismo enograstromico. Gli organizzatori: «E' una battaglia culturale quella portata avanti in questi anni dal festival e l’enogastronomia è solo un’occasione per parlare di filiere, di lavoro, di impegno per ridare a questo territorio il valore che merita»


di Giusy Messina

C'e aria di festival a Galati Mamertino, sui Nebrodi, in provincia di Messina dove dal 7 al 9 settembre si svolgerà la quinta edizione del Festival del giornalismo enogastronomico organizzato dall'associazione Network. Il cibo è il pretesto “goloso” per raccontare i mille volti di un territorio ricco di potenzialità da scoprire e da sviluppare con azioni di bottom up possano contribuire a costruire una filiera produttiva per uno sviluppo sostenibile di uno dei luoghi della Sicilia che vanta un ricco patrimonio di biodiversità di saperi e sapori. «E' una battaglia culturale quella portata avanti in questi anni dal festival e l’enogastronomia è solo un’occasione per parlare di filiere, di lavoro, di impegno per ridare a questo territorio il valore che merita - dicono gli organizzatori -. Al centro vi sono gli imprenditori, quelli piccoli, che intanto si stanno mettendo insieme per riportare da queste parti la coltivazione del grano, della vite, per tornare a produrre il pane come si faceva un tempo con lievito madre secolare e farine di grandissima qualità».

Galati Mamertino

Un mosaico di piccole storie di grande impegno come quella dell'imprenditore Pino Drago, tra l'altro presidente del consiglio comunale di Galati, di Giacomo Emanuele, noto con il soprannome di “Emanumiele” per aver salvato dall'estinzione l'ape nera sicula o quella ancora dell'enologo Antonio Campisi e di tanti altri che hannno deciso di accettare la sfida di rimanere al Sud. «Il Festival punta a indicare un percorso virtuoso per creare sviluppo partendo dal basso, facendo sedere al tavolo istituzioni, imprenditori, chef, intellettuali e giornalisti - spiegano gli organizzatori - per discutere di temi e soluzioni concrete”.

Giacomo Emanuele meglio noto come Emanumiele

Ricco il programma della kermesse a cui in questi anni hanno partecipato 200 giornalisti provenienti da tutta Italia, quasi 10.000 le persone che hanno visitato i luoghi del Festival partecipando alle oltre 100 tavole rotonde, presentazione di libri, incontri.

L'immagine simbolo del festival del giornalismo enogastronomico

Il via venerdì 7 settembre alle 16: con un dibattito su “Informazione e territorio: alleati per crescere” con i saluti del sindaco di Galati Mamertino Nino Baglio e del commissario del Parco dei Nebrodi Luca Ferlito. Partecipano al dibattito: Domenico Ciancio (La Sicilia), Biagio Semilia (BlogSicilia), Bernadette Grasso (assessore regionale Funzione pubblica), Peppino Sottile (Buttanissima Sicilia), Mauro Giuffré (Davision-98Zero), rappresentante Ordine dei giornalisti, Massimo Tesio (Media Relations Gustoso). Modera Nino Amadore de Il Sole 24Ore. Alle 18 “Dal pane al vino: mettersi insieme e avviare percorsi di crescita in un territorio che cambia”. Partecipano: Daniele Cipollina (Gustoso), Francesco Calanna (Gal Nebrodi Plus), Pino Drago, Francesco Caminita (In Sicilia), Ivo Blandina (Camera di commercio di Messina), Salvatore Bonaccorso (Unicredit), assessore regionale all’Agricoltura Edy Bandiera, Paolo Inglese (Unipa), Michela Giuffrida (eurodeputato), Modera Nino Giordano, Milano Finanza. Alle 19,30 al ristorante De Gusto “Un libro sotto l’albero”: Federica Raccuglia parla del suo libro “L’uomo del dialogo contro la mafia – La storia di Padre Pino Puglisi” con Giacomo Di Girolamo. Alle 20,30 nell’area Villa Regina Margherita wine show: degustazioni di vini siciliani e di prodotti dei Nebrodi condotto dalla giornalista e sommelier Maria Antonietta Pioppo. Partecipa alla serata Vincenzo Cusumano, direttore dell’Istituto regionale vite vino e olio. Degustazioni di prodotti dei Nebrodi a cura della Condotta Slow Food Nebrodi guidate dal fiduciario Angelo Pedano.

Sabato 8 settembre alle 10 all’Incubatore dei Nebrodi tavola rotonda su “Innovazione, startup, strumenti di finanziamento”. Partecipano: Marco Gay (amministratore delegato di Digital Magics), Antonio Perdichizzi, Vincenzo Cordone (Area interna Nebrodi), Francesca Rita Cerami (Idimed), Carmelo Galati Tardanico, Nino Amadore (Il Sole 24Ore), Massimo Tesio (Media Relations Gustoso). Modera: Osvaldo Esposito. A seguire: “L’innovazione in pratica”: presentazione del gelato officinale a cura di Maurizio Valguarnera, food project e maestro gelatiere. A pranzo degustazione di prodotti tipici dei Nebrodi a cura de Il Vecchio Carro e del ristorante De Gusto. Alle 16,30 all’Incubatore dei Nebrodi “Ogni viaggio è un’esperienza: costruire itinerari, far crescere il territorio” con Giovanni Ruggeri (docente economia), Edoardo Faraci (Wonderful Italy), Carlos Vinci (Mare d’Amare), Rosario Gugliotta (Slow Food), Dario Cartabellotta (direttore dipartimento Pesca), Toti Piscopo (Travelnostop), Marco Sajeva (Beemyguest), Franco Ingrillì (sindaco di Capo d’Orlando). Modera Gioia Sgarlata. Alle 18,30 presentazione della Rete del gusto e dell’accoglienza Nebrodi – Terre di Dioniso su Wine Bus. Alle 19,30 “Un libro sotto l’albero”: presentazione Guida Vini dell’Etna di Cronache di gusto Con Federico Latteri, Fabrizio Carrera, Antonio Campisi (enologo). Alle 20,30 a Villa Margherita concerto ensemble del Conservatorio A. Corelli di Messina direttore Salvatore Percacciolo. Alle 21,30 percorso sensoriale e degustazione a cura di Gustoso Sicilian Food con lo chef Andrea Ruisi.

Domenica 9 settembre alle 10 visita alle aziende, alle 13 visita e pranzo a Borgo D’Orlando. Alle 18 all’Incubatore dei Nebrodi Nino Amadore intervista il presidente della Regione Nello Musumeci. Alle 19 al ristorante De Gusto “Un libro sotto l’albero”: Salvo Toscano discute del suo ultimo libro “L’uomo sbagliato” con Nino Amadore. Alle 20 degustazioni e show ai fornelli con prodotti dei Nebrodi. Tra dibattiti e degustazioni, il Festival porterà alla ribalta, luci ed ombre, delusioni e speranze di un territorio e dei suoi abitanti che, interrogandosi sul futuro, provano a costruirlo.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 04 settembre 2018
Aggiornato il 07 settembre 2018 alle 19:39





Giusy Messina

Palermitana, classe '63, ama profondamente la sua Isola. Il suo motto è: con leggerezza si possono dire cose importanti. Si occupa di enogastronomia, storie, luoghi e territori, per raccontare una Sicilia nascosta e preziosa. Ha collaborato con il quotidiano L'Ora, La Repubblica, Cult. Ha scritto la prima guida de Il Movimento del Turismo del Vino in Italia, per la Sicilia. È giornalista pubblicista dal 1996.


TI POTREBBE INTERESSARE

Festa di primavera da Io.bio, la fattoria urbana di Palermo dove ci si riconnette con la terra

Venerdì 12 aprile l'agribistrot creato dai coniugi Gino Gambino e Carmela Senatore ospiterà l'evento di stagione che promuove l'oasi urbana con cucina biologica affidata a Marco Piraino, immersa in un agro di 3mila metri quadri lungo l'asse viario per Monreale: «Produciamo anche ortaggi, frutta, olio bio perché crediamo che sia importante nutrirsi in modo sano»

Valeria Raciti vince Master Chef 8

La trentunenne segretaria di Aci Sant'Antonio ha convinto i giudici Bruno Barbieri, Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli ed ha sbaragliato gli avversari Gilberto Neirotti e Gloria Clama. Ha vinto centomila euro e la possibilità di pubblicare un libro di ricette: «Devo tutto a mia nonna, stavo sempre con lei ai fornelli»

Catania commensale perfetta per il week end del gusto

Dal 30 marzo al 2 aprile la città etnea è stata una capitale dei sapori grazie a tre eventi di grande successo che si sono intrecciati in città: il salone dell'enogastronomia Cooking fest, il 30° congresso nazionale della Federazione Italiana Cuochi (culminato nella serata evento al Bellini) e il Cibo Nostrum alla Villa Bellini che ha donato 45 mila euro in beneficenza

Il Gambero Rosso premia Unetto, la panineria gourmet di Bagheria

La panineria di Tony Lo Coco e Marilena Chiavetta è la migliore in Sicilia nella categoria street food

L'essenza di Pantelleria e Favignana nei piatti di due grandi chef

Due isole, due chef, due eventi culinari, una grande etichetta. Cantine Pellegrino organizza a Marsala "La cucina delle isole": un pranzo dedicato a Pantelleria il 31 marzo e una cena dedicata a Favignana l'8 aprile, preparati rispettivamente da Mario Puccio e Francesco Balzani, per viaggio sensoriale alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche isolane

A Martina Caruso del Signum di Salina il premio Chef Donna Michelin

La trentenne chef siciliana è stata premiata a Milano nell’ambito della quarta edizione dell’Atelier des Grandes Dames, un network che ha lo scopo di celebrare il talento femminile nell’alta ristorazione voluto da Veuve Clicqu. Riceve il premio per la grande volontà e capacità di progredire e di rappresentare la sua isola raggiante, attraverso una grande tecnica