giovedì 23 novembre 2017

giovedì 23 novembre 2017

MENU

C'è Malùra a Palermo, Carlo Loforti viaggia tra le nevrosi siciliane

Libri e fumetti

Esce il 2 novembre il nuovo romanzo dello scrittore palermitamo, già finalista al Premio Calvino con il precedente "Appalermo, Apppalermo!". Con il suo stile asciutto e sarcastico "Malùra" è un viaggio tra Sicilia e Calabria che punta dritto alle nevrosi di oggi


di Redazione SicilyMag

Da giovedì 2 novembre in libreria, il nuovo romanzo di Carlo Loforti, “Malùra” (Baldini & Castoldi editore). Dopo il successo del primo esordio “Appalermo, Appalermo!”, finalista al Premio Italo Calvino, l’autore torna con il suo stile asciutto e sarcastico in un viaggio tra Sicilia e Calabria che punta dritto alle nevrosi di oggi. Tra fissa per la cucina vegana, cotte da eterni Peter Pan, e scoperta - "senile" - delle droghe, il tentativo è quello di resistere al tempo che passa, alla vecchiaia e a quello stato d’animo, la malùra, che avvolge come una cappa il profondo sud che attraversa. "Ci si affeziona al ritmo frenetico di questa storia. A questi padri, figli, amici che vogliono riconquistarsi": è il prestigioso endorsement di Simonetta Agnello Hornby per Malùra.

Carlo Loforti

Il libro. Uscito da un carcere palermitano dopo 13 mesi di custodia cautelare, Mimmo Calò, ex star di una trasmissione sportiva locale, non ha un piano, non ha un lavoro, non ha più una moglie. Ha solo una figlia, che però già a soli quattro anni sembra aver capito di doverlo odiare. In questo stato di crisi c’è però un’altra dolorosa frattura da sanare, anche se Mimmo non vuole ammetterlo: la fine del rapporto con il migliore amico Pier Francesco. Suo padre Pietro insiste ripetutamente perché i due facciano pace, preoccupato che anche il figlio possa distruggere un’amicizia importante come lui, più di quarant’anni prima, ha fatto con Fefè. «Se tu fai pace con lui, io faccio pace con quella cosa inutile», gli promette Mimmo, convinto che la cosa non possa verificarsi.

Quando si accorge che il club di calcio che gli ha offerto un lavoro come allenatore è solo una copertura per attività illecite e si mette nei guai con dei criminali palermitani, l’ex giornalista decide di mollare tutto, togliere le tende per un po’ e accettare la proposta del padre: compiere un lungo viaggio alla volta della Calabria, per recuperare l’amicizia perduta con Fefè. Mimmo, invece, non sembra disposto a onorare la promessa fatta. Per intercessione del padre, però, il giorno della partenza si presenta anche Pier Francesco. I tre sono costretti a partire insieme a bordo di una Ritmo dell'88, per un rutilante viaggio attraverso una Sicilia rovente e sgangherata, alla ricerca di se stessi e del vero significato dell'amicizia, dell'essere padri e dell'essere figli.

Calò è cinico e svogliato, cafone e filosofo. Rompe il ghiaccio con il politically scorrect per poi sedurti con i principi saldi: la famiglia, l’amicizia, la fedeltà. Ha un’ironia fortemente calata nel suo spazio e nel suo tempo, nei temi carichi di nevrosi della società di oggi: la fissa per la cugina vegana, la perdita del valore delle relazioni, le solitudini di coppia.
C’è la Sicilia dei paesini e delle borgate cittadine, polverosa e rovente, che ci arriva da una scrittura asciutta e quotidiana, con un ritmo incalzante come una ballata rock. C’è la musica, tanta - proveniente da una vecchia musicassetta intrappolata dentro l’autoradio dal 1988 - da Bob Dylan a Zucchero, da Sabrina Salerno ai Pooh. C’è il rapporto tra criminalità organizzata e sport (calcio scommesse, richieste di pizzo celate dietro sponsorizzazioni legali e sancite con tanto di fattura). Ci sono gli over quaranta costretti a tornare a casa dalla mamma, le difficoltà a reinserirsi nella società dopo una detenzione, gli amori che finiscono. Ci sono le problematicità dell’essere genitori e dell’essere figli, a qualsiasi età; una figlia che si vergogna del padre, che vuole cambiare cognome a soli quattro anni e che minaccia di chiamare papà un altro uomo.
E c’è il viaggio, l’unica cosa a cui abbia senso aggrapparsi. Un comico viaggio per recuperare il senso delle deviazioni, per mettere a posto le colpe dei padri, per resistere al tempo che passa, alla vecchiaia e a quello stato d’animo, la malùra, che avvolge come una cappa il profondo sud che attraversano. Un viaggio al cuore delle nevrosi, che evaporano dall’asfalto rovente siculo-calabrese tra risse e paesaggi mozzafiato, musi lunghi e perdoni, furti e cotte adolescenziali, inseguimenti e scoperta (senile) delle droghe, sparatorie e redenzioni. Fino alla rivelazione definitiva: non si possono sanare le fratture, si può solo continuare il viaggio.

L'autore. Carlo Loforti, palermitano, classe ’87. Ha scritto Suicidi d’onore (2013) e ha lavorato come autore per web e cinema. È stato tra i finalisti della XXVIII edizione del Premio Italo Calvino con Appalermo, Appalermo!, suo primo romanzo pubblicato da Baldini&Castoldi.

Il libro sarà presentato il 10 novembre, alle 19, alla libreria Modus Vivendi di Palermo.



© Riproduzione riservata
Pubblicato il 01 novembre 2017
Aggiornato il 03 novembre 2017 alle 13:33





TI POTREBBE INTERESSARE

Carlo Loforti: «Mimmo Calò è un concentrato di palermitanità, senza peli sulla lingua»

Il personaggio nato dalla penna dello scrittore e psicologo palermitano, arrivato al grande pubblico con "Appalermo, Appalermo" (tra i finalisti del XXVIII Premio Italo Calvino), con il suo modo divertente e odiabile è protagonista anche di "Malùra", il nuovo romanzo dal ritmo incalzante edito da Baldini & Castoldi. IL24 novembre la presentazione a Catania

Hit Parade, la mia vita in 30 canzoni secondo Luigi Pulvirenti

Il giornalistica e scrittore catanese nel suo ultimo libro, edito da Algra, non stila una classifica ma concentra in 30 racconti, ciascuno legato ad una canzone, il proprio rapporto con la musica: «Perché, spesso, sono proprio le canzoni a ricostruire la nostra biografia. Presentazione il 24 novembre al Machiavelli di Catania

Iole Pappalardo: «L'uomo non tarpi le ali alla donna, l'amore è libertà»

La scrittrice catanese nel suo secondo romanzo "Sulle ali della felicità" (NullaDie Edizioni) tocca vari rapporti d’amore, da quello tra due amanti, a quello tra figlia e padre, passando per quello tra madre e figlia e, perché no, anche da quello tra amiche: «L’amore non può essere dolore e prigione ma libertà, rispetto, amicizia»

Jim Tatano: «Dalla Sicilia a Roma per scompigliare l’establishment»

Nuova presentazione editoriale il 26 ottobre a Mussomeli per il giovane scrittore e giornalista nisseno autore de "La ragnatela del potere" romanzo costruito sulle nervature di una struttura sociale intrigata e misteriosa, massonica e oscura, in cui non esistono certezze

“Sicilian Comedi” di Cappellani: «La Sicilia è buttanismo e grazia»

I patti sono chiari: «Dovete prendermi come uno scrittore che non ha una portata morale». 10 anni dopo “Sicilian Tragedi”, c’è tanta provocatoria meraviglia nella storia di mafiosi di “Sicilian Comedi", trasposizione siculocentrica dello shakespeariano "Sogno di una notte di mezza estate", un carro trionfale di buttanazze, figure femminili intelligenti, scaltre e senza scrupoli

Giacomo Cacciatore: «Emanuele Piazza vittima di una Palermo che non perdona la fantasia»

Tra realtà e finzione, lo scrittore palermitano ha costruito “Uno sbirro non lo salva nessuno. La vera storia di Emanuele Piazza, il Serpico palermitano" sull'assenza dell'ex poliziotto che nel 1990 finì vittima della lupara bianca armata da un intrigo di servizi segreti, mafia, omertà, e amicizie tradite: «Emanuele amava Serpico, ho creato aperture più letterarie su di lui che immagina di rivivere scene del film»