Beatles per archi barocchi a Malta

Musica La formazione palermitana GliArchiEnsemble, primo gruppo siciliano a partecipare al Valletta International Baroque Festival, presenterà “Beatles go Baroque”: progetto che comprende quattro concerti grossi in stile barocco, composti nel 1985 dall’americano Peter Breiner

Trasferta maltese per l’orchestra d’archi siciliana Gli Archi Ensemble che, sabato 30 gennaio alle ore 12 si esibirà al Teatru Manoel di La Valletta (Malta) nell’ambito del Valletta International Baroque Festival 2016. L’orchestra, nata a Palermo dall’unione delle prime parti dell’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo e dell’Orchestra Sinfonica Siciliana, è il primo gruppo siciliano a partecipare al prestigioso festival maltese, celebrazione dell’identità barocca della capitale di Malta.

 

Gli Archi Ensemble

Gli Archi Ensemble

Gli Archi Ensemble, che ha negli anni ampliato il repertorio e perfezionato l’intenzione interpretativa, grazie all’esperienza maturata a livello internazionale e alla collaborazione con illustri solisti e direttori del calibro di Boris Belkin, Günter Neuhold, George Pehlivanian, Hubert Soudant, a la valletta presenterà “Beatles go Baroque”, progetto che comprende quattro concerti grossi in stile barocco, composti nel 1985 dall’americano Peter Breiner e registrati nel 1987 nei leggendari Abbey Road Studios. Le musiche, sulle cui note ha ballato anche l’American Ballet Theatre, comprendono quattro concerti grossi scritti nello stile di Händel, Vivaldi, Bach e Corelli e sono un omaggio al grande repertorio barocco italiano e al contempo al mito dei Beatles, che viene riproposto oggi da GliArchiEnsemble a distanza di 51 anni dal primo tour americano del gruppo di Liverpool.

In dieci anni di attività GliArchiEnsemble si è esibito in prestigiose sale da concerto in tutto il mondo: in Australia, al Sydney Italian Festival e alla Verbruggen Hall di Sydney (2007), a Canberra, ad El Jem e ad Hammamet al Festival Internazionale di Musica di Cartagine. E ancora in Svizzera e Cina (2009), Brasile, Argentina e Uruguay (2010). In Italia ha inaugurato la prima stagione musicale della Rai di Palermo, per la quale si esibisce regolarmente in concerti trasmessi sul canale satellitare di RAI International. Dal 2011 l’ensemble collabora con il compositore siciliano Mario Crispi, il gruppo Arenaria e Roberto Molinelli. A dicembre 2012 ha inoltre concluso un ciclo di concerti dedicati alla memoria del violinista Salvatore Cicero. Sul fronte discografico, nell’aprile 2012 GliArchiEnsemble ha inciso per Foné “Il suono del ‘900”, registrato al teatro Persio Flacco di Volterra, con due prime assolute: la Capriol Suite per orchestra d’archi in sei movimenti / danze di Peter Warlock, la Serenata per archi op. 20 di Edward Elgar e la Serenata per Archi op. 6 di Josef Suk, tanto amata da Brahms. L’ultimo disco, dedicato alle scuole nazionali del nord Europa, è uscito a dicembre 2013 per Stradivarius.

Gli Archi Ensemble: Domenico Marco, Salvatore Tuzzolino, Cristina Pantaleone, Domenico Pirrone, Marco Badami, Alessandro Zambito(violini); Vincenzo Schembri, Giuseppe Brunetto (viole); Giorgio Gasbarro, Francesco Pusateri (violoncelli); Christian Ciaccio (contrabbasso); Salvatore Scinaldi (Cembalo)

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.