mercoledì 19 settembre 2018

mercoledì 19 settembre 2018

MENU

Allo scrittore Hanif Kureishi il 39° Efebo d'oro

Visioni

Durante il prestigioso evento che si terrà a Palermo dal 12 al 18 novembre saranno premiati anche i videoartisti Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi e la scrittrice Ivelise Perniola. In programma 21 lungometraggi, 9 prime visioni, opere di videoarte, cortometraggi, incontri con autori, registi, scrittori, attori, saggisti, giornalisti e critici


di Redazione SicilyMag

La 39ma edizione del Premio internazionale Efebo d’oro si svolgerà a Palermo dal 12 al 18 novembre. Il prestigioso evento, organizzato dal Centro di ricerca per la narrativa e il cinema, assegna questa’anno, durante la cerimonia del 18 novembre (ore 18.30 al Cinema De Seta) il Premio alla carriera della Banca Popolare Sant’Angelo al famoso scrittore, sceneggiatore, drammaturgo e regista anglo-pakistano Hanif Kureishi e il Premio “Città di Palermo” per i Nuovi linguaggi a Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, videoartisti apprezzati e premiati in tutto il mondo, mentre il Premio per il miglior saggio di cinema sarà assegnato a Ivelise Perniola per il volume Gillo Pontecorvo o del cinema necessario.

Lo scrittore Hanif Kureishi - ph  Kier Kureishi

«Con lo sguardo già rivolto alla quarantesima edizione – ha affermato Egle Palazzolo, Presidente del Centro di ricerca per la narrativa e il cinema – apriremo la trentanovesima nel segno della continuità con il rinnovamento che abbiamo portato avanti negli ultimi anni, proiettando il film Visages, Villages di Agnès Varda e JR che simbolicamente ci ricollega alle due edizioni precedenti. Infatti JR è l’autore di Ellis, l’emozionante video interpretato da Robert De Niro che ha aperto l’Efebo d’oro 2015, e Agnès Varda montava questo suo ultimo film lo scorso anno, proprio nei giorni in cui veniva premiata a Palermo con l’Efebo d’oro alla carriera»
Anche quest’anno grandi nomi, un programma ricchissimo e l’apertura con un’anteprima d’eccezione sabato 12 novembre alle ore 21,00 al Cinema De Seta: la proiezione di Visages, Villages di Agnès Varda e JR, nato dall’amicizia tra la grande regista e JR, “fotografo di strada”, autore di gigantesche immagini che diventano murales.

Per il terzo anno consecutivo il Premio Efebo d’Oro per i nuovi linguaggi "Città di Palermo” sceglie come disciplina la videoarte: Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, cineasti indipendenti tra il cinema e la pittura, sono presenti con i loro film e installazioni nelle collezioni del MoMA a New York, del The Museum of Modern Art di Yokohama, del British Film Institute di Londra, della Cinémathèque Française, della Fondation Cartier pour l'art contemporain di Parigi, del Mart di Rovereto, della National Gallery of Art di Washington, e celebrati in tutto il mondo con mostre, installazioni e premi. Durante la settimana saranno proiettati alcuni loro lavori al Cinema De Seta e giovedì 16 novembre alle 16,00 al Teatro Garibaldi i due premiati parteciperanno a un incontro condotto da Frédéric Bonnaud, giornalista e conduttore della radio francese, direttore della Cinémathèque française.
Dal 12 al 18 novembre saranno 21 i lungometraggi proposti, 9 prima visioni, opere di videoarte, cortometraggi, incontri con autori, registi, scrittori, attori, saggisti, giornalisti e critici in varie sedi: il Cinema De Seta e il Centro sperimentale di cinematografia ai Cantieri culturali alla Zisa, il Teatro Garibaldi.
A Hanif Kureishi va il Premio Efebo d’Oro alla carriera, assegnato anche quest’anno dalla Banca Popolare Sant’Angelo, promotrice sin dalle prime edizioni e da sempre vicina al Premio internazionale di cinema e narrativa. A lui sarà dedicata una retrospettiva, dal 13 al 17 novembre, con otto film da lui sceneggiati o tratti da sue opere tra i quali My Beautiful Laundrette, di Stephen Frears, candidato nel 1985 al Premio Oscar per la sceneggiatura.

I videoartisti  Angela Ricci Lucchi e Yervant Gianikian

Venerdi 17 novembre alle 19,00 Kureishi parteciperà a un incontro con il pubblico al Cinema De Seta e alle 22,30 assisterà alla proiezione del suo film London kills me.
Il riconoscimento per il miglior saggio di cinema va a Ivelise Perniola per il volume Gillo Pontecorvo o del cinema necessario pubblicato da ETS nel 2016.
Da lunedì 13 novembre, al cinema De Seta dei Cantieri culturali alla Zisa, saranno proiettati gli otto film tratti da opere letterarie tra i quali la Giuria sceglierà quello premiato: La mia vita da Zucchina di Claude Barras, film d’animazione in stop-motion arrivato fino alla candidatura ai Golden Globe e ai Premi Oscar 2017; Lady Macbeth di William Oldroyd, prodotto da BBC Films e British Film Institute; La pelle dell’orso dell’esordiente Marco Segato, con Marco Paolini, coprodotto da Rai Cinema; Elle di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, nominata al Premio Oscar e vincitrice di César e Golden Globe; Monolith di Ivan Silvestrini, un’ibridazione intelligente tra l’universo dei comics e quello del cinema; Return to Montauk, del regista Palma d’oro e Premio Oscar Volker Schlöndorff, in concorso al Festival di Berlino 2017 e inedito in Italia; Naples ‘44 del regista napoletano Francesco Patierno, che sarà presente in sala e Corniche Kennedy della regista franco-algerina Dominique Cabrera, che rivolge uno sguardo particolare alla vita sociale delle periferie.
«Abbiamo cercato di creare un sottile fil rouge – ha affermato il Direttore artistico Giovanni Massa, riconfermato per il terzo anno consecutivo - che potesse dare dei riferimenti anche lievi allo spettatore: dal film d’apertura, Visages Villages, in cui tornano Agnés Varda e JR, all’opera inedita di Volker Schlondorff, scritta da quel Colm Tóibín autore del romanzo Brooklyn da cui il film in concorso all’Efebo 38; e Corniche Kennedy, tratto da un romanzo – inedito in Italia - di Maylis de Kerangal, straordinaria autrice di Lampedusa. E Norman Lewis, da cui è tratto Naples’44 che, interessato all’Italia, in vita si occupò anche del fenomeno mafioso. E gettiamo uno sguardo al futuro con le contaminazioni che attraversano quasi tutti i film in programma - primi fra tutti i premi alla carriera e per i nuovi linguaggi, che della contaminazione e della ricerca hanno fatto un nodo centrale delle loro opere»

La scrittrice Ivelise Perniola

In programma anche quattro proiezioni speciali Libere, disobbedienti, innamorate della regista palestinese Maysaloun Hamoud, che sarà presente; In the Last Days of the City del regista indipendente egiziano Tamer El Said, anch’egli presente a Palermo; Cinema grattacielo di Marco Bertozzi, che incontrerà il pubblico mercoledì 15 novembre e Quell’estate felice di Beppe Cino.
Convinto sostegno ha portato Alessandro Rais, Dirigente dell’Ufficio speciale per il Cinema e l’Audiovisivo / Sicilia Film Commission della Regione Siciliana: «Avete traghettato l’Efebo d’oro da Premio a Festival con una attenzione ai nuovi linguaggi che esplorano territori apparentemente di nicchia e che invece contribuiscono a costruire un pubblico più maturo e sensibile come vuole l’Unione Europea. Iniziative come la vostra contribuiscono allo sviluppo di nuove forme di economia della cultura».

In Giuria quest’anno, insieme alla Presidente del Centro di ricerca per la narrativa e il cinema Egle Palazzolo, il critico e storico del cinema Paolo Cherchi Usai, il regista Beppe Cino, l’attore Corrado Fortuna e lo scrittore Mario Valentini. Per la Sezione saggio sul cinema, Nicolò Lombardo, vice presidente del Centro di ricerca per la narrativa e il cinema, e le giornaliste Laura Anello e Tiziana Lo Porto.
Tutte le mattine, al cinema De Seta, saranno effettuate proiezioni per le scuole.
La cerimonia di premiazione della 39ma edizione dell’Efebo d’oro, guidata dal riconfermato Direttore artistico Giovanni Massa, si svolgerà al cinema De Seta dei Cantieri culturali alla Zisa sabato 18 novembre alle 18,30. Alle 20,30 la proiezione del film Efebo d’oro 2017.
L’Efebo d’Oro, organizzato dal Centro di ricerca per la narrativa e il cinema, è realizzato con il contributo di Ministero dei Beni Culturali, Direzione Generale Cinema, della Regione Siciliana, Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo – Ufficio speciale per il Cinema e l’Audiovisivo / Sicilia Film Commission nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei – Cinema e Audiovisivo, della Città di Palermo, Assessorato alla Cultura. Main Sponsor Banca Popolare Sant’Angelo. La 39a edizione dell’Efebo d’oro è organizzata in collaborazione con Garante per l’infanzia e l’adolescenza del Comune di Palermo, Centro Tau, Manifesta 12, Cineteca di Bologna, Centro Sperimentale di Cinematografia-sede Sicilia, Institut Français Palermo, Gesap, Libreria Modus Vivendi, Ferribotte film, Rotary Club Palermo Sud, Ande, Lions Palermo dei Vespri, L&D, Mazda-Isvautodue, Sallier de la Tour.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 01 novembre 2017
Aggiornato il 07 novembre 2017 alle 12:43





TI POTREBBE INTERESSARE

Il Cinema di Frontiera di Marzamemi è pronto a partire

La XVIII edizione del Festival internazionale diretto da Nello Correale, che eccezionalmente si svolgerà a settembre, prenderà il via mercoledì 12 come di consueto nel borgo marinaro di Pachino. Cinque i lungometraggi in concorso oltre a un omaggio a Vittorio De Seta, una retrospettiva dedicata al regista polacco Krzysztof Kieślowski e i 20 film brevi di "ConCorto". Tra gli eventi collaterali ci sarà Morgan nelle vesti di "poeta"

Militello Film Fest, sarà Antonio Marcianò a studiare a New York

Chiusa la prima edizione dell'Indipendent Film fest che la cittadina calatina ha affidato alla direzione artistica del regista Daniele Gangemi. Il giovane attore militellese è stato segnalato al Lee Stransberg Theatre & Film Institute per il suo ruolo nel corto "Quarantesimo giorno" sull'abbandono degli animali. Saluto in video del militellese doc Pippo Baudo

«Militello avrà il festival di cinema indipendente più importante d'Italia»

E' pieno di grandi propositi il regista catanese Daniele Gangemi (che a fine intervista dà le prime anticipazioni sul suo nuovo film), direttore artistico del neonato Militello Indipendent Film Fest, che ha ricevuto più di 5 mila richieste di partecipazione: «Al miglior attore o attrice offriamo un mese di stage al Lee Strasberg Theatre & Film Institute a New York. Manco il festival di Venezia lo fa»

Garden-in-Movies, il cinema nel salotto botanico dell'Etna

Dal 3 al 5 agosto la seconda edizione al parco di Radicepura a Giarre del festival del cinema diretto da Ornella Sgroi. Tra gli ospiti Valentino Picone, nella veste di produttore del corto “Processo a Chinnici” di Marco Maria Correnti, l’attrice Manuela Ventura e il regista Claudio Giovannesi, in veste di giurati dello ShortFilmFest, i fratelli Stefano e Luisa Amatucci, regista e attrice del film “Caina”

"Librino Express", un corto per la campagna "Autobus sicuri"

Il cortometraggio di Alfio D'Agata, realizzato su su iniziativa di AMT nell'ambito della campagna di sensibilizzazione sulle violenze sui mezzi pubblici, sarà presentato in anteprima a Catania giovedì 12 luglio

Taormina Film fest, tutto pronto per la sessantaquattresima edizione

Dal 14 al 20 luglio torna la kermesse cinematografica, con la produzione di Videobank e la direzione artistica di Silvia Bizio e Gianvito Casadonte: «Il festival – dichiarano i direttori artistici - quest’anno privilegia film diretti da donne e film con forti temi socialii». Tra gli ospiti attesi Rupert Everett, Richard Dreyfuss, Matthew Modine, Maria Grazia Cucinotta, Monica Guerritore