venerdì 14 dicembre 2018

venerdì 14 dicembre 2018

MENU

«Un cantico per Librino, territorio abbandonato ma affamato di fiducia»

Fotografia

Il mecenate ha presentato il suo nuovo progetto socio-artistico, il "Cantico di Librino", allestimento di oltre mille fotografie di abitanti della città satellite di Catania che saranno esposte sui pali del quartiere: «Una purificazione nel segno della luce e della bellezza che nutre l’anima attraverso la consapevolezza di far parte tutti della stessa eternità»


di Manlio Vucotich

Ascoltare oggi le parole del presidente di Fiumara D’Arte Antonio Presti, è come aprire una parentesi di luce tra le righe di una contemporaneità offuscata. Nella società degli emoticon e dei “tvb”, sentire parlare di valori, di arte, bellezza, cultura e storia, senza sincopare frasi ed emozioni, senza ricorrere al telefonino per far squillare il cuore, rappresenta un momento per ponderare presente e futuro. Per immaginare quale possa essere l’unico sbocco, se la strada intrapresa dai giovani rimane quella che oggi li vede correre alla velocità del digitale.

Antonio Presti a Librino con i fotografi del progetto

Ripartire dalle scuole, agenzie educative e di crescita, valorizzando parole e pensieri, note di musica e colori, per eliminare il grigiore e riscoprire il calore di uno sguardo «diventa l’obiettivo da seguire – spiega il maestro Presti – per amplificare i sentimenti e nutrire le nuove generazioni con la bellezza». Per questo il “Cantico di Librino” è stato pensato e ideato per creare quel momento catartico che proietta, dentro chi guarda, una nuova consapevolezza: oltre 1000 volti degli abitanti del quartiere, su banner giganti posizionati sui pali che circondano le loro case e le loro strade, «consentiranno di stabilire quel momento di collegamento con l’universale. È stato un grande lavoro di ricerca, volto a costruire un senso di condivisione che parte dalla fruizione artistica quotidiana».

Stamattina al cortile dell’Istituto Angelo Musco, la presentazione ufficiale, che nei prossimi giorni vedrà la fase operativa dell’installazione monumentale. A incorniciare gli sguardi di bambini, adolescenti, uomini, donne e anziani, le parole del cantico di San Francesco d’Assisi, uomo che proprio oggi il Papa ha definito “missionario di speranza”: «È da qui, da questo territorio abbandonato ma affamato di fiducia – continua Presti – che le voci dei più piccoli si uniscono in coro per lanciare gli auguri di buon onomastico al Santo Padre, che richiama il Vangelo per far conoscere Gesù vivo, che parla al cuore e cambia la vita, così come cita il tweet lanciato proprio oggi dal Pontefice».

La presentazione del Cantico di Librino

Guarda la gallery della presentazione del Cantico di Librino

Ed è su queste armonie che stamani si è innestata la manifestazione che ha visto presenti tutti i referenti di parrocchie e associazioni del quartiere: un momento che ha coinvolto in prima persona i giovani del liceo musicale e che la dirigente scolastica Cristina Cascio ha definito «denso di significato simbolico, per i valori e le suggestioni custodite tra le parole e le azioni di Antonio Presti». Presente all’evento anche il primo cittadino di Catania Salvo Pogliese, che non è voluto mancare per lanciare un messaggio ai ragazzi e a tutta la comunità presente: «Supporteremo Antonio Presti in tutte le iniziative che vorrà mettere in campo, con spirito di collaborazione e condivisione – ha detto alla platea – il presidente di Fiumara d’Arte, intellettuale e maestro che tanto continua a dare e donare alla nostra città, rappresenta un grande punto di riferimento per un quartiere che deve vivere momenti di rigenerazione e rinascita: un’altra sfida che questa Amministrazione si propone di portare avanti con forza, lavorando ogni giorno e sostenendo tutte le iniziative volte a raggiungere questo obiettivo».

E proprio per ricostruire i luoghi della conoscenza e gli spazi legati ai sentimenti, che Presti ha dichiarato: «Dopo cinque anni di lontananza da un quartiere che amo con tutte le mie forze e per cui ho lavorato tanto, ritorno tra questa gente con più energia e consapevolezza. Prossimo passo sarà quello di portare a compimento il Museo dell’Immagine e dell’Arte Contemporanea di Librino, con le macro-installazioni sulle facciate dei palazzi di cemento. Ho speso tutta la mia vita per creare presidi etici ed estetici e continuerò a farlo nel segno della cultura, contro l’ignoranza e l’analfabetismo funzionale di ritorno che oggi si chiama “schiavitù” dell’anima».

«Una purificazione nel segno della luce e della bellezza che nutre l’anima attraverso la consapevolezza di far parte tutti - senza distinzione alcuna di cultura, etnia o religione - della stessa eternità». Descrive così l’anima del “ Cantico di Librino” il mecenate Antonio Presti che, tra le vie del quartiere periferico del capoluogo etneo, ha sempre trovato terreno fertile per portare avanti progetti che trasferiscono valore; danno voce e volto all’umanità del mondo; restituiscono sacralità al presente attraverso sguardi di bambini, pensieri di cultura, note di musica e di poesia.

Antonio Presti

«Un ringraziamento pubblico d'amore va a tutti gli abitanti di Librino che da anni seguono, rispettano, proteggono e difendono tutte le iniziative della Fondazione Fiumara D’Arte – spiega Presti – contribuendo a creare un’identità solida del quartiere, grazie al trasporto e al coinvolgimento che hanno sempre mostrato nei confronti dei progetti portati avanti con fatica e con grande spirito di sacrificio».

Ultimo nato è proprio il “Cantico” dedicato a San Francesco, un’installazione fotografica monumentale, che s’innesta nel grande progetto in progress del Museo dell’Immagine e dell’Arte Contemporanea di Librino, e che vedrà oltre 1000 banner giganti, volteggiare sui tralicci dell’illuminazione stradale e sui muri del quartiere. Ad essere accarezzati dal vento della pace e della speranza, ci saranno i volti di tutti gli abitanti che negli scorsi mesi hanno partecipato ai laboratori che hanno visto all’opera i fotografi Arianna Arcara, Luigi Auteri, Valentina Brancaforte, Cristina Faramo, Claudio Majorana, Alessio Mamo, Orazio Ortolani, Maria Sipala, coordinati dal catanese pluripremiato Antonio Parrinello, con la straordinaria partecipazione del rinomato fotografo franco-iraniano Reza Deghati e del fratello e collega Manoocher.

Antonio Presti e Antonio Parrinello

A rafforzare poi il messaggio etico saranno le attualissime parole della preghiera universale del Santo di Assisi, che con il suo linguaggio democratico sprigiona tutta la potenza della fratellanza e di quell’essere che combatte con forza la logica dell’avere. Le immagini, che verranno posizionate riprendendo la geometria delle strade di Librino, che si susseguiranno una dopo l’altra e si avvolgeranno in cerchi concentrici, staranno lì ad indicare la linea dell’Esistenza: dall’infanzia alla vecchiaia, passando per la rigenerazione e il ciclo della vita che si nutre di eterno.

«È con grande piacere che continuiamo questa proficua collaborazione, che ormai da diversi anni ci vede al fianco del maestro Presti nelle sue iniziative per e nel nostro territorio – sottolinea la dirigente scolastica Cristina Cascio - i ragazzi dei percorsi liceali, in particolare artistico e musicale, sono stati molto attivi nella fase di allestimento finale e hanno inoltre lavorato all’opera dal punto di vista non solo meramente artistico, ma anche letterario e filosofico. Siamo ben lieti di ospitare l’inaugurazione di questa esposizione, e proprio per il grande momento educativo presente dietro il progetto, per i suoi significativi valori e suggestioni custodite, abbiamo pensato di legarlo ufficialmente all’inaugurazione dell’anno scolastico con tutti i nostri ragazzi presenti». Perché è dalla condivisione che nasce il valore della solidarietà; è con l’unione che si vincono le battaglie che mirano al cuore.

Uno dei banner fotografici del cantico di Librino

«È una bellissima iniziativa e sono sicura che cambierà il volto del nostro quartiere – spiega Adriana Donini, responsabile della palestra di pugilato del Palanitta Catania Ring - l’istallazione avrà un impatto più che positivo per tutti; già le famiglie e i ragazzi che sono stati convolti direttamente nella realizzazione del progetto non vedono l’ora di ammirarlo per riflettersi nell’opera del maestro Presti».

«Questo progetto rappresenta un riscatto per un intero quartiere – spiega Antonio Parrinello, che ha coordinato i laboratori fotografici del Cantico - la gente fotografata ha dichiarato apertamente “io ci metto la faccia”, senza filtri e senza veli. Attraverso questi ritratti abbiamo raccontato la vita - dai neonati agli anziani, passando per gli adolescenti - uno scambio di umanità anche e soprattutto per noi fotografi. Mentre scattavo sentivo questa grande emozione e partecipazione di tutti gli abitanti, che hanno bisogno di figure come quella di Antonio Presti: un punto di riferimento, un maestro che trasferisce conoscenza, cultura e bellezza all’interno della comunità».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 04 ottobre 2018
Aggiornato il 05 ottobre 2018 alle 22:16





TI POTREBBE INTERESSARE

Tiziana Blanco: «L'eredità araba della Sicilia ancora oggi ponte fra culture»

Esposta per la prima volta a Sharjah, negli Emirati Arabi Uniti, la mostra "Il tempo. L’anima antica del futuro" della fotografa siracusana è a Montalbano Elicona. Le radici odierne della Sicilia araba si affiancano a Sharjah e Dubai, città d'avanguardia degli Emirati: «Sarà interesse reciproco continuare a far dialogare le nostre due culture, il presente col passato»

Nino Costa: «Museo riflesso, il mio sguardo voyeuristico tra l'opera d'arte e lo spettatore»

Resta in esposizione fino al 15 luglio a Catania la mostra del fotografo acese, docente al liceo artistico di Catania, che nei suoi scatti intercetta il "momento sospeso", che fu di Luigi Ghirri, nel museo di una qualunque città, nelle visite a mostre temporanee e a collezioni permanenti: «Con un punto di vista ravvicinato, il tentativo è quello di isolare il rapporto più intimo»

World Press Photo, Alessio Mamo secondo nella categoria People

La fotografia dell'anno secondo il più importante concorso di fotogiornalismo mondiale è 'Venezuela Crisis' di Ronaldo Schemidt. Tutti gli scatti premiati saranno esposti a Palermo dal 14 settembre al 7 ottobre

Alessio Mamo, il catanese candidato al World Press Photo 2018

Con lo scatto di Manal, una bambina irachena sfigurata in viso e costretta a portare una maschera in attesa di un intervento di chirurgia plastica, il fotografo catanese attento ai temi sociali, politici ed economici contemporanei, è candidato a vincere uno dei più prestigiosi premi di fotogiornalismo internazionale per la categoria "People"

Antonio Presti dona "Il Cantico delle Creature" a Librino

Il mecenate messinese prosegue nel suo percorso artistico e spirituale volgendo lo sguardo a quella periferia catanese da vent'anni al centro dei suoi progetti culturali che a giorni ospiterà “Il Cantico di Librino”: una installazione fotografica monumentale di cui sono protagonisti gli stessi abitanti del quartiere, immortalati dai dieci fotografi siciliani

Armando Rotoletti: «Nelle piazze ho cercato l'anima dei luoghi»

E non c'è dubbio che l'abbia trovata il fotografo e scrittore messinese, milanese d'adozione, che nel suo ultimo volume "Sicilia in piazza" ha immortalato 82 luoghi storici e simbolici di tante "póleis" siciliane: «Lavorare in Sicilia ha per me una valenza intima che sto scoprendo sempre di più. Credo che il mio prossimo lavoro sarà ancora dedicato a questa terra»