Capodanno a Catania all’insegna di Vincenzo Bellini, con un evento ad hoc diretto da Valerio Festi

Sarà un Capodanno all’insegna di Vincenzo Bellini, autentico “Genius Loci” di Catania. E’ questa la proposta alla Città della Giunta presieduta dal sindaco Enzo Bianco. Il cuore della città, piazza Università e piazza Duomo, diventerà un grande “salone delle feste” dove la gente si ritroverà per brindare al Nuovo Anno con le immortali melodie del Cigno catanese. Lo spettacolo, proposto dall’assessore alla Cultura e alla Bellezza Condivisa Orazio Licandro, è stato ideato e sarà diretto da Valerio Festi che lo ha “cucito” addosso alla città e ai suoi spazi.

Valerio Festi

Nelle due piazze, autentici palcoscenici barocchi, saranno rivissuti i momenti salienti della vita e delle opere di Vincenzo Bellini, con proiezioni in videomapping e spettacolari e oniriche coreografie volanti. Non solo, ma le note belliniane saranno le protagoniste, dopo la mezzanotte, di un originale Dj set che farà danzare catanesi e turisti, con un sofisticato mix di brani del sommo compositore rielaborati e attualizzati con un elaborato lavoro di post produzione.
«E’ con gioia – ha detto il sindaco Enzo Bianco – che saluto il ritorno a Catania di Valerio Festi – uno dei più apprezzati registi di eventi artistici di livello internazionale, già animatore di indimenticabili feste di Capodanno a Catania. Questa proposta che abbiamo sposato proietta Catania nel novero delle grandi capitali della Cultura».
Valerio Festi lo ricordiamo fu protagonista con la sua trilogia “Festa del Fuoco” di tre capodanni catanesi fino al 2000. “Uno spettacolo assolutamente nuovo – ha detto l’assessore Orazio Licandro – nel solco dell’identità e della tradizione culturale della città. Bellini è un messaggio per le future generazioni: un giovane talento che ha affermato la propria arte anticipando il panorama musicale del tempo”.
Il Capodanno di Catania sarà finanziato per buona parte con gli introiti della tassa di soggiorno.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.